Beauty for Good, nasce la coalizione delle B Corp della bellezza

Si chiama B Beauty, ha tra i fondatori anche due aziende della cosmesi italiane, lo scopo è collaborare per rendere più etica l'industria

Tra i partner fondatori e promotori c’è la multinazionale nata a Parma Davines, straordinaria azienda della cosmesi dei capelli, B Corp dal 2016 e ora anche società benefit. Ma in tutto sono già 26 le aziende cosmetiche certificate B Corporation, provenienti da otto paesi e tre continenti, che hanno formato una nuova coalizione
per migliorare gli standard di sostenibilità dell’industria della bellezza creando la B Corp Beauty Coalition.

La necessità di questa coalizione la spiega bene proprio Davide Bollati, presidente di Davines: “Come B Corporation che soddisfano i più alti standard di impatto sociale e ambientale, ci sentiamo sempre più a disagio con l’impronta sociale e ambientale dell’industria della bellezza e abbiamo concluso che i nostri singoli sforzi per un cambiamento positivo possono essere rafforzati attraverso una partnership di impegno sinergico. Così, abbiamo deciso di formare una coalizione per sfruttare le nostre forze combinate e offrire benefici tangibili ai clienti della bellezza, alle comunità e al pianeta che condividiamo” spiega in una nota stampa.


La missione della coalizione è quindi quella di promuovere una pratica di collaborazione e condivisione tra le aziende, per identificare e condividere le pratiche migliori, implementare azioni di miglioramento e pubblicarne i risultati; aiutare anche i clienti della bellezza a muoversi più consapevolmente nel settore; e influenzare il mondo del ‘beauty’ affinchè possa migliorare la sua impronta sociale e ambientale.
La visione della coalizione è di fornire “la bellezza per il bene”.

D’altro canto, è la stessa qualità delle aziende che hanno già aderito che testimonia come l’etica aziendale si sposi con la migliore gamma di prodotti per la bellezza che si possa desiderare: oltre a Davines troviamo altri nomi conosciuti e apprezzati in tutto il mondo, come Dermo Phisilogique (anch’essa italiana e prima realtà mondiale della skin care a diventare B Corp), The Body Shop, Arbonne, Dr. Bronner, Prose, Rituals Cosmetics, Badger, Beauty Kitchen, ecc.

Kara Peck, di B Lab, l’organizzazione no-profit dietro il metodo di certificazione B
Corp, ha detto: “È molto incoraggiante vedere queste B Corp visionarie unire le forze per creare la B Corp Beauty Coalition e per condividere le loro conoscenze e le migliori pratiche tra loro e con il mondo. Il settore delle imprese è il responsabile di gran parte degli impatti negativi del cambiamento climatico e delle disuguaglianze sistemiche che affrontiamo oggi, quindi questo tipo di collaborazione innovativa è esattamente ciò che serve. Il lavoro della Coalizione accelererà enormemente il passaggio dell’industria della bellezza e della cura personale – e della nostra economia – verso un futuro giusto, rigenerativo e a zero emissioni di carbonio”.

Il Manifesto della coalizione B Beauty – Traduzione: Come membri della B Corp Beauty Coalition, immaginiamo un nuovo approccio alla bellezza che dia priorità al suolo come alla pelle, alla natura come al naturale, all’evidenza come all’ego e all’impatto come alla prestazione. Ci impegniamo a lavorare insieme per condividere le conoscenze e le migliori pratiche, a stimolare l’esplorazione e l’innovazione responsabile e a parlare in modo coerente e chiaro, per offrire benefici reali ai nostri clienti, alle nostre comunità e al nostro pianeta.

Molto entusiasmo anche da parte di Katie Hill, direttore esecutivo di B Lab Europe, che ha aggiunto: “La B Corp Beauty Coalition riunisce le B Corp di tutto il mondo nel settore della bellezza e della cosmetica per affrontare sfide comuni, come il packaging responsabile e le catene di forniture ecologiche. Ma questo lavoro ha rilevanza e portata ben oltre la loro industria, perché fondamentalmente si rivolge allo scopo più ampio delle imprese di affrontare problemi complessi. Come B Lab Europe crediamo che questa iniziativa aprirà la strada e ispirerà molti altri in diversi settori a seguire l’esempio. Infatti, il movimento B Corp è costruito sulla premessa che cambiare il modo in cui il business opera a beneficio delle persone e del pianeta è possibile quando si lavora insieme!”

PIù POPOLARI

Matteo Trapasso proprietario del micropanificio TraMa

Piccolo è bello: ecco il più sostenibile micropanificio d’Europa

Pensare di avviare un’attività commerciale in un locale che non raggiunge i 9 metri quadrati sembrava una vera e propria utopia: a maggior ragione...
cop27 decisioni

Le decisioni finali della COP27

Come succede quasi ogni anno, si è conclusa in ritardo anche questa edizione numero ventisette della Conferenza delle Parti. Come sempre, se ne parla...

Musica nella metropolitana di Milano per dare voce alla solidarietà

L’ATM, Azienda Trasporti Milanesi, gestisce il servizio di trasporto pubblico a Milano e in un centinaio di comuni attorno alla città: nel 2022 è...
disinformazione climatica

Disinformazione climatica, cosa significa e come evitarla

La disinformazione climatica è l'informazione o la comunicazione che nega o sminuisce l'esistenza e l'impatto del cambiamento climatico, l'inequivocabile influenza umana sul cambiamento climatico...
tessile sostenibile

La strada dell’Europa verso una moda sostenibile

Recentemente è nato in Italia il consorzio Re.Crea, fondato da aziende del calibro di Dolce&Gabbana, MaxMara Fashion Group, Gruppo Moncler, Gruppo OTB, Gruppo Prada,...