Crisi ambientale, l’ONU batte cassa, servono 8,1 trilioni di dollari entro il 2050

Solo il ripristino e la gestione delle foreste sul pianeta richiederà 203 miliardi di dollari all'anno, poco più di 25 dollari per ogni cittadino nel 2021

La chiamano ‘tripla crisi planetaria‘ ed è quella che riguarda il clima, la biodiversità e il degrado dei suoli. Secondo il rapporto Stato della Finanza della Natura” dell’Unep, l’agenzia per l’ambiente dell’Onu, per far fronte a queste emergenze gli investimenti in questa direzione dovranno triplicare da qui al 2030 e quadruplicare al 2050: in 10 anni bisognerà arrivare a 400 miliardi annui, e in 30 anni a 536 miliardi annui, con una spesa complessiva nel trentennio di 8.100 miliardi di dollari.

“La perdita di biodiversità sta già costando all’economia globale il 10% della sua produzione ogni anno. Se non salviamo la natura ora, non saremo in grado di raggiungere lo sviluppo sostenibile”, ha detto il direttore esecutivo dell’UNEP, Inger Andersen.

Da dove arrivano questi soldi?

Tali investimenti sono generalmente per la maggior parte a carico degli Stati, per esempio nel 2020 su un totale investito di 133 miliardi di dollari, l’86% è stato a carico dei governi e il 14% proveniente da finanza privata (18 miliardi). Secondo l’Unep, solo la riforestazione richiederà da qui in avanti 203 miliardi di spesa annua.
Il rapporto sottolinea che solo il 2,5% degli stimoli economici messi in cantiere per il dopo-pandemia riguarda la natura. Per questo l’Unep, si legge nel rapporto “sollecita i governi, le istituzioni finanziarie e le imprese a superare questo gap di investimenti, mettendo la natura al centro delle decisioni economiche nel futuro”.

“Il rapporto è un campanello d’allarme e un appello per i governi, le istituzioni finanziarie e le imprese a investire nella natura – tra cui la riforestazione, l’agricoltura rigenerativa e il restauro del nostro oceano”, ha concluso Inger Andersen.

PIù POPOLARI

nature restoration law

Il parlamento europeo approva la Nature Restoration Law

Il 17 giugno 2024 è la data del via libera alla Nature Restoration Law, la Legge che prevede di ripristinare almeno il 20% delle aree naturali degradate entro il 2030.
impatto ambientale guerra in Ucraina

L’impatto ambientale della guerra

Ogni guerra provoca danni all’uomo e all’ambiente. Parlare dell’impatto ambientale di una guerra non è facile, pensando alle persone che hanno perso la vita,...
Società Benefit

Società Benefit: cosa sono, vantaggi, come diventarlo

Le Società Benefit (SB) sono una forma giuridica d’impresa che integra nel proprio oggetto sociale, oltre agli obiettivi di profitto, anche precise finalità di beneficio comune. Le...
granchio blu

Facciamo chiarezza sul granchio blu

In Italia, tra piante e animali sono oltre 3.000 le specie aliene identificate: si tratta di specie viventi invasive e non autoctone che, grazie...
La matassa della filiera tessile

La complessa matassa della filiera tessile 

Ricostruire la complessa filiera tessile, tra raccolta, selezione, riuso e riciclo per rendere più efficiente e competitivo il mercato e gli attori italiani.