Il programma Horizon Europe 2023-2024

Il programma Horizon Europe 2023-2024 stanzia €13,5 mld per progetti di ricerca e innovazione fornendo lo strumento vincente per affrontare la sfida della sostenibilità.

Ricerca e innovazione sono strumenti fondamentali per vincere la sfida della sostenibilità, lo sappiamo bene noi e lo sa bene l’Unione Europea che ha stanziato 95,5 miliardi di euro per il Programma di finanziamento Quadro Horizon Europe 2021-2027 (prosecuzione naturale di Horizon Europe 2020) per progetti di ricerca e innovazione.

Horizon Europe è il programma di ricerca più ambizioso mai varato in Europa” 

Mariya Gabriel, Commissario europeo per l’Innovazione

Non amiamo particolarmente gli inglesismima il termine Innovability ci piace: la crasi di innovation + sustainability, rappresenta l’insieme delle abilità che persone e organizzazioni devono avere per innovare e rinnovarsi costantemente, ma anche l’integrazione dei valori espressi dai due concetti, dove il primo, innovazione, deve essere al servizio del secondo. E Innovability è certamente meglio di innovabilità.

La vera sfida è creare un processo virtuoso in cui la ricerca sia mirata e l’innovazione basata su scelte consapevoli che contemplino la complessità degli impatti economici, sociali e ambientali. 

Horizon Europe per il periodo 2023-24

All’interno del programma quadro, la Commissione Europea ha pubblicato sul Funding & tender portal i programmi di lavoro di Horizon Europe per il biennio 2023-2024, con i nuovi bandi per progetti di ricerca ed innovazione, per una dotazione di 13,5 miliardi di euro.

Alla luce della nuova situazione geo-politica, i nuovi programmi di lavoro pongono l’accento su azioni che contribuiscano a garantire un’Europa sicura e protetta, a ridurre le dipendenze energetiche e di altro tipo e a costruire una base economica più solida.

Tra le misure previste, ne evidenziamo alcune:

  • 5,67 miliardi di euro serviranno a raggiungere gli obiettivi climatici, alla ricerca di soluzioni innovative per ridurre le emissioni di gas serra e per l’adattamento ai cambiamenti climatici.
  • 4,5 miliardi di euro sosterranno invece la transizione digitale, per lo sviluppo di tecnologie digitali di base e per incoraggiare la loro integrazione nella nostra vita.
  • 1,67 miliardi di euro verranno utilizzati in azioni utili a sostenere la biodiversità.
  • 970 milioni di euro, per accelerare la transizione verso l’energia pulita, in linea con il Piano REPowerEU, e per aumentare l’indipendenza energetica dell’Europa rispetto a fornitori non affidabili e a combustibili fossili volatili.

Il programma di lavoro in tre pilastri

Il programma di lavoro è strutturato su 3 pilastri e ha l’obiettivo di promuovere e potenziare l’intero settore della ricerca europea e dell’innovazione tecnologica. 

I pilastro: Scienza d’eccellenza

Sostiene progetti che promuovono la ricerca di eccellenza in diversi settori ritenuti strategici e si suddivide in 3 sotto programmi:

  • il Consiglio europeo della ricerca (European Research Council – ERC): finanzia i ricercatori d’eccellenza di qualsiasi età e nazionalità che intendono svolgere attività di ricerca di frontiera negli Stati membri dell’UE o nei paesi associati ad Horizon;
  • le azioni Marie Sklodowska-Curie (MSCA): finanziano progetti per la formazione e la mobilità dei ricercatori;
  • l’azione Infrastrutture di ricerca di Horizon Europe: mira a dotare l’Europa di infrastrutture di ricerca sostenibili a livello mondiale, aperte e accessibili a tutti i ricercatori in Europa e non solo, al fine di sfruttarne appieno il potenziale di progresso e innovazione scientifici.

II pilastro: Sfide globali e competitività industriale europea

Sostiene progetti collaborativi in grado di affrontare le sfide globali e rafforzare la competitività industriale nell’intento di conseguire una crescita sostenibile e inclusiva in Europa. Le attività sono articolate in sei Cluster:

  • Salute
  • Cultura, creatività e società inclusiva
  • Società civile sicura
  • Digitale, industria e spazio 
  • Clima, energia e mobilità
  • Cibo, bio-economia, risorse naturali, agricoltura ed ambiente 

III pilastro: Europa innovativa

Ha l’obiettivo di rafforzare la leadership europea nel campo delle tecnologie di punta e delle innovazioni dirompenti, e del loro impatto sullo stile di vita europeo e sul benessere dei cittadini. 

  • Consiglio europeo dell’Innovazione – European Innovation Council (EIC Programme): a supporto di ambiziosi progetti di ricerca collaborativa, attività di validazione e dimostrazione prototipale, accelerazione dei processi aziendali per favorire la crescita sui mercati europei e globali (scaling-up);
  • Ecosistema europeo dell’innovazione – European Innovation Ecosystem: a supporto dello sviluppo di programmi cross regionali e partnership interregionali nelle filiere della Smart Specialisation;
  • Istituto europeo dell’innovazione e della tecnologia – European Institute of Innovation and Technology (EIT): per affrontare le principali sfide della società migliorando la capacità di innovazione e le prestazioni dell’UE attraverso l’integrazione del triangolo della conoscenza costituito da istruzione, ricerca e innovazione.
Le 5 EU Missions
Le 5 Missioni europee

Il programma di lavoro Horizon Europe 2023

Il 2023 inizia con un programma di investimenti di oltre 600 milioni di euro nelle cinque Missioni europee:

  1. Adattamento al cambiamento climatico;
  2. Salute del suolo e del cibo;
  3. Cancro;
  4. Oceani, mari, acque costiere e interne sani;
  5. Città climaticamente neutre e intelligenti.

La Commissione Europea si augura che tali Missioni raccolgano contributi da altre fonti di finanziamento, raggiungendo un livello complessivo d’investimenti superiore a quelli effettuati da Horizon Europe.

Inoltre, grazie alla Missione “Città climaticamente neutre e intelligenti” saranno raccolti fondi che verranno poi devoluti in aiuto a diverse cittadine ucraine, per supportare anche la popolazione oltre che gli scienziati e i ricercatori locali in questo particolare momento storico.

Come cogliere l’opportunità di Horizon Europe 2023-2024?

Come per i Programmi Quadro precedenti, salvo eccezioni, le proposte progettuali possono essere presentate costituendo un partenariato transizionale, composto da almeno tre organizzazioni indipendenti (imprese di qualsiasi dimensione, enti di ricerca, università, ecc.) provenienti da tre diversi Stati membri dell’UE o Paesi associati ad Horizon Europe.

La domanda di partecipazione si sottopone attraverso diversi step, dettagliati al seguente LINK.

Tutte le regole di ammissibilità, i dettagli su come presentare una domanda e le modalità di valutazione delle domande da parte della Commissione europea: questo link.

PIù POPOLARI

La protezione del clima è un diritto umano, la prima sentenza che lo stabilisce

L'Associazione delle Donne Senior Svizzere per la Protezione del Clima ha ottenuto una storica vittoria presso la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo. La Corte...
rifiuti plastica

20mila Tour Eiffel fatte di plastica

C'è una data che rappresenterà nel 2024 il giorno in cui potremmo dire che il mondo ha raggiunto la sua capacità massima di gestione...

plastiKO

La questione della plastica emerge come uno dei simboli più palpabili e diffusi della nostra crisi ambientale. Questa serie è un viaggio attraverso i danni che abbiamo causato, ma è anche un inno alle possibilità di rinnovamento e riparazione che stanno emergendo in questo campo.
neom

NEOM, il folle progetto di una megalopoli sostenibile nel deserto

Nel 2017, il principe ereditario dell’Arabia Saudita Mohammed bin Salman ha annunciato NEOM, un progetto utopistico e apparentemente folle di una megalopoli nel deserto...
tutti i bonus con bonoos

Tutti i bonus con Bonoos

Quante opportunità di miglioramento del reddito perdiamo a causa della scarsa informazione? Parecchie! Ora la società benefit Bonoos lavora con le aziende per rendere facilmente accessibili tutte le agevolazioni pubbliche.