Isola Bio, 1000 ettari, 35 famiglie contadine e 1 impegno per il bene comune

Abafoods è la società benefit dietro il noto marchio di bevande vegatali e prodotti per il #breakslow

Una distesa di campi per coltivazioni biologiche che va dal Veneto alla Puglia, passando per l’Emilia Romagna e il Molise. Più di mille ettari di terreno coltivato da circa 35 famiglie di agricoltori.

Questo è quello che c’è dietro il marchio Isola Bio, di proprietà di Abafoods, società benefit e tra le oltre 3000 aziende con certificazione B-Corporation, che produce bevande vegetali.

Filiera controllata

Nel 2007, la società con sede a Badia Polesine (provincia di Rovigo) ha deciso di produrre autonomamente le materie prime delle bevande vegetali Isola Bio, fondando l’azienda agricola La Goccia. È stato il primo passo verso la costituzione di una filiera totalmente biologica e controllata che ha permesso loro di ottenere diverse certificazioni nel comparto biologico.
La sostenibilità parte dalla produzione, grazie a continui investimenti sulla tecnologia: l’impianto di cogenerazione, ad esempio, permette di recuperare il 40 per cento di energia dagli stessi processi produttivi. Un altro 58 per cento proviene, invece, da fonti di energia rinnovabile, mentre il restante 2 per cento viene restituito dall’impianto fotovoltaico.

Biodiversità

Un altro tema che viene sviluppato da Isola Bio è quello della biodiversità: in particolare ha realizzato una filiera dell’avena rispettosa dell’ambiente, rifiutando l’uso di agenti chimici, promuovendo lunghe roteazioni e un ecosistema integro in cui flora e fauna sono salvaguardate.

Operazione #breakslow: un impegno anche per il benessere dei consumatori

Nel 2019 Isola Bio ha lanciato una nuova linea di prodotti ‘masticabili’ e alternative allo yogurt. La società ha sposato la filosofia del #breakslow, ovvero la tendenza nata Oltreoceano che fa della colazione lenta un rituale da condividere con le persone a cui si vuole bene o un momento che genera buonumore, stimoli positivi e permette di nutrire meglio il nostro organismo per affrontare la giornata.

PIù POPOLARI

Fotografia della squadra United di PlayMore

Da campetto di quartiere a centro sportivo di inclusione sociale

La storia di PlayMore conferma ancora una volta come lo sport abbatta qualsiasi barriera ed educhi a relazioni vere, sane e costruttive
granchio blu

Facciamo chiarezza sul granchio blu

In Italia, tra piante e animali sono oltre 3.000 le specie aliene identificate: si tratta di specie viventi invasive e non autoctone che, grazie...
csddd approvata

CSDDD, cosa prevede la nuova responsabilità d’impresa

Approvata la CSDDD, nuove regole per la responsabilità d'impresa per la sostenibilità ambientale e sociale delle filiere.
buco dell'ozono

Il buco dell’ozono si sta chiudendo, come abbiamo raggiunto questo risultato

Cos’è l’ozono? L’ozono è un gas presente naturalmente nell’alta atmosfera terrestre. Uno degli strati atmosferici che circondano il nostro Pianeta, tra i 15 e...
Corporate Sustainability Due Diligence Directive (CSDDD)

CSDDD, a new era for corporate accountability in Europe

Italian businesses, including prominent corporations like Ferrero, and numerous non-governmental organizations have voiced strong support for the CSDDD. These stakeholders recognize the directive's potential to enhance transparency, foster sustainable business practices, and strengthen Italy's position in the global market​.