Fabio Rovazzi ambassador dell’Unicef

Rovazzi è Goodwill Ambassador di UNICEF Italia da diverso tempo collaborando in alcune campagne a favore dei bambini e dei più vulnerabili. Ora andrà in missione in Libia fra i bambini e i giovani.

“Domani partiamo per la Libia, facciamo un viaggio di 5 giorni per documentare tutto quello che l’UNICEF fa sul posto. Non vedo l’ora di partire, ogni volta che vado a fare un viaggio così torno arricchito umanamente. Per me è un onore far parte di questo grande progetto e per questo ringrazio l’UNICEF”, così Fabio Rovazzi, youtuber e cantante italiano (esploso con il brano Andiamo a comandare) condivide pubblicamente la prossima partenza per la Libia dove, accompagnato dal Portavoce dell’UNICEF Italia Andrea Iacomini e dal Rappresentante UNICEF in Libia Michele Servadei, visiterà diversi progetti UNICEF.

Fabio Rovazzi è da qualche tempo quello che gli americani hanno battezzato ‘Goodwill Ambassador’ , un ambasciatore di buona volontà, cioè una persona di fama che fa leva sulla propria notorietà per sostenere una causa specifica per esempio un Paese o un’organizzazione, in questo caso l’Unicef.

Il cantante ha già prestato il suo volto e la sua voce a favore dei bambini più vulnerabili, attraverso alcune campagne. Nel 2022, proprio all’inizio della guerra in Ucraina, Rovazzi ha preso parte a una missione sul campo in Moldavia nel corso della quale ha visitato diversi progetti che l’UNICEF ha realizzato nel paese per accogliere e fornire aiuto e assistenza ai bambini e alle famiglie ucraine in fuga dalla guerra.

Ora è stato coinvolto per la campagna “Cambiamo ARIA”, lanciata da UNICEF Italia per sensibilizzare bambini, giovani e famiglie sui temi del cambiamento climatico e della sostenibilità ambientale.

“Nel corso della missione in Libia, visiteremo alcuni impianti di desalinizzazione dell’acqua e per l’utilizzo dell’energia solare. La Libia è uno dei paesi con meno acqua potabile al mondo ed è tremendamente esposta alla crisi climatica. A Tripoli, insieme a Rovazzi, incontreremo bambini e adolescenti nei Centri comunitari/Baity Center sostenuti dall’UNICEF, che forniscono servizi integrati di istruzione, protezione e salute, a migliaia di bambini e ragazzi tra i più bisognosi. Ringraziamo di cuore Fabio per la sua sensibilità e la passione con cui si sta dando voce ai diritti dei bambini”, ha detto il Portavoce dell’UNICEF Italia Andrea Iacomini.

“Sono molto orgoglioso che il Comitato Italiano per l’UNICEF abbia deciso di visitare la Libia. È un segno di amicizia del nostro paese. Inoltre dimostra la sensibilità a tematiche come l’impatto del cambiamento climatico sui bambini e come l’importanza dell’inclusione sociale dei bambini di ogni provenienza”, ha confermato Michele Servadei, Rappresentante UNICEF in Libia.  

PIù POPOLARI

neom

NEOM, il folle progetto di una megalopoli sostenibile nel deserto

Nel 2017, il principe ereditario dell’Arabia Saudita Mohammed bin Salman ha annunciato NEOM, un progetto utopistico e apparentemente folle di una megalopoli nel deserto...
scarti ciliegie

Barbara Vecchi, con ciliegie e data science rivoluziono la cosmesi

L'imprenditrice di Vignola mette al centro della sua idea di cosmesi green la valorizzazione del territorio, sfruttando gli scarti delle ciliegie.
lifestyle sostenibile

Lifestyle sostenibile, il nuovo, virtuoso centro PUF

PUF è il centro dell’abitare sostenibile realizzato grazie a Punto UniAbita e Fondazione Auprema. Questa Fondazione è nata nel 2006 e realizza progetti rivolti...
forest bathing

Forest bathing e forest therapy, cosa sono e perché sono differenti

Cos’è il forest bathing? Forest bathing è la traduzione inglese del termine giapponese 'shinrin-yoku'. In italiano il termine inglese è molto utilizzato, ma a volte...
Settimana STEM 2024

Settimana STEM 2024, lauree, lavoro e gender gap

I percorsi di studio e i lavori 'STEM' sono ancora a prevalenza maschile. Un mix di retaggi culturali e condizionamenti sociali ed economici che lentamente si stanno evolvendo