Teatro a pedali, spettacolo a impatto zero

Ultimo spettacolo 20 agosto 2020, a Cumiana e Piossasco, in provincia di Torino

Dal 16 luglio al 20 agosto 2020, a Cumiana e Piossasco, in provincia di Torino, la compagnia teatrale “Mulino ad arte” ha portato in scena il “Festival Teatro a Pedali”, una rassegna di spettacoli di teatro a basso impatto ambientale grazie al sistema di co-generazione elettrica collegato a 15 biciclette che permette di alimentare l’impianto audio-luci del palcoscenico grazie alla pedalata del pubblico.

Il format “Teatro a pedali” ideato da Mulino ad Arte è nato per sensibilizzare gli utenti al tema dell’eco-sostenibilità attraverso un approccio esperienziale e coinvolgendo il pubblico negli eventi dal vivo.  

“Portiamo il teatro in piazza, parlando di sostenibilità, utilizzando la bicicletta, mezzo importante in questa nuova fase, e coinvolgendo il pubblico nello spettacolo per recuperare il senso di comunità e di partecipazione – commenta Daniele Ronco, direttore artistico di “Mulino ad arte” che da diversi anni ha sposato il tema ambientale – Dopo mesi di inattività, vogliamo ripartire portando in scena spettacoli con il format “Teatro a pedali”, evoluzione di un percorso che Mulino ad Arte ha iniziato con “Mi abbatto e sono felice”, il monologo in cui pedalando illumino la scena”.

Le serate programmate sono state in totale 6 e sono cominciate giovedì 16 luglio, l’ultima andrà in scena giovedì 20 agosto: ‘La donna più grassa del mondo‘, di Emanuele Aldrovandi, uno spettacolo di umorismo nero, di tesa ironia e di feroce critica sociale, vincitore anche del contest nazionale indetto da “Mulino ad Arte” per premiare una sceneggiatura sul tema della crisi climatica

Come funziona il Teatro a Pedali

La partecipazione va naturalmente prenotata. Prima e durante lo spettacolo, i partecipanti saranno invitati a pedalare, nel rispetto delle misure anticontagio (mascherine e distanziamento), con l’obiettivo di contribuire all’auto-sostenibilità dell’evento. 

Le biciclette a disposizione, infatti, sono collegate ad un sistema di co-generazione elettrica che alimenta l’impianto audio-luci del palcoscenico. “Teatro a Pedali” è l’evoluzione di un percorso che Mulino ad Arte ha iniziato con “Mi abbatto e sono felice”, spettacolo teatrale che si autoalimenta grazie allo sforzo prodotto dall’attore in scena.

Le biciclette che ti metteremo a disposizione sono collegate ad un sistema di co-generazione elettrica che alimenta l’impianto audio-luci del palcoscenico. “Teatro a Pedali” è l’evoluzione di un percorso che Mulino ad Arte ha iniziato con “Mi abbatto e sono felice”, spettacolo teatrale che si autoalimenta grazie allo sforzo prodotto dall’attore in scena.

Nell’estate 2020 nasce Teatro a Pedali – il festival, originariamente progettato per diffondersi su tutto il territorio nazionale, il primo festival ecosostenibile italiano completamente alimentato dal format Teatro a pedali.

Maggiori informazioni qui.

PIù POPOLARI

auto privata

Auto privata, ha ancora senso?

Il 14 Gennaio 2020 la più grande società di investimenti al mondo, Black Rock, annunciava di voler mettere la sostenibilità al centro...

Giorgio Vacchiano, il cambiamento climatico è un problema sociale, non ambientale

“La parola scienziato mi impressionava da bambino, invece ora mi ritrovo ad usarla per descrivermi” - così Giorgio Vacchiano rompe il ghiaccio...

The Good in Town, un nuovo viaggio

Siamo tutti in viaggio verso una nuova era. Non mi riferisco al new normal del dopo Covid, ma all’era della sostenibilità,...
Anna Micossi manager

Cosa c’è dietro una manager, il fattore Epsilon di Anna Micossi

Anna Micossi ha cominciato a interessarsi di sostenibilità ai tempi dell’università e sulla responsabilità sociale d’impresa ci ha fatto anche la...
vacanze outdoor

Vacanze outdoor in pandemia, ecco l’AirBnB del campeggio

Gli amanti dell'outdoor sanno che non c'è niente che fa sfumare maggiormente quell'idea di libertà e contatto con...