Arriva in Italia la prima bottiglia in plastica riciclata 100%

Levissima sempre più sostenibile. Il risultato reso possibile anche da una novità legislativa

Buone notizie per l’ambiente: Levissima, uno dei principali marchi di acqua in Italia, facente parte del Gruppo Sanpellegrino (Nestlè) lancia la prima bottiglia realizzata con il 100% di R-PET, cioè plastica riciclata.

Perché, non era già così? Potrebbe dire qualcuno. In realtà no, perché una disposizione legislativa datata 2010, il decreto ministeriale n. 113, stabiliva che le bottiglie e vaschette per alimenti in polietilentereftalato, comunemente noto come PET, dovessero contenere almeno il 50% di materiale vergine.

Una disposizione di forte freno, e senza giustificato motivo, alla green economy e all’economia circolare in ambito plastica, che è stata finalmente superata nei mesi scorsi con l’approvazione di un nuovo provvedimento di legge che permette la realizzazione di bottiglie e altri imballaggi con plastica riciclata al 100%.

Levissima ha colto immediatamente questa opportunità che le permette di avvicinarsi più velocemente ai propri obiettivi di sostenibilità: nel 2010 era stata la prima azienda italiana a usare il 25% di plastica riciclata per la bottiglia da Litro, presentando poi nel luglio del 2020 una gamma di 5 prodotti con il 30% di R-PET, ma il suo impegno è quello di raggiungere il 50% di PET riciclato all’interno di tutta la gamma dei suoi prodotti entro il 2025.

“Questo nuovo traguardo è possibile grazie alla nuova normativa – ha detto Stefano Marini, Ceo Sanpellegrino Group, in un’intervista ad Adnkronos – che ha rimosso il limite del 50% e ci permette di realizzare bottiglie al 100% in plastica riciclata. Le caratteristiche di queste bottiglie sono di essere identiche al PET vergine nella qualità, sicurezza e resistenza, permettendoci così di portare l’acqua sulla tavola dei nostri clienti con il miglior contenitore possibile. L’altra caratteristica, fondamentale, è che la produzione di R-PET ci permette di abbassare i valori dell’impronta di Co2 della produzione, di circa il 30-50%, rispetto al PET vergine e di ridurre il consumo di energia anche del 60%.”.

Le attività sulla plastica PET delle sue bottiglie, rientrano nel piano di sostenibilità sociale (corporate social responsability) del marchio che si chiama Regeneration, un progetto che la vede impegnata su più fronti ambientali, come la tutela dei ghiacciai, la gestione responsabile della risorsa acqua, il rispetto della biodiversità. Nel progetto non manca nemmeno l’attenzione alla ricerca di innovazioni per la riduzione dell’impatto ambientale dei trasporti, degli imballaggi e dei sistemi produttivi e alla promozione presso i consumatori di stili di vita sostenibili in una logica di economia circolare sostenendo l’importanza dell’uso responsabile delle risorse e la cultura del riciclo.

“Siamo orgogliosi di essere i primi realizzare  una bottiglia fatta con il 100% di plastica riciclata (R-PET), che rappresenta un grande passo avanti per Levissima e un impegno concreto per un mondo più sostenibile, nei confronti di coloro che hanno a cuore il riciclo e l’utilizzo delle risorse – sottolinea in una nota stampa Stefano Marini – Un traguardo che si lega al progetto Regeneration, il piano di sostenibilità con cui Levissima coinvolge le persone in un percorso di consumo responsabile e di tutela dell’ambiente, a partire dall’educazione al corretto riciclo. La plastica, se adeguatamente riciclata, non è un rifiuto, ma una risorsa da cui possono nascere nuove bottiglie o oggetti utili per la comunità.”

Il termine R-PET (Recycled polietilene tereftalato) indica un polimero ottenuto attraverso processi di recupero e riciclaggio del comune PET post consumo utilizzato per contenere alimenti. Si tratta di un materiale identico per qualità, sicurezza e resistenza al PET tradizionale, che è uno dei materiali migliori in grado di mantenere inalterate le caratteristiche uniche di purezza originaria dell’acqua minerale, garantendo che arrivi sulle tavole dei consumatori così come sgorga alla fonte. Il R-PET, inoltre, come il PET vergine, può essere riciclato un numero di volte quasi infinito. La produzione di 1 tonnellata di R-PET consente di risparmiare cinque barili di petrolio ovvero di 1,6 tonnellate di CO2.

Photo by Matéo Burles

PIù POPOLARI

Fotografia dell'Orchestra Esagramma al Festival In&Aut

Inclusione e autismo: due parole che il lavoro sa unire con grande efficacia

Con una giusta preparazione e il supporto di strumenti appropriati si possono utilizzare le capacità delle persone autistiche in un contesto lavorativo professionale
Europee 2024: l'appello della scienza

Europee 2024: l’appello della scienza

L'articolo riporta l'appello della comunità scientifica ai candidati alle elezioni europee del 2024. E' importante basare le proprie scelte sulle evidenze scientifiche.
forest bathing

Forest bathing e forest therapy, cosa sono e perché sono differenti

Cos’è il forest bathing? Forest bathing è la traduzione inglese del termine giapponese 'shinrin-yoku'. In italiano il termine inglese è molto utilizzato, ma a volte...
ddl zan

Ddl Zan bocciato al Senato. Cosa voleva e perché non è passato

Non è legge il Ddl Zan e non è legge per 23 voti. Voti mancati al centrosinistra per far approvare la legge che porta...
impatto ambientale guerra in Ucraina

L’impatto ambientale della guerra

Ogni guerra provoca danni all’uomo e all’ambiente. Parlare dell’impatto ambientale di una guerra non è facile, pensando alle persone che hanno perso la vita,...