Adidas e Parley, la partnership per salvare gli oceani con stile continua

Adidas e Parley for the Oceans, nasce come progetto globale a favore dell'ambiente, si sono uniti anni fa con l'obiettivo di "salvare gli oceani, salvare il mondo". Oggi i dai sulle ricerche online dimostrano che tutti apprezziamo lo sforzo

Di circa 300 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica prodotti ogni anno, nemmeno il 10% di quella plastica viene riciclato in modo adeguato. Mentre una parte della plastica in eccesso viene incenerita o smaltita in discarica, la maggior parte finisce sulle spiagge o negli oceani dove non si degrada ma diventa sempre più piccola fino a diventare un problema microscopico. Si stima che entro il 2050 ci sarà più plastica che pesci nei nostri oceani, e questi numeri non fanno che accelerare.

Qui entrano in gioco Adidas e Parley per gli Oceani. L’obiettivo del progetto è riassunto con il semplice acronimo di Parley, AIR: Avoid, Intercept e Redesign. Insieme, le due aziende sono alla guida dello sforzo globale di “upcycle”, la pratica di creare nuovo valore dai rifiuti. La plastica proveniente dalle spiagge e dalle comunità costiere di tutto il mondo viene riutilizzata per creare l’abbigliamento sportivo ad alte prestazioni per cui Adidas è nota. Alcune delle importanti collaborazioni del duo nella lotta contro l’inquinamento da plastica sono state la creazione di kit per organizzazioni sportive professionali come il Real Madrid e il Bayern Monaco in plastica Parley.

La firma di Adidas, Alphabounce, ha annunciato che anche le calzature Futurecraft Loop saranno realizzate in plastica riciclata. L’azienda si è impegnata a utilizzare esclusivamente plastica riciclata entro il 2024. Solo nel 2019 Adidas prevede che 11 milioni di paia di scarpe saranno realizzate in materiale riciclato. L’azienda continua inoltre a sensibilizzare l’opinione pubblica sul problema dell’inquinamento da plastica, ospitando l’annuale evento Run For The Oceans.

Considerato l’eccesso di rifiuti di plastica nel nostro mondo, la domanda ricorrente diventa: “Cosa fare di tutto questo?”. La sfida è sempre stata quella di portare la protezione dell’ambiente alla portata di tutti, e sembra che Adidas e Parley abbiano trovato la soluzione, trasformando ciò che inquinerà il nostro ambiente in qualcosa di wearable, funzionale e in definitiva bello. Sta a noi consumatori, quindi, fare la nostra piccola parte nel dare priorità ai marchi che hanno un minor impatto ambientale.

Per saperne di più visita https://www.adidas.it/sustainability-parley-ocean-plastic

Vedi anche Run for the Oceans https://www.adidas.it/runfortheoceans

Articolo originale di thailandtatler.com tradotto da Barbara Bosco

Photo Cover by Joel Henry on Unsplash

PIù POPOLARI

Fotografia dell'Orchestra Esagramma al Festival In&Aut

Inclusione e autismo: due parole che il lavoro sa unire con grande efficacia

Con una giusta preparazione e il supporto di strumenti appropriati si possono utilizzare le capacità delle persone autistiche in un contesto lavorativo professionale
Europee 2024: l'appello della scienza

Europee 2024: l’appello della scienza

L'articolo riporta l'appello della comunità scientifica ai candidati alle elezioni europee del 2024. E' importante basare le proprie scelte sulle evidenze scientifiche.
forest bathing

Forest bathing e forest therapy, cosa sono e perché sono differenti

Cos’è il forest bathing? Forest bathing è la traduzione inglese del termine giapponese 'shinrin-yoku'. In italiano il termine inglese è molto utilizzato, ma a volte...
impatto ambientale guerra in Ucraina

L’impatto ambientale della guerra

Ogni guerra provoca danni all’uomo e all’ambiente. Parlare dell’impatto ambientale di una guerra non è facile, pensando alle persone che hanno perso la vita,...
granchio blu

Facciamo chiarezza sul granchio blu

In Italia, tra piante e animali sono oltre 3.000 le specie aliene identificate: si tratta di specie viventi invasive e non autoctone che, grazie...