Antifragilità, ecco come EKO365 va oltre la sicurezza informatica

Come integrare tecnologia avanzata e sostenibilità nel modello di business, promuovere pratiche di antifragilità nel mondo IT e adottare un Codice Etico che valorizza trasparenza, equità e responsabilità.

Tecnologia e adozione dei criteri ESG sono i presupposti e le linee guida di qualsiasi attività si voglia oggi intraprendere e promuovere. Mettere a sistema questi elementi è essenziale per costruire e mantenere competitività nel mercato globale, nell’immediato e nel futuro. É ciò che si propone EKO365, società benefit attiva nel mercato dei servizi informatici e promotrice del concetto di antifragilità nel mondo IT. L’idea è quella di armonizzare innovazione e sostenibilità, allineandosi continuamente alle normative globali che regolano sicurezza informatica, digitalizzazione e sviluppo sostenibile.

Siamo nati nel 2023 con una missione chiara: promuovere e investire nelle tecnologie IT del futuro. – spega Federico Lorenzi, uno dei fondatori. Abbiamo fondato EKO365 con un focus specifico sulla gestione e sicurezza di Microsoft 365, e l’abbiamo costituita come Società Benefit.
Dall’analisi delle infrastrutture IT e allo sviluppo di strategie volte a mitigare le vulnerabilità, il nostro lavoro mira a potenziare l’antifragilità informatica delle aziende che si affidano a noi. Elemento chiave del servizio è la gestione del cloud, ottimizzato attraverso automazione e enhancement della collaborazione mediante servizi di governance.

Dalla resilienza all’antifragilità informatica

In materia di sviluppo sostenibile e di servizi di informatica, il concetto di antifragilità ha un ruolo cruciale. Amplia il concetto di resilienza a un livello più dinamico e proattivo. Il focus di quest’ultima è la capacità di un sistema di resistere agli shock e riprendersi, ripristinando o mantenendo lo status quo. L’antifragilità si spinge oltre e trasforma le avversità in catalizzatori per miglioramento e innovazione.

Nel mondo IT – continua Federico – questo significa non solo sopravvivere agli attacchi o agli shock, ma usarli come spunto per rafforzare le difese e ottimizzare le performance. Un sistema antifragile apprende dai fallimenti, adattandosi ed evolvendo in modo da riemergere da ogni sfida, non solo intatto, ma migliore.

Un visione perfettamente allineata con i principi di sviluppo sostenibile, dove l’obiettivo non è quello di ripristinare l’ambiente ai suoi livelli precedenti. Piuttosto si tratta di cogliere le crisi attuali come opportunità per ripensare e riformulare il nostro rapporto con il mondo naturale. L’antifragilità, si pone dunque come paradigma strategico per promuovere un’interazione più consapevole e sostenibile tra uomo e ambiente, o tra uomo e strategie IT.
Questo approccio offre un’ottima prospettiva su come le sfide in un ambito possano per altro informare e migliorare le pratiche nell’altro.

Il Codice etico di EKO365

In coerenza con la visione condivisa fin dall’inizio i fondatori — Filippo De Carlo, Enzo Greco, Federico Lorenzi e Fabio Secchia — hanno pubblicato un Codice Etico.

Il documento riflette i principi che guidano ogni nostra attività: trasparenza, equità e responsabilità nella gestione dei dati e dei sistemi informativi.
Linee guida di ogni nostra decisione e delle strategie che pianifichiamo.
Abbiamo scelto di adottare un approccio olistico, integrando principi di sostenibilità e benessere collettivo come pilastri del nostro modello di business. Sappiamo bene che solo una cultura aziendale che integra pienamente i criteri ESG può essere veramente competitiva sul mercato.
Per condividere e agire questa consapevolezza, promuoviamo il nostro impatto di beneficio comune attraverso diverse iniziative, traducendo nella pratica il nostro impegno costante verso un’impronta positiva nella comunità e nell’ambiente.

Cyber Guru 
Partnership EKO365 e Cyber Guru

Per rafforzare ulteriormente la nostra dedizione alla sicurezza informatica, abbiamo instaurato una partnership strategica con Cyber Guru
La collaborazione nasce dal desiderio di potenziare la formazione dei nostri dipendenti e dei clienti, fornendo loro le competenze necessarie per navigare con sicurezza nel panorama digitale attuale.

Cyber Guru è una start-up che si distingue per i suoi programmi formativi avanzati, progettati per aumentare la consapevolezza sulla sicurezza informatica attraverso un’innovativa piattaforma di training.
Questa piattaforma combina tecniche di apprendimento cognitive, induttive ed esperienziali, rendendo l’apprendimento efficace e coinvolgente.
I loro programmi spaziano dalla sensibilizzazione generale alla sicurezza fino alla prevenzione specifica di attacchi come il phishing, e sono spesso arricchiti da web-series interattive che stimolano l’interesse e l’engagement degli utenti.
Questa partnership rappresenta un tassello fondamentale della nostra strategia per una sicurezza informatica efficace e consapevole.”

Greenvincible
il logo EKO365 e quello di greenvincible per la partnership

“Recentemente, in EKO365 abbiamo avviato una collaborazione con Greenvincible, una startup che sta rivoluzionando il campo del riciclo dei rifiuti elettronici. Un passo significativo per integrare soluzioni di riduzione di impatto nel nostro modello di business. Grazie al suo brevetto RAEECycling, Greenvincible promuove l’ingegnerizzazione dell’economia circolare, utilizzando tecnologie avanzate e deep learning per convertire i rifiuti elettronici in risorse preziose. Questo metodo riduce la quantità di rifiuti destinati alle discariche e contribuisce in modo sostanziale agli obiettivi di economia circolare, puntando all’ottimizzazione dell’uso delle risorse.” Racconta Federico.

Fondazione Banco Alimentare
il logo di EKO365 e quello di fondazione banco alimentare

È Fabio Secchia a raccontarci che “Insieme a Enzo Greco collaboriamo come volontari con la Fondazione Banco Alimentare. È stato un onore contribuire al loro significativo percorso di digitalizzazione. Con il nostro supporto la Fondazione ha intrapreso un importante percorso di digitalizzazione dei processi e sta introducendo progressivamente tutte le misure di sicurezza necessarie a ridurre i rischi connessi ai sempre più frequenti e devastanti attacchi informatici.

Digitalizzazione e cloud computing: imperativi per la crescita delle PMI italiane

Le PMI sono il pilastro dell’economia nazionale, essenziali per il loro impatto sullo sviluppo del mercato, il progresso tecnologico e la sostenibilità nazionale.
Dal punto di vista tecnologico, nonostante alcuni progressi, la situazione delle PMI italiane mostra ancora contrasti significativi.
Solo il 9% ha raggiunto una maturità digitale avanzata mentre una notevole percentuale rimane indietro, evidenziando la necessità di un maggiore impegno nella digitalizzazione.
L’Osservatorio Innovazione Digitale delle PMI del Politecnico di Milano sottolinea che mentre il 36% delle imprese è proattivo, il 39% ha ancora un approccio timido, il 16% è scettico.
Uno scenario misto che dimostra che, nonostante il potenziale del digitale sia riconosciuto da quasi la metà delle imprese, una significativa percentuale lotta ancora a identificarne il ruolo centrale. 
La digitalizzazione non si limita alla semplice adozione di nuove tecnologie. Richiede una trasformazione organizzativa completa che coinvolge tutta l’azienda, guidata da un efficace Change Management a partire dalla leadership.
Digitalizzazione e cloud computing sono i passaggi strategici essenziali per le PMI italiane. Cruciali per aumentare l’efficienza, la sicurezza e per aprire nuove opportunità in un mercato globale interconnesso.
L’adozione del cloud è particolarmente critica per garantire l’agilità aziendale, ridurre i costi operativi e accedere a tecnologie avanzate, migliorando così la competitività e la resilienza delle imprese.
L’adozione del cloud computing sta crescendo, con il 45,2% delle imprese dell’UE che ha integrato questi servizi nel 2023. In Italia, il 61,4% delle aziende utilizza il cloud, preferendo soluzioni per la posta elettronica, l’archiviazione dei file e i software per ufficio.
Le proiezioni di Gartner Inc. prevedono che la spesa globale per i servizi di cloud pubblico aumenterà del 20,4% nel 2024. I segmenti Infrastructure-as-a-Service (IaaS) e Platform-as-a-Service (PaaS) mostrano le crescite più significative.
La transizione al cloud è una delle specializzazioni di EKO365, che offre soluzioni all’avanguardia per facilitare questo passaggio cruciale per le PMI.
I servizi di cloud computing di EKO365 ottimizzano la gestione dei dati e delle risorse aziendali e rafforzano la sicurezza informatica, proteggendo le aziende da data breaches e altri cyber rischi. Un passaggio essenziale per qualunque impresa oggi desideri rimanere competitiva nel mercato globale.

PIù POPOLARI

nature restoration law

Il parlamento europeo approva la Nature Restoration Law

Il 17 giugno 2024 è la data del via libera alla Nature Restoration Law, la Legge che prevede di ripristinare almeno il 20% delle aree naturali degradate entro il 2030.
La matassa della filiera tessile

La complessa matassa della filiera tessile 

Ricostruire la complessa filiera tessile, tra raccolta, selezione, riuso e riciclo per rendere più efficiente e competitivo il mercato e gli attori italiani.
comunicazione inclusiva

Comunicazione inclusiva: il progetto di Mariagrazia Chianura

Un libro inclusivo che rende l'educazione ambientale accessibile a tutti, sfruttando la Comunicazione Aumentativa e Alternativa (CAA).
impatto ambientale guerra in Ucraina

L’impatto ambientale della guerra

Ogni guerra provoca danni all’uomo e all’ambiente. Parlare dell’impatto ambientale di una guerra non è facile, pensando alle persone che hanno perso la vita,...
Società Benefit

Società Benefit: cosa sono, vantaggi, come diventarlo

Le Società Benefit (SB) sono una forma giuridica d’impresa che integra nel proprio oggetto sociale, oltre agli obiettivi di profitto, anche precise finalità di beneficio comune. Le...