Come la guerra in Ucraina vanifica gli Obiettivi globali di sviluppo sostenibile

Molti dei passi avanti dal 2015 a oggi sembrano annientati dal conflitto. I danni ambientali ed economici della guerra in Ucraina non sono ancora quantificabili, ma sono di portata globale e ci allontanano ancor di più dal 2030

A partire da settembre 2015, Stati, aziende e organizzazioni pubbliche lavorano per preservare il futuro delle prossime generazioni sulla base dei 17 obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) elaborati dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite. E’ l’Agenda 2030.

Ma un fattore potrebbe vanificare tutti i risultati ottenuti dalla comunità internazionale: la guerra. Vediamo come l’aggressione militare russa in Ucraina influisce sugli obiettivi globali di sviluppo sostenibile.

obiettivi di sviluppo sostenibile

Obiettivi #1 “No alla povertà” e #8 “Lavoro dignitoso e crescita economica”

Secondo l’Ufficio dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati, più di 6,9 milioni di ucraini hanno lasciato il Paese, perdendo case, lavoro e fonti di reddito. Quasi l’80% delle aziende e delle imprese ucraine sono state chiuse. Anche dopo la liberazione dei territori occupati, queste regioni non sono sicure per ripristinare le infrastrutture e le condizioni di lavoro standard a causa delle mine antiuomo e di altre minacce.

Secondo la Banca Mondiale, l’economia dell’Ucraina si ridurrà del 45,1%. Lo stesso vale per il sistema bancario. Attualmente la situazione è ancora stabile grazie alla gestione manuale del sistema finanziario, all’iniezione della Banca Nazionale Ucraina, al sostegno dei partner occidentali e alla disponibilità di liquidità nelle banche. Ma lo shock economico è alle porte. Dopo la fine delle ostilità attive, la Banca Nazionale Ucraina dovrà rinunciare al controllo contabile.

L’area seminata a cereali primaverili per il raccolto del 2022, a causa della guerra, potrebbe ridursi del 30-40%. Secondo le stime preliminari dell’APK Inform, il raccolto totale di cereali e semi oleosi potrebbe raggiungere circa 53 milioni di tonnellate – solo la metà del raccolto record dello scorso anno.

La distruzione degli impianti causerà perdite del 30-40% nell’industria metallurgica. Pertanto, il PIL dell’Ucraina nel 2022 si ridurrà del 35-50%; metà delle imprese potrebbero essere chiuse.

Il Ministero dell’Economia ucraino e la Kyiv School of Economics (KSE) stimano che dal 24 febbraio al 2 maggio, i danni materiali sono più di 92 miliardi di dollari. Le perdite indirette ammontano a circa 600 miliardi di dollari. Per fare un paragone, l’ultima valutazione delle Nazioni Unite sui danni subiti dalla Siria a causa dei tre anni di conflitto armato raggiunge i 442 miliardi di dollari di perdite indirette, comprese le perdite dirette dovute alla distruzione fisica delle infrastrutture e degli impianti industriali, stimate in 117,7 miliardi di dollari.

Durante i tre mesi di guerra in Ucraina, sono stati danneggiati, distrutti o sequestrati almeno 195 fabbriche e imprese, 231 istituzioni mediche, 543 asili, 295 ponti e attraversamenti di ponti, 151 strutture di stoccaggio, 97 siti religiosi e 144 culturali. A causa delle ostilità, sono stati danneggiati, distrutti o sequestrati almeno 23,8 mila chilometri di strade, una lunghezza pari a 5 viaggi da New York a San Francisco, e 33,7 milioni di metri quadrati di abitazioni, una superficie pari a 680 stadi dello Stanford Bridge.

Le perdite dirette di beni e depositi delle imprese a causa della guerra ammontano già a circa 10 miliardi di dollari.

Obiettivi #2 “Fame zero”, #3 “Buona salute e benessere”, #6 “Acqua pulita e servizi igienici”

Dicono i dati preliminari dell’Ufficio dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Diritti Umani, che le vittime civili dal 24 febbraio 2022 al 3 giugno 2022 sono state 9.197: 4.183 uccisi e 5.014 feriti. Le cifre precise rischiano di peggiorare perché è impossibile raccogliere dati nelle città con ostilità attive.

Nelle città occupate, come Mariupol, l’esercito russo non ha concesso corridoi umanitari, così la gente è morta per fame, freddo e mancanza d’acqua. I cittadini di Mariupol usavano l’acqua dei termosifoni, dei serbatoi dei bagni e della neve sciolta per strada per bere; morivano di fame nei rifugi in attesa dei bombardamenti. La fame e la vita in condizioni insalubri hanno portato alla morte, a numerose malattie infettive e a traumi psicologici, soprattutto per i bambini.

Il problema della fame e della salute non riguarda solo la popolazione ucraina. La sicurezza alimentare di oltre 50 Paesi del Nord Africa, del Medio Oriente e dell’Asia, che dipendono dall’Ucraina e che consumano oltre il 30% del grano, è in pericolo. Tali Paesi sono Egitto, Bangladesh, Turchia, Iran, Libano, Tunisia, Pakistan, ecc.

Ad esempio, le importazioni di grano dell’Eritrea dipendono per il 50% dall’Ucraina. Lo stesso vale per la Somalia. Le Seychelles importano il 100% del grano dall’Ucraina.

Negli ultimi tempi, il grano è stato il prodotto di base dell’Egitto, che rappresenta tra il 35% e il 39% dell’apporto energetico pro capite. Le importazioni di grano sono circa il 62% e provengono da Ucraina e Russia.

L’esportazione è complicata perché le truppe russe hanno bloccato tutti i porti e non c’è modo di esportare prodotti agricoli. Inoltre, molte attrezzature agricole sono state distrutte o rubate.

Obiettivi #13 “Azione per il clima”, #14 “Vita sott’acqua” e #15 “Vita sulla terraferma”

Il movimento e l’uso di attrezzature militari distruggono interi habitat ed ecosistemi che non possono più essere ripristinati. Gli scontri armati e le attività delle unità militari uccidono la flora e la fauna di campi, prati, foreste, fiumi e laghi.

Nell’atmosfera è presente una grande quantità di polveri sottili e le particelle che si accumulano al suolo spesso contengono molti contaminanti acidi o tossici. Queste sostanze e metalli passano nelle falde acquifere della Terra e inquinano l’acqua a medio e lungo termine.

I metalli e gli elementi delle terre rare presenti nelle armi richiedono un’estrazione dai costi economici e sociali – rimangono nell’ambiente senza essere smaltiti correttamente.

Alla fine del febbraio 2022, le truppe russe hanno occupato la centrale nucleare di Chernobyl. Secondo la Reuters, i carri armati russi hanno violato il suolo, provocando l’aumento della polvere radioattiva.

Per quanto riguarda l’inquinamento causato dalle attrezzature militari, un carro armato leggero consuma 300 litri di carburante per 100 chilometri ed emette più di 600 chilogrammi di CO2 nell’atmosfera. Il jet da combattimento consuma più di 400 litri di carburante ogni 100 chilometri ed emette circa 28.000 chilogrammi di CO2 nell’atmosfera per ogni missione di volo. Per fare un’analogia, un’auto nuova media emette dagli 8 ai 15 chilogrammi di CO2 ogni 100 chilometri.
Naturalmente, la guerra in Ucraina ha ripercussioni anche su altri obiettivi di sviluppo sostenibile ed è lecito affermare che si tratta della più grande catastrofe in Europa degli ultimi decenni.

Maryna Grytsenko, 

Chief Sustainability Officer at Parimatch Tech

PIù POPOLARI

Matteo Trapasso proprietario del micropanificio TraMa

Piccolo è bello: ecco il più sostenibile micropanificio d’Europa

Pensare di avviare un’attività commerciale in un locale che non raggiunge i 9 metri quadrati sembrava una vera e propria utopia: a maggior ragione...
tessile sostenibile

La strada dell’Europa verso una moda sostenibile

Recentemente è nato in Italia il consorzio Re.Crea, fondato da aziende del calibro di Dolce&Gabbana, MaxMara Fashion Group, Gruppo Moncler, Gruppo OTB, Gruppo Prada,...
cop27 decisioni

Le decisioni finali della COP27

Come succede quasi ogni anno, si è conclusa in ritardo anche questa edizione numero ventisette della Conferenza delle Parti. Come sempre, se ne parla...

Musica nella metropolitana di Milano per dare voce alla solidarietà

L’ATM, Azienda Trasporti Milanesi, gestisce il servizio di trasporto pubblico a Milano e in un centinaio di comuni attorno alla città: nel 2022 è...
black friday sostenibile

Black or Blue Friday?

“Blue is the new Black” è il motto con cui la Commissione Oceanografica Intergovernativa (IOC) dell’UNESCO lancia il Blue Friday, volto a creare consapevolezza...