B Corp, come stanno cambiando standard e requisiti

La certificazione B Corp si sta evolvendo. A dicembre 2023 dovrebbe concludersi il processo che porterà cambiamenti nel processo per ottenere la certificazione

Sono trascorsi 17 anni da quando il movimento B Corp, promosso da B Lab, ha cominciato a rivoluzionare il concetto d’impresa, semplicemente togliendo i confini tra quel mondo profit e nonprofit che fino a quel momento aveva affermato che se con la tua impresa fai i soldi sei cattivo e se non li fai, sei buono, ma un po’ sfigato.

Una rivoluzione culturale, filosofica, questo è stato il movimento B Corp. Per alcuni anni è andato crescendo con andamento lento, poi negli ultimi anni un incredibile boom.

I 17 anni di vita del movimento hanno coinciso con anni ‘non normali’: abbiamo visto crisi economiche profonde, trasformazione digitale, cambi radicali negli equilibri geopolitici, guerre, pandemia, l’avanzare del cambiamento climatico con un ritmo più veloce di quanto si credeva, flussi migratori imponenti, radicalizzazione religiosa, cambiamenti nelle strutture sociali, emergere di sottoculture antiscientifiche. Tutto è troppo veloce e tutto influenza il modo di fare impresa. Questi 17 anni, per consistenza di avvenimenti e cambiamenti, equivalgono a un paio di secoli del ventesimo secolo.

Il movimento delle B Corp si basa sull’assunto che le le aziende possano essere ‘una forza per il bene’, cioè guidare il cambiamento e trascinare ‘beneficamente’ il resto della società. Avere un reale impatto in questo proposito è fondamentale. B Lab crede che sia arrivato il momento di aggiornare i propri standard, quelli che vengono utilizzati per assegnare, o meno, la certificazione, per rafforzare l’identità delle B Corp e la loro capacità di avere un impatto misurabile.

Questo processo di evoluzione degli standard per la certificazione B Corp è iniziato nel 2020, con l’obiettivo di continuare a sostenere le aziende all’avanguardia nella trasformazione, aiutandole a migliorare il loro impatto e le loro decisioni, in particolare sulle questioni chiave che le persone e il pianeta devono affrontare oggi, come il cambiamento climatico, la povertà e la giustizia sociale.

Attualmente, le aziende che desiderano ottenere la certificazione B Corp devono soddisfare un requisito legale modificando lo statuto della società (in Italia trasformandosi in società benefit) per incorporare gli interessi di tutti gli stakeholder nel processo decisionale dell’azienda; poi devono completare una valutazione dell’impatto delle loro pratiche (B Impact Assessment) in materia di governance, lavoratori, comunità, ambiente e clienti. Il B Lab esamina poi questa valutazione (e la documentazione di supporto) che deve raggiungere un “B Impact Score” complessivo di almeno 80 punti per ottenere la certificazione.

Questo enorme questionario già comprende tutte le aree strategiche dell’impatto di un’impresa. Le società italiane, e non solo le italiane, che ambiscono alla certificazione spesso lamentano i limiti di questo ‘assessment’ per il fatto di non essere sufficientemente personalizzabile per il contesto di una particolare azienda, sia essa una regione, una dimensione, un Paese o un settore. Tuttavia, benchè migliorabile, funziona.

Un rapporto pubblicato recentemente da B Lab suggerisce che la bozza dei nuovi standard per le aziende certificate B Corp, attualmente in fase di sviluppo, rappresenta un obiettivo ambizioso ma raggiungibile per i leader aziendali che vogliono essere una forza per il bene.

Il rapporto, che illustra il feedback di una consultazione condotta da B Lab a partire da settembre 2022, rivela che su un campione di oltre 1.000 imprese, con 43 interviste a esperti del settore, oltre 48 ore di focus group e il feedback di stakeholder pubblici e privati di 53 Paesi:

- l'86% degli intervistati delle B Corp e l'87% degli intervistati non appartenenti alle B Corp ritengono che la nuova bozza di standard rappresenti un elevato livello di performance sociale e ambientale e che contribuirà a compiere progressi significativi su questioni sociali e ambientali urgenti;

- il 69% degli intervistati delle B Corp e il 51% degli intervistati non appartenenti alle B Corp pensano che i nuovi standard siano raggiungibili o possibili da raggiungere nel temp;

Il 71% degli intervistati delle B Corp e il 77% degli intervistati non appartenenti alle B Corp ritengono che la nuova bozza di standard renda più chiara la comprensione di ciò che è richiesto per la certificazione.

Judy Rodrigues, direttrice degli standard di B Lab Global, ha sottolineato: “È importante che gli standard consentano alle aziende di compiere progressi significativi verso un’economia più inclusiva, equa e rigenerativa, pur rimanendo alla portata di tutti i tipi di aziende in tutto il mondo. Terremo conto delle vostre opinioni mentre continuiamo a sviluppare i nuovi standard”.

Ma in cosa consisterà questa evoluzione? Come cambierà il BIA?

Il punto fondamentale riguarda un cambiamento nel meccanismo di valutazione, basato sul BIA (B Imapct Assessment) dove oggi è necessario un risultato di almeno 80 punti: in futuro, si pterà probabilmente per passare a un approccio dove tutte le B Corp devono soddisfare i requisiti di 10 argomenti specifici che definiscono la leadership sull’impatto dell’impresa in ambito sociale, della governance aziendale e ambientale.

Gli argomenti saranno definiti durante un prossimo ciclo di consultazioni. La maggior parte di essi sono già coperti dagli standard e dalla metodologia esistenti, quindi l’evoluzione segna un passaggio verso la loro obbligatorietà per tutte le aziende certificate B Corp.

Elementi che dovrebbero rimanere centrali per ottenere la certificazione dovrebbero essere:

  • i modelli di business d’impatto, in cui l’impatto sociale e ambientale positivo viene incorporato nelle strategie d’impresa, continuerà a essere enfatizzatio come parte dei nuovi standard, d’altro canto rappresenta il vero elemento caratterizzante delel B Corp;
  • I requisiti specifici degli standard includeranno maggiori indicazioni su come identificare, dare priorità e coinvolgere gli stakeholder che possono essere influenzati dalle decisioni dell’azienda.

Nuovi requisiti proposti

Le bozze dei nuovi requisiti di certificazione si stanno concentrando sui seguenti argomenti fondamentali:

  • Purpose: le B Corp agiscono in conformità a uno scopo definito che include un’enfasi sull’impatto e una considerazione delle parti interessate.
  • Etica e anticorruzione: Le B Corp agiscono in modo etico ed esente da corruzione, e dispongono di pratiche rilevanti per farlo nelle proprie operazioni e nella catena del valore.
  • Gestione dell’impatto: Le B Corp gestiscono l’impatto della loro attività in modo completo e considerano tutti gli stakeholder nel loro processo decisionale.
  • Salario di sussistenza: I lavoratori possono permettersi un tenore di vita dignitoso per sé e per le proprie famiglie.
  • Empowerment dei lavoratori: I lavoratori sono responsabilizzati. Possono collaborare tra loro, condividere le loro opinioni (collettive) e chiedere conto al management.
  • Diritti umani: La B Corp rispetta i diritti umani. Gli impatti negativi sui diritti umani vengono prevenuti, mitigati e corretti.
  • Giustizia, equità, diversità e inclusione: Le B Corp hanno ambienti di lavoro inclusivi e diversificati e contribuiscono in modo significativo a una società giusta ed equa.
  • Clima: Le B Corp intraprendono azioni per il clima in accordo con la scienza per combattere il cambiamento climatico e i suoi impatti nelle proprie operazioni e nella catena del valore.
  • Gestione ambientale: Le B Corp hanno un sistema di gestione ambientale (EMS) che copre la produzione di rifiuti, l’utilizzo di energia, l’utilizzo di acqua, le emissioni di carbonio e la biodiversità e che dimostra il loro impegno a ridurre al minimo gli impatti negativi delle loro operazioni e a perseguire un impatto positivo.
  • Azione collettiva: Le B Corp intraprendono azioni nella loro comunità imprenditoriale, nel settore o nell’ambiente normativo per realizzare un’economia equa, inclusiva e rigenerativa, come ad esempio il patrocinio politico, la condivisione di buone pratiche e/o partnership e collaborazioni audaci.
  • Standard di rischio: Le B Corp sono tenute ad aderire a requisiti aggiuntivi relativi a specifici impatti materiali del loro modello aziendale e/o delle loro pratiche, oltre agli altri requisiti già evidenziati e applicati universalmente. Ciò include, ad esempio, requisiti specifici per le multinazionali o requisiti aggiuntivi per soddisfare gli standard e le aspettative sulle questioni controverse di B Lab, che possono essere stabiliti attraverso il questionario di divulgazione e il processo di reclamo di B Lab.

Qui di seguito una schematizzazione dei singoli requisiti proposti nelle diverse aree di impatto.

Gli effetti sulle B Corp già esistenti

Ogni volta che vengono apportate modifiche agli standard per la certificazione delle B Corp, le aziende che hanno già conseguito la certificazione vengono accompagnate nella transizione. Le modifiche agli standard non sono mai concepite in modo tale da eliminare automaticamente le B Corp esistenti dalla comunità, e questo processo non sarà diverso. Il B Lab vuole assicurarsi che il movemento B Corp abbia il tempo e le risorse per soddisfare i nuovi standard, che saranno quindi introdotti gradualmente.

PIù POPOLARI

Fotografia dell'Orchestra Esagramma al Festival In&Aut

Inclusione e autismo: due parole che il lavoro sa unire con grande efficacia

Con una giusta preparazione e il supporto di strumenti appropriati si possono utilizzare le capacità delle persone autistiche in un contesto lavorativo professionale
Europee 2024: l'appello della scienza

Europee 2024: l’appello della scienza

L'articolo riporta l'appello della comunità scientifica ai candidati alle elezioni europee del 2024. E' importante basare le proprie scelte sulle evidenze scientifiche.
forest bathing

Forest bathing e forest therapy, cosa sono e perché sono differenti

Cos’è il forest bathing? Forest bathing è la traduzione inglese del termine giapponese 'shinrin-yoku'. In italiano il termine inglese è molto utilizzato, ma a volte...
ddl zan

Ddl Zan bocciato al Senato. Cosa voleva e perché non è passato

Non è legge il Ddl Zan e non è legge per 23 voti. Voti mancati al centrosinistra per far approvare la legge che porta...
impatto ambientale guerra in Ucraina

L’impatto ambientale della guerra

Ogni guerra provoca danni all’uomo e all’ambiente. Parlare dell’impatto ambientale di una guerra non è facile, pensando alle persone che hanno perso la vita,...