Consegne sostenibili, arriva l’ultimo miglio con i walker

Con l'aumento dei servizi di consegna a domicilio, cresce l'impatto ambientale del fattore trasporto. Share è una startup nata nel 2020 che risolve il problema 'dell'ultimo miglio' con una filosofia particolare

Per le imprese che operano in un settore cruciale per il mercato italiano come quello delle spedizioni e delle consegne, non è affatto semplice distinguersi: Share è una startup nata nel 2020 che, come emerge dal suo sito, si occupa di spedizioni, ma soprattutto di consegne, con una filosofia particolare. Il nome stesso rimanda a una visione che si fonda sull’idea di condivisione, non solo degli oggetti, ma anche di valori etici e sociali: il “rispetto nelle consegne” espresso nella homepage, dichiara l’impegno che il rispetto per chi lavora con loro, e quindi per i clienti finali, viene prima di qualsiasi consegna.

L’attuale CEO Claudio Di Silvestre, con esperienze decennali nella logistica dell’ultimo miglio, ha fondato Share insieme a Pietro Greppi e Davide Montalto, ponendo come elemento fondante della strategia aziendale l’attenzione all’impatto sociale e ambientale: una sensibilità che accomuna tutti i tre soci.
Per questa ragione il modello organizzativo si basa sull’utilizzo diffuso dei locker, quegli armadi automatici che sono già presenti in molte città, tipicamente posizionati in luoghi con un’alta densità. Essi fungono da mini-centri di distribuzione territoriale, riducendo quindi l’impatto ambientale.

Fotografia di una persona con il pacco di Share

L’obiettivo è quello di delineare un’area di recapito ben precisa, consentendo di concentrare un numero maggiore di consegne in un singolo punto. Ne consegue un’ottimizzazione della capienza di carico dei furgoni, una riduzione dei chilometri da percorrere: di conseguenza diminuiranno i mezzi necessari, favorendo l’impiego di veicoli elettrici e contribuendo così alla riduzione delle emissioni.
Le consegne finali verranno successivamente effettuate nelle vicinanze del mini-hub, per un raggio di copertura massimo di circa due chilometri, da personale a piedi, con l’ausilio di carrelli innovativi, o attraverso e-bike/ cargo bike da residenti del territorio.

Ridurre il traffico, accrescere l’inclusione

Share si propone di risolvere una serie di problemi critici nel settore della logistica e delle consegne. La concentrazione delle spedizioni nei mini-hub non solo semplifica l’organizzazione logistica, ma contribuisce anche a mitigare il problema del traffico urbano e delle emissioni inquinanti.
L’uso di veicoli elettrici e di armadi automatici conferma l’impegno per un’operatività sostenibile ed ecologica, con benefici tangibili sull’ambiente e sulla qualità della vita nelle comunità servite.

Inoltre, la decentralizzazione della distribuzione offre l’occasione di abbattere le barriere sociali, creando opportunità di lavoro per un’ampia varietà di profili, compresi quelli che sono talvolta esclusi dal mercato del lavoro.
È appunto in tale contesto che emerge l’impegno sociale della startup: sono state avviate collaborazioni con alcune associazioni per rivolgersi a individui talvolta emarginati, in modo da promuovere l’inclusività e adoperarsi attivamente per ridurre le barriere sociali.

A tale proposito ’azienda ha ricevuto da UNHCR (l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati) il conferimento del logo Welcome Working for refugee integration per l’anno 2020-2021, che riconosce l’impegno significativo dimostrato nel promuovere interventi specifici per l’inserimento lavorativo dei rifugiati.

Partendo dunque dalla necessità di offrire un servizio di consegne, Share propone una filosofia aziendale che integra innovazione, sostenibilità e inclusività. L’approccio centrato sulla condivisione, unito all’utilizzo intelligente di tecnologie come gli armadi automatici, sta plasmando il futuro delle consegne, rendendolo più rispettoso dell’ambiente e vicino alle esigenze delle persone.

Fotografia di bici elettriche presso il Colosseo
Share ha inoltre stretto alcuni accordi con RideMovi e Bird per la gestione delle bici elettriche della due compagnie di bike-sharing di Roma, in coerenza con la propria missione a limitare il traffico dei mezzi inquinanti nelle città.

Con il suo impatto sociale distintivo e la sua attenzione all’etica aziendale, SHARE si presenta come una scelta all’avanguardia per coloro che vogliono trasformare il modo in cui le merci raggiungono le destinazioni, condividendo non solo pacchi ma anche valori positivi.

Share è stata una delle startup selezionate dall’edizione 2023 di MCE 4×4 – Incroci e transizioni, iniziativa per la mobilità sostenibile promossa da Assolombarda e Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi.

PIù POPOLARI

scarti ciliegie

Barbara Vecchi, con ciliegie e data science rivoluziono la cosmesi

L'imprenditrice di Vignola mette al centro della sua idea di cosmesi green la valorizzazione del territorio, sfruttando gli scarti delle ciliegie.
korian italia

Korian Italia, la prima azienda socio-sanitaria a diventare società benefit

La popolazione italiana è la seconda più vecchia al mondo, la sanità pubblica arranca, i problemi psichiatrici sono in aumento, le persone sole pure:...
neom

NEOM, il folle progetto di una megalopoli sostenibile nel deserto

Nel 2017, il principe ereditario dell’Arabia Saudita Mohammed bin Salman ha annunciato NEOM, un progetto utopistico e apparentemente folle di una megalopoli nel deserto...
forest bathing

Forest bathing e forest therapy, cosa sono e perché sono differenti

Cos’è il forest bathing? Forest bathing è la traduzione inglese del termine giapponese 'shinrin-yoku'. In italiano il termine inglese è molto utilizzato, ma a volte...
impatto ambientale guerra in Ucraina

L’impatto ambientale della guerra

Ogni guerra provoca danni all’uomo e all’ambiente. Parlare dell’impatto ambientale di una guerra non è facile, pensando alle persone che hanno perso la vita,...