Buone abitudini per risparmiare energia

Alcuni consigli pratici per limitare il caro bollette e risparmiare energia

Uno degli argomenti più dibattuto in quest’ultimo periodo è senza dubbio l’aumento del costo del gas, dell’energia elettrica e di conseguenza del caro bollette.

I recenti dati emersi dall’indagine commissionata da Facile.it riportano uno scenario preoccupante: un rincaro delle spese così alto da costringere quasi 5 milioni di cittadini a non essere più in grado di pagare una o più bollette di luce e gas negli ultimi 9 mesi. 

Si tratta di un numero che potrebbe continuare a crescere se i prezzi dovessero aumentare, sopratutto con l’avvicinarsi dell’inverno. Infatti, come ci raccontano i dati, più di 3 milioni di italiani hanno dichiarato che, in caso di ulteriori rincari, potrebbero trovarsi anche loro impossibilitati nel far fronte alle prossime bollette energetiche.

Seppur un vero e proprio rimedio a questo caro energia non esiste, se non un intervento da parte del governo e delle istituzioni nei confronti dei grandi produttori, esistono dei piccoli accorgimenti pratici e veloci, che almeno a livello domestico, ci possono aiutare. Se messi in pratica abitualmente, questi facili consigli possono garantire ad ognuno di noi di limitare i costi delle bollette e delle spese e diminuire l’impatto ambientale, il tutto senza stravolgere le nostre abitudini.

Consigli pratici

Siamo sicure che alcune di queste pratiche già alcun* le mettono in atto, mentre molte altre non hanno mai ricevuto la giusta importanza, pur essendo in grado di poter fare la differenza sia per l’ambiente che per il portafoglio. Vediamole insieme:

Staccare sempre le spine dalla presa elettrica. Ogni apparecchio collegato alla corrente, anche se spento, consuma energia! Per questo è buona cosa ricordarsi di staccare sempre le spine dopo l’utilizzo, soprattuto se l’elettrodomestico in questione presenta la classica lucina rossa dello stand-by. Seppur in modo minimo, queste lucine e le prese collegate consumano energia, incrementando il costo in bolletta. Un consiglio molto comodo e pratico, per accelerare la procedura sta’ nell’utilizzare le ciabatte dotate di pulsante, così facendo basterà solamente spegnere il loro interruttore. 

Non caricare il cellulare di notte, consuma più energia del necessario. Per ricaricarsi mediamente un telefono ha bisogno di 2/4 ore al massimo. Dunque, tenerlo attaccato tutta notte, oltre che rovinare la batteria a causa del sovraccarico, fa si che il consumo energetico aumenti. Meglio caricarlo di giorno così da staccarlo una volta raggiunto il livello massimo, ricordandoci anche di staccare la spina una volta concluso il suo utilizzo. 

Pianificare i lavaggi della lavatrice a basse temperature. Utilizzando buone lavatrici e detersivi efficaci, anche un lavaggio a soli 30° gradi è sinonimo di grandi risultati. Sfatiamo dunque il mito che: maggiore è la temperatura usta, maggiore sarà la pulizia! Questo consiglio, oltre ad essere ecologico perché rispetta l’ambiente, permette anche di ridurre l’impatto energetico dato che richiede molta meno energia. Inoltre, conviene farle partire la sera, quando le tariffe sono tendenzialmente più basse e soprattuto a pieno carico.

Sfruttare la luce naturale e utilizza lampadine a LED. L’illuminazione della nostra casa può ammontare al 10/15% del consumo annuo di energia. Passare a lampadine a risparmio energetico, come le LED, può ridurre il consumo di un quarto; meglio ancora se si sfrutta la luce solare il più possibile! Quest’ultima, oltre ad esser naturale, fa molto bene alla nostra pelle, all’ambiente e in questo preciso momento alleggerisce anche le nostre bollette.

Preferire il microonde al forno, consuma il 50% in meno. Il forno tradizionale consuma molta energia perché, una volta acceso, deve riscaldarsi prima di entrare davvero in funzione e in questa fase il consumo raggiunge il picco massimo. Il forno a microonde, invece, non ha la necessità di riscaldarsi, ma entra subito in funzione scaldando/cucinando il cibo al suo interno. Per la precisione il microonde consuma circa la metà del forno statico.

Asciugare il bucato all’aria aperta e stenderlo bene per evitare lo stiro. Questo semplicissimo consiglio è molto utile per evitare l’utilizzo di ben due elettro domestici: il ferro da stiro e l’asciugatrice. Sfruttare l’aria aperta, quando è possibile, o uno spazio non umido all’interno, permette di asciugare i panni senza consumare energia. Anche stendere bene i panni è molto utile, permette infatti di evitare l’impiego del ferro da stiro. Il risultato sarà presso che simile, ciò che sicuramente cambierà sarà l’impatto del consumo energetico che verrà ridotto.

Utilizzare il riscaldamento intelligente per scaldare o raffreddare solo le stanze necessarie. Per fare ciò è necessario dotarsi di una tecnologia che permette di regolare la temperatura in ogni stanza. Ognuna è dotata di un proprio termometro per evitare di dispende energia in stanze che molto spesso non vengono utilizzate. Quest’accortezza può sembrare di poco conto quando invece garantisce un vero e proprio risparmio, sia nei mesi più freddi, sia in quelli più caldi.La temperatura consigliata è tra i 18-20°, ogni grado aggiuntivo usa in media 10% in più energia.

imparare a leggere le bollette per conoscere le fasce energetiche più convenienti. Monitorare le voci che compongono il totale della spesa è molto importante, permette di indovinare i costi massimi ed intervenire tempestivamente. Inoltre, è buona cosa controllare il mercato e i siti di informazione per avere una panoramica completa sugli operatori più in linea con le tue esigenze, spesso o trovano soluzioni molto più vantaggiose e adatte alle spese di ognuno.

Ti potrebbero interessare

Più Popolari

Fotografia dell'Orchestra Esagramma al Festival In&Aut

Inclusione e autismo: due parole che il lavoro sa unire con grande efficacia

Con una giusta preparazione e il supporto di strumenti appropriati si possono utilizzare le capacità delle persone autistiche in un contesto lavorativo professionale
Europee 2024: l'appello della scienza

Europee 2024: l’appello della scienza

L'articolo riporta l'appello della comunità scientifica ai candidati alle elezioni europee del 2024. E' importante basare le proprie scelte sulle evidenze scientifiche.
forest bathing

Forest bathing e forest therapy, cosa sono e perché sono differenti

Cos’è il forest bathing? Forest bathing è la traduzione inglese del termine giapponese 'shinrin-yoku'. In italiano il termine inglese è molto utilizzato, ma a volte...
impatto ambientale guerra in Ucraina

L’impatto ambientale della guerra

Ogni guerra provoca danni all’uomo e all’ambiente. Parlare dell’impatto ambientale di una guerra non è facile, pensando alle persone che hanno perso la vita,...
granchio blu

Facciamo chiarezza sul granchio blu

In Italia, tra piante e animali sono oltre 3.000 le specie aliene identificate: si tratta di specie viventi invasive e non autoctone che, grazie...