US, perché ci sono così pochi imprenditori neri nel settore tecnologico?

Tutta colpa degli investitori

Gli Stati Uniti, grazie soprattutto alla Silicon Valley, sono visti come una nazione iper tecnologica, la terra delle startup, il che nell’immaginario collettivo corrisponde anche a un’idea di modernità, di evoluzione, di ‘essere avanti’. Eppure, non è così, i problemi dell’inclusione sociale (e della parità di genere), oltre a essere presenti nella società civile nel suo insieme, sono molto vivi nel settore aziendale e hi-tech. Ha parlato di questo argomento il giornalista Padraig Belton di BBC News, che ha intervistato l’imprenditore Zack Smith, fondatore di Jobble, piattaforma per trovare lavoro nella gig economy. Qui di seguito il suo articolo originale, in cui si scopre che gli imprenditori neri nell’hi-tech sono pochi perché i grandi finanziatori investono nelle startup di bianchi.

“Penso che molte persone come me non abbiano mai nemmeno una possibilità, perché la gente non risponde al telefono, o non ascolta la loro idea, ma li incasella in modo fuorviante”, dice Zack Smith, il fondatore di Jobble, con sede a Boston. Sta parlando di quanto possa essere difficile per gli imprenditori neri del settore tecnologico raccogliere finanziamenti.

Eppure Smith l’ha vista come una sfida. “Non importa in quale casella mi hanno messo per cominciare, io ne uscirò e dimostrerò loro che sono più grande e migliore”. Credo che sia questa la mia motivazione”, dice.

La sua azienda è una piattaforma per trovare lavoro nella gig economy, che offre opportunità occupazionali a quanti cercano un orario flessibile.

“Supporto”

Secondo uno studio su 9.874 fondatori di imprese statunitensi condotto da RateMyInvestor, impresa sociale con sede in California, solo l’1% delle start-up che ricevono capitale di rischio sono fondate o gestite da persone di colore.

Smith ha avuto la fortuna di avere la Harlem Capital Partners con sede a New York, che concentra i suoi investimenti su fondatori appartenenti a minoranze e donne.

“Sono stati estremamente disponibili, come investitori, ma anche come amici e partner”, dice.

Black Lives Matter non solo ha puntato i riflettori sulla polizia, ma anche su altri campi, come l’industria tecnologica.

Negli Stati Uniti, il 13% della forza lavoro è di nera, ma in Google questa percentuale è solo del 3,7% e su Facebook del 3,8%.

Per capire il perché, seguite i soldi, dice Sydney Sykes, laureata ad Harvard e investitore di venture capital che nel 2018 ha cofondato BLCK VC.

Sydney Sykes

Il capitale di rischio – cioè gli investimenti iniziali in una società startup in cambio di azioni – è il modo in cui la maggior parte delle nuove startup vengono lanciate.

Ma l’81% dei fondi di venture capital (VC) specializzati nella realizzazione di questo tipo di investimenti non hanno al loro interno un partner di colore.

Ne deriva che il 75% dei round di investimento va a startup con team di fondatori bianchi, dice Marlon Nichols, socio fondatore e amministratore delegato di MaC Venture Capital in California.

‘Investimenti entusiasmanti’

Sydney Sykes dice che gli investitori nelle start-up tecnologiche “seguono il loro istinto, ed è qui che si insinua il pregiudizio”.

Dice che gli investitori sostengono finanziariamente qualcuno se si sentono “connessi a questa persona”, o se l’imprenditore gli ricorda Elon Musk o Mark Zuckerberg.

Tuttavia, ritiene che “quando si chiude la mente a diversi tipi di imprenditori, si perdono investimenti entusiasmanti e grandi aziende”.

Marlon Nichols afferma che i team di fondatori etnicamente diversificati offrono agli investitori rendimenti migliori – in media 3,3 volte il capitale investito, rispetto alle 2 volte dei fondatori bianchi.

La Sykes ha avviato una rete di investitori neri.

Lei e un altro responsabile di VC, Frederik Groce, hanno organizzato una cena e hanno invitato tutte le persone nere che conoscevano attive come venture capitalist nell’area della baia di San Francisco, oltre ad altri amici.

“Abbiamo finito per essere circa 30 persone, la maggior parte degli investitori neri in California, il che è stato piuttosto fuori dal comune”, dice.

La cena è andata avanti “molto più a lungo del previsto” e alla fine hanno avviato una rete per incoraggiare e guidare le persone nere che vogliono partecipare al capitale di rischio.

Duplicare gli errori?

L’imprenditore nero Donnel Baird dice che il fundraising è stata “di gran lunga la parte più difficile”.

La start-up del signor Baird, BlocPower con sede a Brooklyn, assume lavoratori locali disoccupati per sostituire i sistemi climatici antiquati dei condomini con pompe di calore moderne.

Queste sono dal 20 al 50% più efficienti dei condizionatori d’aria e da due a tre volte più efficienti dei sistemi di riscaldamento a caldaia, dice.

La sfida più grande è quella di documentarsi su ogni edificio abbastanza bene da attirare il crowdfunding, in modo che i sistemi non costino nulla in anticipo ai residenti e possano essere pagati con i risparmi futuri.

Hanno sviluppato uno strumento di simulazione chiamato BlocMaps che integra rapidamente le fonti di dati della città con le osservazioni in loco, attingendo al contempo ai 1.000 edifici su cui hanno lavorato finora a New York.

Secondo lui, poiché i fondatori come lui realizzano utili e hanno accesso a capitali per investire in nuove start-up, la Silicon Valley cambierà.

“Non credo che ci vorrà molto tempo da adesso”, dice Baird. “Credo che ci vorranno cinque anni”.

Ma chiede alla sua generazione di fondatori neri: “Cercheremo di aiutare Silicon Valley a costruire il mondo migliore che dice di voler costruire, o duplicheremo gli stessi errori con la differenza di avere una persona nera al comando?”

(L’articolo originale continua ….https://www.bbc.com/news/business-53761632)

PIù POPOLARI

imprenditrici top

La mappa delle imprenditrici innovative top nel mondo

Spesso si dice che per ridurre la disparità di genere sia necessario anche spronare le donne a osare di più e che...
auto privata

Auto privata, ha ancora senso?

Il 14 Gennaio 2020 la più grande società di investimenti al mondo, Black Rock, annunciava di voler mettere la sostenibilità al centro...

Giorgio Vacchiano, il cambiamento climatico è un problema sociale, non ambientale

“La parola scienziato mi impressionava da bambino, invece ora mi ritrovo ad usarla per descrivermi” - così Giorgio Vacchiano rompe il ghiaccio...

The Good in Town, un nuovo viaggio

Siamo tutti in viaggio verso una nuova era. Non mi riferisco al new normal del dopo Covid, ma all’era della sostenibilità,...
leaders for climate action

Leaders for climate action, 726 imprenditori europei high-tech si mobilitano

Delivery Hero, BlaBla Car, Wefox, Zalando, Ecosia, GetYourGuide, Flixbus, Glovo, Cabify, WeWork e poi fondi di venture capital come eVentures, Heartcore Capital,...