Il talento della Generazione Z

Due startup fondate da giovani donne e un unico obiettivo: aiutare la Generazione Z a tirar fuori talento e grinta per affrontare un difficile mondo del lavoro. Come? Con un programma di formazione settimanale in pillole

MAG, come diminutivo di ‘magnify’, che in inglese significa magnificare, ingrandire, potenziare.

Adesso è anche il nome di un innovativo progetto di formazione e orientamento rivolto in particolare alla Generazione Z (nati tra 1995 e il 2010) quella che oggi rappresenta un terzo della popolazione mondiale, con i picchi naturalmente nei Paesi in via di sviluppo che hanno la popolazione più giovane al mondo. Ma anche in Italia, dove invece c’è il problema della natalità zero e dell’invecchiamento della popolazione, la Generazione Z è molto importante e consistente (circa 9 milioni di persone secono Istat), è quella che si sta affacciando al mondo del lavoro, che reggerà il peso di un sistema pensionistico in cui un lavoratore dovrà sostenere circa 3 pensionati. E’ quella che sta vivendo come nessun’altra il peso della grandi crisi globali e di una trasformazione del mondo del lavoro che sta cogliendo impreparate prima di tutto le scuole e le università.

Oggi, la principale competenza che è necessario sviluppare è la capacità di lavorare su se stessi e potenziare il proprio talento. In funzione delle circostanze: serve capacità di autoapprendimento, resilienza, problem solving.

Non stiamo dicendo che bisogna buttare via l’istruzione accademica, ma è certo che da sola non basta. Ed è certo che c’è tanta gente, Gen Z ma anche più vecchi, che ha bisogno di reinventarsi. Di orientarsi, capire dove vuole andare e dove può andare.

Per questo è nato il progetto MAG, un percorso di orientamento e formazione non convenzionale che preparara e accompagna al lavoro la Generazione Z e chiunque voglia stare al passo lungo i sentieri tortuosi del mondo del lavoro che cambia.

Come funziona MAG

Al percorso di MAG si accede attraverso i social: i profili di Hacking Talents e Factanza riportano un link che rimanda i potenziali candidati verso una pagina dedicata da cui sottoscrivere un abbonamento al prezzo di 5,90 euro al mese o 59 euro l’anno. Da quel momento, si riceverà via mail ogni lunedì mattina alle 8.00 dei contenuti di vario genere: informazioni per capire come si sta evolvendo il mondo del lavoro, risposta a domande scomode (tipo: Sai gestire la tendenza a procrastinare? Come riconosci un clima tossico in azienda? Esiste una carriera “giusta”? Cosa ti spinge a ricercare ancora il posto fisso?), approfondimenti e indicazioni per capire dove si vuole arrivare e come farlo nel modo migliore.

Chiunque, con un semplice abbonamento, avrà la possibilità di usufruire dei contributi informativi e di seguire il mind training di MAG, con stimoli e sollecitazioni che li accompagneranno per tutta la settimana in modo utile, divertente, non invadente, conciliabile con altre attività. Non mancheranno esercizi finalizzati a sviluppare autoefficacia, soft skill e intelligenza emotiva; a gestire l’ansia e lo stress; a ribaltare pregiudzi e condizionamenti legati al lavoro che scoraggiano e demotivano.

Chi ha ideato MAG

HACKING TALENTS e FACTANZA, due giovani società guidate da donne che ognuna a proprio modo vogliono migliorare il mondo. Si sono incontrate e hanno pensato di mettere a fattor comune le proprie differenti competenze. Così nasce Mag.

Hacking Talents – che è anche società benefit – è un’iniziativa volta alla valorizzazione delle persone in ambito lavorativo che anche attraverso il sito online aiuta chiunque voglia posizionarsi o riposizionarsi nel mondo del lavoro ad avere gli strumenti per farlo. Attraverso un match basato sulle attitudini umane e sulle ambizioni delle persone, attiva servizi di evoluzione professionale e apre le porte a nuove opportunità lavorative. 

«Crediamo nel ruolo dell’istruzione per creare innovazione», sostengono le fondatrici di Hacking Talents, Federica Pasini, Teresa Baldini e Nabila Lorini. «Purtroppo però, abbiamo notato un blocco: una volta completati gli studi, i giovani tendono a seguire un percorso professionale spesso idealizzato. Abbandonano ciò che amano fare, interrompono il naturale flow che permette a ogni individuo di trovare l’equilibrio tra la vita e il lavoro, che gioca ormai un ruolo cruciale nel plasmare le attese di felicità. Ecco perché imparare ad ascoltarsi e seguire il proprio cuore può aiutare nella definizione di un path professionale. Con l’obiettivo di supportare questa convergenza, abbiamo realizzato MAG».

Factanza è una media company che si occupa di avvicinare le nuove generazioni al mondo dell’informazione attraverso i social. Parla quotidianamente sui suoi canali di attualità e di tutte le tematiche rilevanti per i giovani nel mondo di oggi: sostenibilità, salute mentale, inclusione, diversità. “La nostra missione è quella di rendere i giovani più consapevoli di cosa succede nel mondo e di cosa possono fare per generare un impatto positivo sulla realtà in cui viviamo – dicono le due founder, Bianca Arrighini e Livia Viganò. “Questo cambiamento deve passare anche dal mondo del lavoro, che per le nuove generazioni appare come un universo distante e spesso ostile. Per cambiare certe dinamiche crediamo che anche l’informazione abbia un ruolo fondamentale”.

PIù POPOLARI

Matteo Trapasso proprietario del micropanificio TraMa

Piccolo è bello: ecco il più sostenibile micropanificio d’Europa

Pensare di avviare un’attività commerciale in un locale che non raggiunge i 9 metri quadrati sembrava una vera e propria utopia: a maggior ragione...
cop27 decisioni

Le decisioni finali della COP27

Come succede quasi ogni anno, si è conclusa in ritardo anche questa edizione numero ventisette della Conferenza delle Parti. Come sempre, se ne parla...

Musica nella metropolitana di Milano per dare voce alla solidarietà

L’ATM, Azienda Trasporti Milanesi, gestisce il servizio di trasporto pubblico a Milano e in un centinaio di comuni attorno alla città: nel 2022 è...
disinformazione climatica

Disinformazione climatica, cosa significa e come evitarla

La disinformazione climatica è l'informazione o la comunicazione che nega o sminuisce l'esistenza e l'impatto del cambiamento climatico, l'inequivocabile influenza umana sul cambiamento climatico...
tessile sostenibile

La strada dell’Europa verso una moda sostenibile

Recentemente è nato in Italia il consorzio Re.Crea, fondato da aziende del calibro di Dolce&Gabbana, MaxMara Fashion Group, Gruppo Moncler, Gruppo OTB, Gruppo Prada,...