Ecco il Festival dello Sviluppo Sostenibile 2022

Dal 4 al 20 ottobre a Roma e in tutta Italia

Diffondere la cultura della sostenibilità: è con questo obiettivo che sei anni fa è nato il Festival dello Sviluppo Sostenibile. Nella convinzione che solo attraverso la cultura, e quindi la consapevolezza, si possano cambiare le cose che non vanno. In questo caso si possano innescare quei cambiamenti necessari ad attuare l’Agenda 2030 della Nazioni Unite e quindi raggiungere i 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile. I 17 Sustainable Development Goals (SDGs): Sconfiggere la povertà; Sconfiggere la fame; Salute e benessere; Istruzione di qualità; Parità di genere; Acqua pulita e servizi igienico-sanitari; Energia pulita e accessibile; Lavoro dignitoso e crescita economica; Imprese, innovazione e infrastrutture; Ridurre le disuguaglianze; Città e comuni sostenibili; Consumo e produzione responsabili; Lotta contro il cambiamento climatico; Vita sott’acqua; Vita sulla terra; Pace, giustizia e istituzioni solide; Partnership per gli obiettivi.

Il festival è organizzato da ASVIS, l’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile ed è la più grande manifestazione italiana sui temi della sostenibilità economica, ambientale e sociale, con iniziative diffuse su tutto il territorio italiano. L’edizione 2022 si svolgerà dal 4 al 20 ottobre: 17 giorni come i 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile.

Il programma del Festival dello sviluppo sostenibile 2022

Sono 21 gli eventi principali in programma ma sono già 800 le iniziative promosse dalla società civile in Italia e anche all’estero, perché saranno coinvolte anche le sedi diplomatiche e gli Istituti di cultura italiani al di fuori del territorio nazionale. Eventi tra i più vari, dai convegni ai flash mob, passando per la presentazione di libri e contest fotografici: i singoli eventi possono essere organizzati da chiunque voglia contribuire. Si tratta infatti di una manifestazione diffusa e inclusiva che vuole “stimolare la riflessione sul futuro del nostro paese, dell’Europa e del mondo, coinvolgendo fasce sempre più ampie della popolazione”, ha spiegato in conferenza stampa la Presidente dell’ASviS Marcella Mallen.

Anche quest’anno il quartier generale del Festival sarà il Palazzo delle Esposizioni di Roma, dove si svolgeranno e da dove verranno trasmessi in streaming la maggior parte degli eventi nazionali dedicati ai singoli SDGs e naturalmente i tre appuntamenti principali. L’apertura del 4 ottobre, con la presentazione del rapporto annuale ASviS; l’evento del 12 ottobre, dedicato alla transizione ecologica con focus sulle iniziative europee per combattere il cambiamento climatico e la crisi energetica esacerbata dalla guerra in Ucraina, e l’evento conclusivo del 20 ottobre: verranno presentati i dati, le idee e i suggerimenti per accelerare il percorso dell’Italia e dell’Europa verso lo sviluppo sostenibile raccolti durante le giornate di festival. Una particolare attenzione, in questa edizione 2022, è riservata al ruolo delle giovani generazioni, non a caso questo evento conclusivo si chiama “Verso il 2030: una nuova generazione di idee si fa spazio”: un concetto che si riferisce ai giovani, che nel 2030 saranno adulti e formati, ma anche alla necessità di moltiplicare i punti di vista, aprirsi al confronto, trovare nuove idee per un futuro possibile. Come recita anche lo spot di quest’anno: “Un’agenda è fatta di anni, mesi, giorni. E ogni giorno una nuova generazione di idee si fa spazio. In modo sostenibile, inclusivo, intelligente”.

Molto interessante anche il programma dei Festival territoriali, che rappresentano momenti in cui diversi soggetti attivi a livello locale, incluse le Università e le amministrazioni locali, incoraggiano e coordinano iniziative sul proprio territorio per favorire il confronto sui temi dello sviluppo sostenibile dal punto di vista ambientale, economico e sociale e promuovono la condivisione di best practice.

Si rinnova la collaborazione con Treedom avviata nel 2018, che ha l’obiettivo di arricchire le foreste in cinque paesi del mondo: Camerun, Colombia, Ecuador, Haiti, Kenya, Madagascar e Tanzania. Verrà avviata una challenge all’interno dell’app AWorld, che mira a ridurre l’impronta ecologica invitando tutti a compiere azioni quotidiane per il pianeta. Raggiunte le 15mila azioni, la comunità verrà ricompensata per il proprio impegno con la piantumazione di 100 alberi. Inoltre, verranno piantumati 55 alberi per contribuire alla compensazione delle emissioni prodotte in occasione degli eventi principali della manifestazione.

Cos’è la sostenibilità per gli italiani

Nel 1987 il Rapporto Brundtland dava una definizione al concetto di Sviluppo Sostenibile: “Lo sviluppo sostenibile è quello sviluppo che consente alla generazione presente di soddisfare i propri bisogni senza compromettere la possibilità delle generazioni future di soddisfare i propri“. 35 anni dopo a che punto siamo nel percorso di consapevolezza riguardante questi temi?

Ipsos, in collaborazione con ASviS, ha presentato una ricerca sul livello di conoscenza della sostenibilità da parte degli italiani, indagando su un campione di popolazione di età compresa tra i 16 ed i 65 anni intervistato tra il 27 aprile e l’11 maggio di quest’anno. Quasi tutti gli italiani conoscono il concetto di sostenibilità (95%) ma quasi tutti lo identificano solo con la difesa dell’ambiente. La necessità di conciliare lo sviluppo economico e il rispetto dell’ambiente è citata dal 34% degli intervistati e soprattutto in quella che viene definita come business community (43%). Solo il 40% degli italiani conosce l’Agenda 2030 e solo un quarto degli italiani è consapevole che il raggiungimento degli obiettivi dell’Agenda 2030 sia responsabilità di tutti.

“Alla luce di questi risultati e delle grandi trasformazioni che stiamo attraversando, – spiega il Presidente dell’ASviS, Pierluigi Stefanini – con il Festival l’ASviS offre un contributo di idee e progettualità per costruire un approccio sistemico alla sostenibilità, mobilitando istituzioni, aziende, associazionismo, scuole e università e singoli cittadini. Il nostro impatto incide concretamente nella diffusione di una visione d’insieme indispensabile per integrare il perseguimento del benessere economico con il rispetto dell’ambiente e la giustizia sociale, nel tempo, a beneficio delle future generazioni, come previsto anche dalla recente riforma della Costituzione”.

Una riforma, quella degli Articoli 9 e 41 della Carta, che risale al febbraio di quest’anno e che costituisce il conseguimento di uno degli obiettivi storici dell’ASviS, ovvero l’inserimento in Costituzione del principio di sviluppo sostenibile.

“Tuttavia, – si legge nella nota che descrive il concept dell’edizione 2022 del festival – se la riforma della Costituzione è stato un passo in avanti importante per l’Agenda 2030, la guerra in Ucraina ha rappresentato una drammatica battuta di arresto (…). La soluzione a questa guerra, la risoluzione degli altri conflitti in tutto il mondo, e la prevenzione di nuove crisi deve passare dalla rivitalizzazione del multilateralismo, delle istituzioni internazionali, puntando alla difesa dei diritti delle minoranze ovunque siano violati. Inoltre, questa crisi deve diventare uno stimolo per accelerare la giusta transizione ecologica, anche con il supporto della ricerca scientifica e tecnologica, in grado di fornire soluzioni per contribuire a mitigare la crisi climatica”.

Al Festival dello Sviluppo Sostenibile 2022 ci sarà, quindi, molto di cui parlare e sembra evidente che ci sia ancora tanto da fare per assicurare un futuro alle nuove generazioni e quelle che verranno dopo di loro perché, come si legge nel video istituzionale dell’ASviS, l’Agenda 2030 “è l’unico piano che abbiamo per salvare l’unico pianeta che abbiamo”.

In copertina: immagine tratta dal Back to the Future Live Tour della cantante Elisa, cui Asvis ha collaborato per promuovere le sue tematiche

PIù POPOLARI

fondatori di empethy, startup che contrasta il randagismo

Empethy la piattaforma che facilita le adozioni di cani e gatti

Il randagismo è un grave problema per una società che si definisce civile. Cani e gatti sono in grado di vivere da soli, ma...
parco delle stagioni

Parco delle Stagioni, una Villa e la sua rivalorizzazione

In provincia di Vicenza, tra i comuni che costituiscono l’hinterland del capoluogo, c’è Costabissara e più o meno 7.400 costabissaresi. Poco lontano dalla chiesa...

Dandora e Atacama, i cimiteri del fast fashion

Abbiamo affrontato spesso il tema dell’abbigliamento second-hand, il cui acquisto potrebbe contribuire a rallentare la produzione di nuovi capi. Il fast fashion ormai è...
cani che fiutano la xylella degli ulivi

Xylella fastidiosa, arrivano i cani che la fiutano

Milioni di piante di ulivo - anche secolari - abbattute, milardi di danni per le perdite economiche e un nemico alieno: la xylella. Cos’è...
energia nucleare

Energia nucleare: i pro e i contro

Uno degli argomenti più discussi e controversi di cui si sta tornando a parlare proprio a proposito del riscaldamento globale è l’energia nucleare. Tutti noi...