Damiano Organic, essere benefit nell’impero della frutta secca

Tra i suoi obiettivi c’è anche la soddisfazione dei bisogni umani fondamentali dei dipendenti come base per la felicità

Damiano è la sintesi dei sapori di Sicilia: mandorle, nocciole, pistacchi, pinoli, anacardi e noci brasiliane. Dal 1964, nello stabilimento di Torrenova, in provincia di Messina trasforma la frutta secca, per poi confezionarla in sacchetti e venderla in tutto il mondo. Da qualche anno, oltre a trasformare la frutta secca, si occupa della coltivazione, attraverso Damiano Agricola, vantando interi mandorleti a sud della Sicilia, nella zona di Caltanissetta, Agrigento e Siracusa, e noccioleti sui monti Nebrodi, vicino a Torrenova.

La gamma di prodotti con il tempo si è arricchita delle creme spalmabili, rigorosamente bio, al gusto armandino, nocciola, tahin, chocobella, peanuci, pistacchio e pistou. Tra i prodotti di punta ci sono i “my choco”, mandorle e nocciole avvolte in cioccolato al latte o fondente. Vanta numerose certificazioni europee nel bio e i prodotti sono fairtrade e kosher, oltre che vegani e senza glutine.

Damiano organic, regina della frutta secca a livello internazionale

Alla grande distribuzione Damiano affianca il suo e-commerce che spedisce anche in Francia, Germania e Belgio. Ha conquistato non soltanto il mercato italiano, ma anche quello internazionale, collocandosi ai primi posti nel suo settore, soprattutto per la produzione di mandorle biologiche. Tra i principali Paesi per la distribuzione ci sono gli Stati Uniti, la Germania, la Francia e il Canada, che pesano circa l’80 per cento dei ricavi. Nel 2019 ha dichiarato un fatturato di circa 45 milioni di euro ed è stata acquisita da Progressio che, attraverso il fondo Progressio Investimenti III, ne ha assunto il controllo. Alla guida del gruppo è rimasto il fondatore, Riccardo Damiano, nel ruolo di amministratore delegato, supportato dal proprio management.

Il fattore benefit

Oltre a essere una società benefit, Damiano è anche tra le tremila aziende al mondo certificate con il marchio B-Corp, grazie alla continua attenzione per i temi di sostenibilità e impatto positivo su ambiente, dipendenti e comunità. La società assegna la massima priorità a investimenti in ricerca e innovazione, finalizzate allo sviluppo continuo di know-how, alla individuazione di soluzioni sempre più efficaci alle principali sfide ambientali, sociali ed economiche del nostro tempo. Tra i suoi obiettivi c’è anche la soddisfazione dei bisogni umani fondamentali dei dipendenti come base per la felicità. A questo proposito, Damiano ha anche attivato, circa dieci anni fa, una Fondazione che aiuta i suoi lavoratori a coprire spese improvvise. Si può scegliere se e quando restituire il denaro che la Fondazione ha anticipato, senza vincoli di somma né di interessi.

La loro filosofia Think organic è riassunta in queste righe sul loro sito.

Controlliamo tutti i prodotti che facciamo, dall’albero fino a casa tua. Sei fai bio e vuoi essere autorevole, vuoi competere in certi mercati internazionali, non ti puoi improvvisare. Prima di ricevere controlli dagli organismi certificatori, siamo noi che controlliamo a maglie strette tutto il nostro processo: nel nostro stabilimento analizziamo, sgusciamo, selezioniamo, tostiamo, lavoriamo e confezioniamo in atmosfera protetta o sottovuoto. Prima di tutto ci sono i nostri occhi attenti dietro a ogni singola mandorla, a ogni singola nocciola: ogni prodotto ha un controllo laser automatico, un controllo visivo manuale, un controllo automatico tramite metal detector e infine un controllo automatico del peso. Possiamo proprio dire che nulla ci sfugge. E poi stiamo lavorando a un progetto davvero stimolante: riciclare tutti i nostri scarti. Significa che daremo nuova vita a gusci, foglie, rami, pelle che ricopre le mandorle o le nocciole.

Photo by Maksim Shutov on Unsplash

PIù POPOLARI

neom

NEOM, il folle progetto di una megalopoli sostenibile nel deserto

Nel 2017, il principe ereditario dell’Arabia Saudita Mohammed bin Salman ha annunciato NEOM, un progetto utopistico e apparentemente folle di una megalopoli nel deserto...
scarti ciliegie

Barbara Vecchi, con ciliegie e data science rivoluziono la cosmesi

L'imprenditrice di Vignola mette al centro della sua idea di cosmesi green la valorizzazione del territorio, sfruttando gli scarti delle ciliegie.
lifestyle sostenibile

Lifestyle sostenibile, il nuovo, virtuoso centro PUF

PUF è il centro dell’abitare sostenibile realizzato grazie a Punto UniAbita e Fondazione Auprema. Questa Fondazione è nata nel 2006 e realizza progetti rivolti...
forest bathing

Forest bathing e forest therapy, cosa sono e perché sono differenti

Cos’è il forest bathing? Forest bathing è la traduzione inglese del termine giapponese 'shinrin-yoku'. In italiano il termine inglese è molto utilizzato, ma a volte...
Settimana STEM 2024

Settimana STEM 2024, lauree, lavoro e gender gap

I percorsi di studio e i lavori 'STEM' sono ancora a prevalenza maschile. Un mix di retaggi culturali e condizionamenti sociali ed economici che lentamente si stanno evolvendo