In Austria si va verso la completa decarbonizzazione entro il 2030

Il Paese ha appena approvato una nuova legge per l' espansione delle energie rinnovabili, attualmente è già al 75% di consumi elettrici coperti dalle green energy

Se ti è capitato di andare in Austria, avrai percepito che il rispetto per l’ambiente è qualcosa di tangibile, ma non da ora. In Carinzia, la regione dei laghi, vi sono diversi bacini, ad esempio il Weissensee, che sono così belli, puliti e dai colori quasi caraibici perché è vietata la navigazione a motore con carburante, in alcuni da almeno 50 anni. Segno di una elevata sensibilità ambientale che non arretra di fronte anche a restrizioni importanti. Recentemente il Paese ha fatto un latro passo avanti; è stata approvata la Erneuerbaren-Ausbau-Gesetz (EAG), una nuova legge di espansione delle energie rinnovabili con un obiettivo ambizioso: “Stiamo diventando un pioniere in Europa con il nostro obiettivo del 100% elettricità rinnovabile”, ha commentato ministro dell’Ambiente Leonore Gewessler. “Stiamo gettando le basi per la neutralità climatica”.

Neutralità climatica, o completa decarbonizzazione, obiettivo a cui tende tutta l’Europa per il 2050, l’Austria accorcia le ditsnze di 20 anni ma soprattutto ha una storia di sostenibilità che fa da garanzia.

L’Austria è già da diversi anni impegnata nella transizione energetica e infatti conta già sul 75% di consumi elettrici coperti dalle green energy, merito per lo più dell’idroelettrico. Per raggiungere la meta 2030, avrà bisogno di aumentare la produzione verde dagli attuali 54 TWh a 81 TWh entro la fine del decennio. La legge suddivide questa crescita in 11 TWh di nuovo fotovoltaico, 10 TWh di nuovo eolico, altri 5 TWh idroelettrico e un TWh dalle biomasse. (puoi approfondire su Rinnovabili.it)

Photo by Branislav Knappek on Unsplash

PIù POPOLARI

neom

NEOM, il folle progetto di una megalopoli sostenibile nel deserto

Nel 2017, il principe ereditario dell’Arabia Saudita Mohammed bin Salman ha annunciato NEOM, un progetto utopistico e apparentemente folle di una megalopoli nel deserto...
scarti ciliegie

Barbara Vecchi, con ciliegie e data science rivoluziono la cosmesi

L'imprenditrice di Vignola mette al centro della sua idea di cosmesi green la valorizzazione del territorio, sfruttando gli scarti delle ciliegie.
lifestyle sostenibile

Lifestyle sostenibile, il nuovo, virtuoso centro PUF

PUF è il centro dell’abitare sostenibile realizzato grazie a Punto UniAbita e Fondazione Auprema. Questa Fondazione è nata nel 2006 e realizza progetti rivolti...
forest bathing

Forest bathing e forest therapy, cosa sono e perché sono differenti

Cos’è il forest bathing? Forest bathing è la traduzione inglese del termine giapponese 'shinrin-yoku'. In italiano il termine inglese è molto utilizzato, ma a volte...
Settimana STEM 2024

Settimana STEM 2024, lauree, lavoro e gender gap

I percorsi di studio e i lavori 'STEM' sono ancora a prevalenza maschile. Un mix di retaggi culturali e condizionamenti sociali ed economici che lentamente si stanno evolvendo