Giornata internazionale dell’educazione

Se non vedi il video devi accettare i cookie di marketing per visualizzarlo.

L'Educazione e la formazione delle persone nel mondo è ancora iniqua. Purtroppo, anche in Italia aumenta la povertà educativa, terreno fertile per la nascita di disuguaglianze sociali.

Nella Giornata internazionale dell’educazione promossa dalle Nazioni Unite, ricordiamo che in Italia i ragazzi e le ragazze tra i 18 e i 24 anni solo con la licenza media sono il 12,7%, e abbiamo il 13% di dispersione scolastica.

Purtroppo, ancora oggi, circa 244 milioni di bambini e adolescenti nel mondo non vanno a scuola; 617 milioni di bambini e adolescenti non sanno leggere e fare matematica di base; meno del 40% delle ragazze nell’Africa sub-sahariana completa la scuola secondaria inferiore e circa 4 milioni di bambini e giovani rifugiati non ricevono un’istruzione.

La Giornata è stata istituita il 3 dicembre 2018 dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite per celebrare il ruolo essenziale dell’educazione per raggiungere la pace e lo sviluppo in tutto il Pianeta.

In Italia traduciamo spesso la parola ‘educazione’ in ‘istruzione’. In realtà la stessa parola inglese deriva dal latino ‘educere’ che significa ‘tirar fuori’. A ciò dovrebbe tendere l’insegnamento e la scuola: a far emergere il talento di ogni giovane, non solo a trasmettere nozioni.

L’ istruzione è un diritto, un bene comune, una responsabilità collettiva. Ogni democrazia si propone di garantire ai suoi cittadini l’accesso all’istruzione; e lo sviluppo di ogni Paese e delle sue libertà poggia solidamente sulla conoscenza e l’istruzione.

Da non dimenticare, in questa giornata, che la guerra in corso in Ucraina ha interrotto l’istruzione di oltre 5 milioni di bambini e chiede maggiore supporto internazionale per assicurare che i bambini non vengano lasciati ulteriormente indietro. Le conseguenze di 11 mesi di conflitto si aggiungono ai 2 anni di apprendimento persi a causa della pandemia da COVID-19 e agli oltre 8 anni di guerra per i bambini dell’Ucraina orientale.

Nel video di Asvis – Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile – Maria Chiara Carrozza, Presidente del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), e a Ferruccio De Bortoli, Editorialista del Corriere della Sera, sottolineano come l’educazione, la formazione, dovrebbe essere sempre la nostra principale preoccupazione.

Dobbiamo risolvere la ‘povertà educativa‘ perché è da questa che parte ogni disuguaglianza sociale.

La giornata di quest’anno ha come tema “Investire nelle persone, dare priorità all’istruzione“.

Più Popolari

Nature Restoration Law

Un passo avanti per la Nature Restoration Law

La legge per il ripristino della natura fa un ulteriore passo avanti: dopo la recente approvazione da parte del Parlamento Europeo, seguiranno aggiornamenti fino...
come costituire una CER

Come costituire una CER (comunità energetica rinnovabile)

Ora che è stato finalmente pubblicato il tanto atteso Decreto CER, i numerosi progetti di costituzione di Comunità Energetiche Rinnovabili che erano in stand...
impatto ambientale guerra in Ucraina

L’impatto ambientale della guerra

Ogni guerra provoca danni all’uomo e all’ambiente. Parlare dell’impatto ambientale di una guerra non è facile, pensando alle persone che hanno perso la vita,...
esrs rimandato

ESRS, cosa è stato rimandato di due anni

Se qualche azienda e addetto ai lavori ha interpretato come un 'liberi tutti' l'annunciato ritardo nell'approntamento di alcune categorie di linee guida della CSRD, sappia che non è così.
Un amore - certificato Green Film

Arrivano i “Green Film”

La serie "Un amore" con Stefano Accorsi e Micaela Ramazzotti cavalca la tendenza verso produzioni cinematografiche più sostenibili. La certificazione Green Film riduce l'impatto ambientale dell'industria cinematografica.