Emergenza afghana, l’appello dell’Associazione Zenzero

#savethebluewomen è l'invito della no-profit che dal 2015 aiuta le donne nelle emergenze più estreme

Dell’Associazione Zenzero, una realtà no-profit presente sia in Svizzera (Lugano) che in Italia (Torino), abbiamo avuto modo di parlare già in passato: attiva dal 2015 nei Paesi invia di sviluppo, in particolare in Africa, con il progetto PET Recycling ha creato dei centri di raccolta e di riciclo del PET dando lavoro alle donne, riuscendo a offrire un concreto futuro a giovani e meno giovani in luoghi molto difficili, l’associazione ha già realizzato tre impianti in Etiopia a Addis Abeba, Legetafo, Hawassa e due in Uganda, a Kampala e Arua. Complessivamente dà lavoro a 170 donne regolarmente assunte. Nel 2020, ha anche avviato un progetto agricolo a km0, per sopperire alla carenza di cibo nelle comunità senegalesi conseguente alla pandemia.

Fedele alla sua missione di aiuto alle donne e alle emergenze di Paesi in difficoltà, la no-profit ha lanciato una campagna per aiutare i profughi dell’Afghanistan.

“Rispondere prontamente e in maniera concreta alle crisi, è questo che abbiamo sempre fatto.” dicono dall’Associazioni in una nota stampa.” Questo è quello che continuiamo a fare anche oggi davanti a una crisi umanitaria come quella che sta rimettendo in ginocchio l’Afghanistan.

Zenzero, in stretto contatto con La Farnesina e con il Ministero della Difesa, è riuscita a fare evacuare oltre 50 persone grazie alle sue dirette segnalazioni nel Paese. Ora queste persone (in totale si prevendono oltre 2000 rifugiati afgani) sono in arrivo nei prossimi giorni a Roma, e avranno bisogno di aiuto diretto con abiti, genere primari, cibo, alloggio, e altri beni necessari nell’immediato. Inoltre sarà necessario attuare una politica di integrazione, nei mesi a venire, per evitare che restino con lo status di rifugiato. Come? Trovando loro degli impieghi, iscrivendo i ragazzi a scuola, facendo dei tirocini e tutto quanto necessario a diventare cittadini ordinari.

Per favorire la realizzazione di tutto questo, Zenzero ha avviato una raccolta fondi, perché purtroppo la cooperazione internazionale non riuscirà a dare soluzione a tutte le problematiche e sovvenzionare ogni necessità.

Per chi volesse contribuire nella grafica qui sotto sono presenti tutti i riferimenti.

Immagine di copertina: Venditore di burqa (Wikipedia)

PIù POPOLARI

Matteo Trapasso proprietario del micropanificio TraMa

Piccolo è bello: ecco il più sostenibile micropanificio d’Europa

Pensare di avviare un’attività commerciale in un locale che non raggiunge i 9 metri quadrati sembrava una vera e propria utopia: a maggior ragione...
cop27 decisioni

Le decisioni finali della COP27

Come succede quasi ogni anno, si è conclusa in ritardo anche questa edizione numero ventisette della Conferenza delle Parti. Come sempre, se ne parla...
tessile sostenibile

La strada dell’Europa verso una moda sostenibile

Recentemente è nato in Italia il consorzio Re.Crea, fondato da aziende del calibro di Dolce&Gabbana, MaxMara Fashion Group, Gruppo Moncler, Gruppo OTB, Gruppo Prada,...

Musica nella metropolitana di Milano per dare voce alla solidarietà

L’ATM, Azienda Trasporti Milanesi, gestisce il servizio di trasporto pubblico a Milano e in un centinaio di comuni attorno alla città: nel 2022 è...
black friday sostenibile

Black or Blue Friday?

“Blue is the new Black” è il motto con cui la Commissione Oceanografica Intergovernativa (IOC) dell’UNESCO lancia il Blue Friday, volto a creare consapevolezza...