Il boom dell’ecommerce green

Nel 2021 il commercio online nel mondo è cresciuto del 58%, in Italia del 78%. Gli italiani sempre più interessati ai prodotti sostenibili

La pandemia e il lockdown hanno fatto fare un vero e proprio boom al commercio online, ma nei primi sei mesi del 2021 si è già potuto constatare che ciò che era una necessità è diventata definitivamente una nuova abitudine di acquisto per i consumatori, che hanno oramai imparato a usare i diversi canali e anche a essere molto selettivi. Per esempio, sono più attenti alla sostenibilità, anche durante gli acquisti online. L’ecommerce green è quindi sempre più diffuso: questo significa che le persone sono attente a dove comprano, ai prodotti che comprano, ai materiali di cui sono fatti, alle dichiarazioni di rispetto degli standard di sostenibilità che trovano sui siti. Gli acquisti che facciamo traducono in concretezza le scelte facciamo a monte, per esempio, se decidiamo di non contribuire all’aumento della plastica in circolazione, non useremo più piatti, bicchieri e cannucce di plastica. In questo modo stiamo facendo esattamente quello che chiede anche l’Agenda 2030 dell’Onu, il cui obiettivo numero 12 riguarda proprio i ‘consumi (e produzioni) responsabili’. Che ci sia un aumento della consapevolezza degli italiani verso la sostenibilità, lo ha rilevato anche PayPlug, una società che mette a disposizione delle PMI la tecnologia per i pagamenti digitali, gli italiani sono sempre più interessati a fare acquisti proprio sui marketplace green: ad esempio, Elobaby, sito che vende abbigliamento e prodotti ecologici per neonati, che ha raggiunto il 65% di acquisti da mobile e il +12% di nuovi clienti; oppure, Ecobaby, store di pannolini lavabili (quindi eco-sostenibili) che durante i lockdown del 2020 con il sito mobile friendly ha registrato un + 30% di acquisti sulla piattaforma e-commerce rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente; o ancora, Minimo Impatto, negozio online di ecostoviglie che ha visto crescere del 28% gli ordini online nei primi mesi del 2021 e ha creato una app per l’acquisto.

“Grazie alla comodità e alla sicurezza che garantisce, acquistare online sarà sempre più una modalità scelta dai consumatori anche per il futuro. Tuttavia in questi mesi abbiamo notato come a cambiare non siano stati solo i canali di acquisto. Gli italiani hanno modificato anche le loro scelte rispetto a cosa mettere nel carrello: sta emergendo una nuova attenzione per l’ambiente”, sottolinea Gloria Ferrante, Marketing Project Manager di PayPlug. Proprio in seguito all’esplosione della pandemia, un italiano su cinque ha infatti dichiarato di aver capito l’importanza del rispetto per il pianeta (fonte: Facile.it). Inoltre, secondo l’Osservatorio Immagino, nel corso del 2020 il giro d’affari dei prodotti con uno slogan relativo alla sostenibilità sulle confezioni è stato di 10 miliardi di euro, in crescita del +7,6% rispetto al 2019.

Photo by Anete Lūsiņa on Unsplash

PIù POPOLARI

patagonia

Patagonia, il Pianeta Terra è il nostro unico azionista

La società di abbigliamento outdoor, da sempre etica e impegnata nella salvaguardia ambientale, compie il gesto estremo: il suo fondatore Yvon Chouinard ha ceduto...
ride to school

Ride to school, l’Istituto Vallauri di Fossano premia la mobilità sostenibile

Sono numerosi i ragazzi che si recano a scuola in bicicletta. Sono pochi invece i docenti. Gli uni e gli altri, però, non avevano...
australia cambiamento climatico

Australia, finalmente una legge per il clima

Un passo storico per l'Australia, fino a oggi una delle nazioni più restie a prendere impegni precisi per il clima nonostante abbia tra i...
Lucca

Il progetto europeo IN-HABIT: Lucca smart city a misura di animale

All’interno del progetto europeo Horizon 2020, IN-HABIT vuole trovare soluzioni innovative per promuovere salute e benessere inclusivi. Il progetto pilota riguarda quattro città europee...
Logo app good on you

Good on you: una guida per la moda sostenibile

Lo sapevi che il settore della moda è uno dei settori con il più alto impatto ambientale? Le cause si possono ricondurre all’intera filiera di...