Milano, 10 milioni per la parità di genere

Annunciato da Fontana lo stanziamento di un fondo per sostenere i costi delle PMI lombarde nel processo per ottenere la certificazione della parità di genere

Come avevamo appreso in questa intervista con l’economista Marcella Corsi, la Certificazione della Parità di Genere ha l’obiettivo di migliorare la presenza delle donne nel mercato del lavoro, accrescere le opportunità di fare carriera e di non essere discriminate, di bilanciare vita e lavoro. La Certificazione, è uno strumento per promuovere in azienda azioni concrete e per verificarle, ed uno dei modi in cui si sta rendendo operativa la “Strategia Nazionale per la Parità di genere. Ma, nonostante al suo rilascio consegua il ‘premio’ di un’agevolazione contributiva, non è semplice per le aziende ottenerla poichè si apre un processo complesso e dispendioso.

Tanto è vero che per le sole piccole e medie imprese e micro imprese, al fine di facilitare il processo di certificazione, sono previsti contributi (fondi del PNRR) destinati sia a supportare servizi di assistenza tecnica e accompagnamento alla certificazione, sia a sostenere i costi di certificazione.

Ora, la Lombardia è la prima regione a stanziare ulteriori 10 milioni di euro (il doppio in pratica dei fondi PNRR destinati alla stessa cosa, 5,5 milioni) per le imprese lombarde che attuano azioni per favorire la parità di genere compresa la certificazione.

Il fondo ricalca le linee nazionali, per le aziende si tratterà di un contributo fondo perduto ed è destinata alle medie, piccole e piccolissime imprese, a copertura di due tipologie di costo:

  • i servizi consulenziali di accompagnamento alla certificazione, con un contributo fino a un massimo di 7.000 euro per l’acquisto di servizi di consulenza a supporto delle imprese che intendano avviare le attività propedeutiche all’ottenimento della certificazione della parità di genere;
  • le spese sostenute, fino a un massimo di 9.000 euro, per ottenere la certificazione della parità di genere.

L’importo dei contributi assegnati all’impresa è differenziato in base al numero di dipendenti presenti in Lombardia. Il contributo per singola impresa non può superare l’80% delle spese ammissibili.

In Lombardia, finora ,sono state presentate 94 domande (di cui il 50% da parte di aziende sotto i 50 dipendenti) per un importo richiesto pari a 850.000 euro.

Le politiche per la riduzione del divario di genere potranno produrre un aumento della partecipazione femminile al mondo del lavoro, che in Lombardia è già superiore alla media nazionale: 59,5% a fronte di una media italiana del 49,4%.

Foto di Maksym Harbar su Unsplash

PIù POPOLARI

neom

NEOM, il folle progetto di una megalopoli sostenibile nel deserto

Nel 2017, il principe ereditario dell’Arabia Saudita Mohammed bin Salman ha annunciato NEOM, un progetto utopistico e apparentemente folle di una megalopoli nel deserto...
scarti ciliegie

Barbara Vecchi, con ciliegie e data science rivoluziono la cosmesi

L'imprenditrice di Vignola mette al centro della sua idea di cosmesi green la valorizzazione del territorio, sfruttando gli scarti delle ciliegie.
lifestyle sostenibile

Lifestyle sostenibile, il nuovo, virtuoso centro PUF

PUF è il centro dell’abitare sostenibile realizzato grazie a Punto UniAbita e Fondazione Auprema. Questa Fondazione è nata nel 2006 e realizza progetti rivolti...
forest bathing

Forest bathing e forest therapy, cosa sono e perché sono differenti

Cos’è il forest bathing? Forest bathing è la traduzione inglese del termine giapponese 'shinrin-yoku'. In italiano il termine inglese è molto utilizzato, ma a volte...
Settimana STEM 2024

Settimana STEM 2024, lauree, lavoro e gender gap

I percorsi di studio e i lavori 'STEM' sono ancora a prevalenza maschile. Un mix di retaggi culturali e condizionamenti sociali ed economici che lentamente si stanno evolvendo