A Budapest il primo pavimento Solare posato sul vialetto di casa produce energia pulita

Se non vedi il video devi accettare i cookie di marketing per visualizzarlo.

Tegole solari posate in luoghi diversi dai tetti. Platio, la tech-company con sede a Budapest, in Ungheria, ha appena installato la prima pavimentazione solare da utilizzare sui vialetti residenziali.

“I tetti non sono le uniche superfici che possono essere utilizzate per la produzione di energia solare”, commenta l’Ingegner Imre Sziszák, co-fondatore di Platio. “Anche le aree pavimentate assorbono la radiazione solare per tutto il giorno. I pannelli solari calpestabili prodotti da Platio possono utilizzare questa nuova fonte di energia pulita”.

Il sistema è costituito da unità ad incastro, le finitrici solari Platio. Ogni finitrice è realizzata con 400 bottiglie di plastica PET riciclata per un prodotto addirittura più resistente del cemento, come si può vedere dal video che illustra i prodotti dell’azienda. La pavimentazione può essere installata in dimensioni da 10 a 30 metri quadrati ed è adatta a vialetti, terrazze, balconi e patio.

L’energia generata dalle piastrelle Platio viene immessa nella rete elettrica della casa. Una pavimentazione solare di 20 metri quadrati può coprire il consumo energetico annuale di una famiglia media, come si può vedere nel video.

Gli ideatori della soluzione hanno progettato piastrelle esteticamente in armonia con l’architettura del vialetto di casa e che aumentano notevolmente l’efficienza energetica domestica. Le pavimentazioni sono disponibili in nero, rosso, blu e verde. Le celle solari sono protette da piastrelle in vetro temperato realizzate in modalità antiscivolo, in modo che ci si possa camminare in sicurezza, e riescano a sorreggere il peso di un’auto.

Questo innovativo sistema di produzione di energia pulita può essere funzionale anche fuori dal confine domestico. Ad esempio può alimentare i veicoli elettrici. A Budapest è stato installato proprio da Platio un pavimento di 50 metri quadri su un marciapiede in una stazione di ricarica per auto elettriche. La tecnologia può inoltre essere collegata alle panchine delle piazze dei centri abitati, che dotate di box digitali, possono diventare postazioni di ricarica per device mobili. I pavimentatori sono adatti anche a illuminare i lampioni sui sentieri pedonali. Inoltre, a differenza dei sistemi di tegole solari montati sul tetto, le aree pavimentate con un buon accesso alla luce solare hanno un potenziale di produzione di energia su larga scala.

Articolo originale https://inhabitat.com tradotto da Alessia Valsecchi

Più Popolari

Fotografia dell'Orchestra Esagramma al Festival In&Aut

Inclusione e autismo: due parole che il lavoro sa unire con grande efficacia

Con una giusta preparazione e il supporto di strumenti appropriati si possono utilizzare le capacità delle persone autistiche in un contesto lavorativo professionale
Europee 2024: l'appello della scienza

Europee 2024: l’appello della scienza

L'articolo riporta l'appello della comunità scientifica ai candidati alle elezioni europee del 2024. E' importante basare le proprie scelte sulle evidenze scientifiche.
forest bathing

Forest bathing e forest therapy, cosa sono e perché sono differenti

Cos’è il forest bathing? Forest bathing è la traduzione inglese del termine giapponese 'shinrin-yoku'. In italiano il termine inglese è molto utilizzato, ma a volte...
ddl zan

Ddl Zan bocciato al Senato. Cosa voleva e perché non è passato

Non è legge il Ddl Zan e non è legge per 23 voti. Voti mancati al centrosinistra per far approvare la legge che porta...
impatto ambientale guerra in Ucraina

L’impatto ambientale della guerra

Ogni guerra provoca danni all’uomo e all’ambiente. Parlare dell’impatto ambientale di una guerra non è facile, pensando alle persone che hanno perso la vita,...