Come sarà il lavoro di domani?

Alla Choice Conference, evento policentrico, organizzato da Cocoon Pro, i local beat hanno riunito decine di persone in 18 località nel mondo per parlare di come si sta trasformando il mondo professionale

Domani è una parola difficile. E’ il futuro, quello più vicino a noi, quello che possiamo percepire, vivere, nell’arco della nostra esistenza.

Da sempre l’uomo si è interrogato sul suo domani, cercando risposte nelle sibille, nelle religioni, negli esperti, nei visionari, oggi nelle previsioni basate sui dati. Ma la verità, come il Covid ci ha fatto brutalmente capire, è che tutte le previsioni possono essere giuste o sbagliate perché sul futuro incombe sempre l’imprevisto, il cigno nero, che stravolge ogni cosa.

Certo questo non deve portare ad abbandonarci al caso. Piuttosto farci riflettere sul ruolo che possiamo avere come persone, con le nostre competenze anche caratteriali ed emozionali; e con le nostre aziende, organizzazioni con un forte potere di influenza sociale, nello stabilire qualche certezza in questo futuro, in che direzione vorremmo andare.

L’iniziativa Choice Conference 2021 ha fornito un ‘contenitore’ a questa riflessione: in 18 città in 4 continenti decine di persone si sono ritrovate in spazi di coworking, incubatori, associazioni (i local beat), e si sono interrogate su cosa ci stiamo lasciando alle spalle e a cosa stiamo andando incontro, nell’attuale cambio di decade, nel mondo del lavoro.

I risultati sono stati molto interessanti e per certo versi inaspettati e la sintesi potrebbe essere questa: le persone credono che il domani che ci attende sarà migliore del passato e sarà caratterizzato da un positivo equilibrio tra umanità e tecnologia.

In particolare, come mostra la mappa di parole chiave qui sotto, le persone ritengono che il recente passato sia stato caratterizzato da una forte rigidità e individualismo nel mondo del lavoro, capace di arrivare ad estremi come la falsità (delle persone), la costante esposizione al giudizio altrui, che genera sensazione di solitudine, esclusione, adddirittura segregazione. Le organizzazioni sono viste in effetti quasi come una prigione che soffoca le persone piuttosto che valorizzarle. Altri aspetti negativi del lavoro fino a oggi sono stati il pendolarismo, i viaggi di lavoro, la mancanza di flessibilità e un equilibrio con la vita personale.

Queste parole sono la risposta alla domanda: in questo cambio di decennio, cosa ci stiamo lasciando alle spalle nel mondo del lavoro? Cosa non ti porteresti dietro?

Il futuro che ci attende sarà, secondo le persone che hanno partecipato ai local beat, esattamente l’opposto, come rivela la mappa seguente. La flessibilità sarà la caratteristica dominante, ma affianco a questa parola ci sono ‘tecnologie’ ed ‘ecosistemi’, quasi a sottolineare come nel tech troveremo gli strumenti per poter lavorare in modo più flessibile e nel modello di ecosistema la forma ideale di collaborazione e di partecipazione alla vita aziendale e sociale.

Risposte alle domande: Che cosa vediamo arrivare nel nuovo decennio? Qual è il “nuovo” che vediamo davanti a noi?

Insomma, ‘il futuro del lavoro deve essere pensato per le persone. Mentre, la tecnologia deve essere uno strumento per gli esseri umani, non il contrario’, è stato sottolineato.

Emerge un cambio culturale profondo nello stesso concetto di lavoro, che non è più visto come un compartimento stagno all’interno della vita della persona, utile solo per lo stipendio. Il lavoro diventa qualcosa di più alto, in cui le persone esprimono se stesse e possono fare cose in cui credono; non si è più disposti a lavorare per un’azienda in cui non ci si riconosce, che non valorizza le persone, che non rispetta le persone. A livello di modalità lavorative, la convinzione è che lavoro ibrido e lavoro da remoto saranno la normalità.

L’evento The Choice Conference è stato organizzato da Cocoon Pro, un’azienda di ultima generazione dedicata a favorire la creazione di valore reale nell’ecosistema mondiale del lavoro. I suoi clienti sono organizzazioni che desiderano un’evoluzione profonda per rimanere rilevanti, resilienti e risonanti.

PIù POPOLARI

Matteo Trapasso proprietario del micropanificio TraMa

Piccolo è bello: ecco il più sostenibile micropanificio d’Europa

Pensare di avviare un’attività commerciale in un locale che non raggiunge i 9 metri quadrati sembrava una vera e propria utopia: a maggior ragione...
cop27 decisioni

Le decisioni finali della COP27

Come succede quasi ogni anno, si è conclusa in ritardo anche questa edizione numero ventisette della Conferenza delle Parti. Come sempre, se ne parla...

Musica nella metropolitana di Milano per dare voce alla solidarietà

L’ATM, Azienda Trasporti Milanesi, gestisce il servizio di trasporto pubblico a Milano e in un centinaio di comuni attorno alla città: nel 2022 è...
disinformazione climatica

Disinformazione climatica, cosa significa e come evitarla

La disinformazione climatica è l'informazione o la comunicazione che nega o sminuisce l'esistenza e l'impatto del cambiamento climatico, l'inequivocabile influenza umana sul cambiamento climatico...
tessile sostenibile

La strada dell’Europa verso una moda sostenibile

Recentemente è nato in Italia il consorzio Re.Crea, fondato da aziende del calibro di Dolce&Gabbana, MaxMara Fashion Group, Gruppo Moncler, Gruppo OTB, Gruppo Prada,...