Solidarietà con l’Ucraina, ecco cosa possiamo fare

Non possiamo ignorare quello che sta avvenendo in Ucraina. Ognuno di noi può dare un piccolo contributo alla forza della pace anche solo con un post sui propri social

La tragedia che si consuma sul territorio ucraino sta commuovendo il mondo e ovunque nascono iniziative di solidarietà, persone e aziende in ogni angolo d’Europa si stanno mobilitando come possono per fornire aiuti a chi è ancora in Ucraina e a chi sta varcando le frontiere.

Anche il team di Change.org, che conosciamo tutti come piattaforma per lanciare petizioni, ha voluto fare qualcosa raccogliendo un po’ di idee e informazioni su come ogni persona può contribuire.

“In questi giorni terribili – dicono gli amici di Change.org –  la solidarietà fra i popoli è più importante che mai: le petizioni, le manifestazioni, le proteste, la corretta informazione, sono ciò che ha a disposizione la società civile per creare una vera e propria ondata di solidarietà e stare al fianco dell’Ucraina. 

Abbiamo elencato tre idee di azioni che puoi fare e invitare altri a fare:

1. Firma la petizione internazionale per chiedere all’Europa di agire per ripristinare la pace (nel caso non l’avessi già fatto) 

In poco meno di una settimana questa petizione ha raccolto quasi mezzo milione di firme, ma possiamo fare molto di più e possiamo raccogliere più voci! 
Unisciti anche tu al movimento per la solidarietà: firma ora cliccando qui, oppure, nel caso tu abbia già firmato nei giorni scorsi, condividi la petizione su WhatsApp con i tuoi amici con un click!

2. Segui le fonti di informazione affidabili e proteggiti dalle fake news

È fondamentale utilizzare e diffondere solo le informazioni che provengono da fonti verificate e attendibili. Abbiamo a che fare con le cosiddette fake-news tutti i giorni e siamo ormai consapevoli dei danni incalcolabili che possono fare, nel permettere che le persone si facciano idee e opinioni completamente sbagliate sulla base di informazioni false. In particolare, le fake-news possono diventare rapidamente virali e impedire ad informazioni corrette e verificate di ottenere la giusta visibilità, soprattutto sui social network.

Ti suggeriamo alcuni account che puoi seguire sui social media per tenerti correttamente aggiornato su ciò che sta accadendo:

📌 Segui le notizie sul sito ufficiale di RaiNews
      Segui le notizie sul live blog de Il Post


📌 
Su Twitter puoi seguire gli account:Stefania Battistini, giornalista per Tg1 
Nico Piro, inviato per il tg3 web
L’account Twitter di RaiNews

📌 Su Instagram puoi seguire gli account:

Giammarco Sicuro, giornalista Tg2Rai
Valerio Nicolosi, redattore di MicroMega
Cecilia Sala, giornalista per Il Foglio

solidarietà ucraina
Dal sito We Are Ukraine


3. Fai una donazione per aiutare direttamente il popolo ucraino

Dona ora a “United Help Ukraine” – un’organizzazione non profit che raccoglie fondi per distribuire cibo e assistenza medica.

Dona ora a “Sunflower of Peace” – per sostenere i medici e i paramedici nella zona di guerra, con medicinali e attrezzature mediche.

Dona ora alla Croce Rossa Italiana – per sostenere le enormi necessità a cui stanno dando risposta i volontari della Croce Rossa Ucraina: mancanza di cibo, acqua, elettricità e assistenza sanitaria.

Dona ora a “Project c.u.r.e.” – per fornire attrezzature mediche, medicinali e aiuto umanitario alla popolazione in Ucraina.

Altre indicazioni per la solidarietà con l’Ucraina di The Good in Town

A queste indicazioni di Change.org vogliamo aggiungerne altre, che abbiamo verificato noi di The Good in Town e che manterremo aggiornato:


Parimatch Foundation (https://parimatch.foundation/en/) – un`organizzazione non profit che raccoglie fondi per aiutare i bambini che sono ancora in Ucraina: evacuazione dai posti più pericolosi, assistenza medica, cibo.

Per effettuare delle donazioni, link diretto.

Help Ukraine – Iniziativa umanitaria organizzata da un fondo di beneficienza di Germania e Polonia insieme. Raccoglie in un grande magazzino messo a disposizione da imprenditori polacchi: medicine, vestiti, cibo, coperte. Sul sito ci sono le modalità per inviare a aiuti.

Per informarti sul conflitto c’è un nuovo sito in lingua inglese, scritto da volontari ucraini:

We are Ukraine – https://www.weareukraine.info/

Qui si possono trovare informazioni sulle news del conflitto, ma anche sugli aiuti e iniziative che riguardano il tema che si stanno verificando nel mondo.

Il sito è semplice da consultare ed è pensato per permettere a chiunque con estrema facilità di condividere messaggi importanti attraverso i canali social, ci sono tante grafiche e blocchi di informazione che possono essere condivisi facilmente su Facebook, Twitter e Linkedin. Questa è una cosa molto importante da fare se si vuole aiutare gli ucraini e fermare la guerra, insieme si può.

Foto di copertina dal sito ufficiale dell’Ucraina

PIù POPOLARI

One Health, persone sane in un pianeta sano

Il progetto One Health si propone di considerare la salute a livello globale: salute umana, animale, vegetale. Facciamo tutti parte di un unico ecosistema...
barriere coralline

Lo straordinario ‘stucco’ ecologico per la cura delle barriere coralline

Le barriere coralline, fondamentali per la biodiversità marina, sono sempre più minacciate dai cambiamenti climatici e dall'azione umana nell'ambiente marino. Un team di ricerca...
impatto ambientale guerra in Ucraina

L’impatto ambientale della guerra

Ogni guerra provoca danni all’uomo e all’ambiente. Parlare dell’impatto ambientale di una guerra non è facile, pensando alle persone che hanno perso la vita,...
premio davines

‘The good farmer award’, ecco il premio per giovani agricoltori innovativi

“Contribuire a diffondere un modello di crescita rigenerativa è una sfida ambiziosa in cui crediamo molto. L’agricoltura biologica rigenerativa è una parte importante di...
Società Benefit

Società Benefit: cosa sono, vantaggi, come diventarlo

Le Società Benefit (SB) sono una forma giuridica d’impresa che integra nel proprio oggetto sociale, oltre agli obiettivi di profitto, anche precise finalità di beneficio comune. Le...