Come sapere se hai accesso ai contributi del bonus idrico?

Il MiTE ha istituito il Bonus Idrico, un’agevolazione per consentire il risparmio di risorse idriche grazie a opportuni interventi a sanitari. Scopri come funziona.

Il Ministero per la Transizione Ecologica ha istituito il Bonus Idrico, un’agevolazione per consentire il risparmio di risorse idriche grazie a opportuni interventi di sostituzione delle apparecchiature sanitarie. Vediamo insieme come richiedere l’agevolazione.

Che cos’è il Bonus Idrico

Il Bonus Idrico è un contributo finanziato con risorse provenienti dal “Fondo per il risparmio di risorse idriche” che prevede fino a 1.000 euro di rimborso sulla spesa sostenuta per interventi di sostituzione dei vasi sanitari in ceramica con nuovi apparecchi a scarico ridotto.

Il Bonus non ha limiti di ISEE e pertanto può essere richiesto da ogni cittadino maggiorenne residente in Italia.

La scadenza del bonus, inizialmente fissata al 31 dicembre 2021, è stata prorogata con la Legge di Bilancio, includendo tutti gli interventi effettuati fino al 31 dicembre 2023.

Chi può richiedere il Bonus

Possono beneficiare del bonus tutti i maggiorenni residenti in Italia, titolari del diritto di proprietà o di altro diritto reale, nonché di diritti personali di godimento già registrati alla data di presentazione della domanda, su edifici esistenti, parti di edifici esistenti o singole unità immobiliari.

In caso di cointestatari o locatari e usufruttuari, è possibile richiedere il bonus dimostrando l’avvenuta comunicazione al proprietario/comproprietario dell’immobile, che dovrà essere compilata sulla piattaforma del Bonus Idrico anche con i dati del proprietario.

È possibile richiedere al Ministero della Transizione Ecologica il Bonus Idrico anche su immobili commerciali o artigianali, in quanto il fine ultimo dell’agevolazione è il risparmio di risorse idriche, indipendentemente dalla destinazione dell’immobile.

Come si richiede il Bonus Idrico

I beneficiari possono presentare la domanda per il Bonus Idrico del Ministero Transizione Ecologica registrandosi sulla “Piattaforma bonus idrico”.

Per accedere è necessario essere in possesso di SPID o di Carta d’Identità Elettronica.

Nel corso della procedura di registrazione, devono essere compilati tutti i campi, ovvero:

  • dati come nome, cognome, codice fiscale del beneficiario;
  • importo della spesa sostenuta per cui si richiede il rimborso;
  • quantità del bene e specifiche della posa in opera o installazione;
  • specifiche tecniche per ogni bene sostituito da apparecchi a limitazione di flusso d’acqua, oltre a specifica della portata massima d’acqua (in l/min) del prodotto acquistato;
  • identificativo catastale dell’immobile (Comune, Sezione, Sezione Urbana, Foglio, Particella, Subalterno) per cui è stata presentata istanza di rimborso;
  • dichiarazione di non avere fruito di altre agevolazioni fiscali per la fornitura, posa in opera e installazione dei medesimi beni;
  • coordinate del conto corrente bancario/postale (Iban) del beneficiario su cui accreditare il rimborso;
  • indicazione del titolo giuridico per il quale si richiede il bonus (proprietario, cointestatario, locatario, usufruttuario ecc.);
  • attestazione del richiedente ove non proprietario o comproprietario, ai sensi del DPR 445/2000, degli estremi del contratto da cui trae titolo;
  • attestazione di avvenuta comunicazione al cointestatario/proprietario, identificato altresì con nome, cognome e codice fiscale, della volontà di fruire del predetto bonus;
  • copia della fattura elettronica o del documento commerciale in cui è riportato il codice fiscale del soggetto richiedente il credito (per i soggetti non tenuti ad emettere fattura elettronica, si considera valida anche l’emissione di una fattura o di un documento commerciale attestante l’acquisto del bene, copia del versamento bancario o postale, documentazione del venditore idonea a ricondurre la transazione allo specifico prodotto acquistato). Dal documento commerciale devono essere ricavabili le specifiche tecniche del prodotto, della posa in opera e dell’installazione.

Quali interventi sono ammessi

Il MITE ha espresso molto chiaramente quali sono gli interventi per cui è possibile richiedere il Bonus Idrico. Il rimborso vale solo per le seguenti spese:

  • fornitura e posa in opera di vasi sanitari in ceramica con volume massimo di scarico uguale o inferiore a 6 litri e relativi sistemi di scarico, compresi le opere idrauliche e murarie collegate e lo smontaggio e la dismissione dei sistemi preesistenti;

  • fornitura e installazione di rubinetti e miscelatori per bagno e cucina, compresi i dispositivi per il controllo di flusso di acqua con portata uguale o inferiore a 6 litri al minuto, e di soffioni doccia e colonne doccia con valori di portata d’acqua uguale o inferiore a 9 litri al minuto, compresi le eventuali opere idrauliche e murarie collegate e lo smontaggio e la dismissione dei sistemi preesistenti.

Le spese ammissibili devono ritenersi comprensive di IVA.

Da notare che il Bonus Idrico è previsto anche per l’acquisto online di sanitari e rubinetti. L’importante è che al momento dell’acquisto venga rilasciata la fattura elettronica o un altro documento commerciale emesso dal fornitore con le specifiche tecniche del prodotto, della posa in opera e dell’installazione, ovvero di tutte le spese per cui si richiede il rimborso.

Quali interventi NON sono ammessi

Come abbiamo visto, gli interventi soggetti al Bonus del MITE comprendono l’acquisto e la posa in opera di vasi sanitari in ceramica e relativi sistemi di scarico e di rubinetti, miscelatori e soffioni doccia con relative colonne doccia con determinate caratteristiche tecniche.

Non sono quindi compresi acquisti relativi solo a:

  • Piatto doccia;
  • Sedile WC;
  • Coprivaso
  • Bidet;
  • Box doccia con colonna integrata (sono ammissibili le sole spese per la colonna doccia integrata);
  • Solo vaso in ceramica senza sostituzione della cassetta di scarico (è necessario realizzare entrambi gli interventi);
  • Lavandini;
  • Autoclave e serbatoio di accumulo;
  • Placca di comando del water;
  • Sanitari non in ceramica (ad esempio in resina);
  • Costo del trasporto per acquisti fatti online (esso è escluso dalle spese rimborsabili).

Maggiori informazioni sono disponibili anche sul sito del bonus idrico: https://www.bonusidricomite.it/home/faq.html

PIù POPOLARI

Fondatori di Genius Watter

Come risolvere la crisi idrica globale

Genius Watter è un brevetto per desalinizzare e purificare l'acqua grazie all'energia solare. Portare acqua dolce nei paesi a forte siccità e dove l'acqua potabile è poca.
ddl zan

Ddl Zan bocciato al Senato. Cosa voleva e perché non è passato

Non è legge il Ddl Zan e non è legge per 23 voti. Voti mancati al centrosinistra per far approvare la legge che porta...
islanda gender gap

L’Islanda emette titoli di Stato per chiudere (definitivamente) il gender gap

Finora avevamo visto i green bond, cioè i titoli obbligazionari emessi da governi, istituzioni finanziarie, aziende e organizzazioni non governative, per raccogliere fondi...
foreste italiane

Buone notizie: in Italia le foreste sono in aumento

Un terzo della superficie del territorio italiano è coperta da foreste: un dato in crescita che rappresenta un'ottima notizia .
premio davines

‘The good farmer award’, ecco il premio per giovani agricoltori innovativi

“Contribuire a diffondere un modello di crescita rigenerativa è una sfida ambiziosa in cui crediamo molto. L’agricoltura biologica rigenerativa è una parte importante di...