La moda incontra l’inclusione presso l’AUTelier

A Milano ha aperto recentemente un outlet di moda solidale gestito da giovani adulti nello spettro autistico. Si può sostenere il progetto contribuendo alla campagna di crowdfunding

AUTelier – vestiamo un mondo migliore, è il nome del progetto che si propone di rivoluzionare il concetto di inclusione nel mondo della moda, proprio a partire da Milano. Con l’apertura dell’innovativo outlet in cui lavoreranno otto giovani adulti nello spettro autistico, accompagnati da operatori e terapeuti, AUTelier non solo offre capi di abbigliamento di alta qualità, ma promuove un ambiente di lavoro inclusivo che mira a valorizzare le competenze e le potenzialità delle persone coinvolte.

L’apertura a dicembre 2023 della boutique di 200 mq in via dei Valtorta 30 a Milano, è il risultato di un percorso portato avanti dall’Associazione di Promozione Sociale Diesis, attiva dal 2010 nel valorizzare le potenzialità di adolescenti e giovani con autismo, per aiutarli a raggiungere la maggiore autonomia possibile con l’inserimento nel mondo del lavoro. Oltre 20 ragazzi hanno finora trovato un impiego e con AUTelier l’obiettivo è aumentare significativamente questo risultato, offrendo opportunità di lavoro dignitose e soddisfacenti.
Grazie alla campagna di raccolta fondi avviata su Produzioni dal Basso, la prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation, si vuole proprio garantire la presenza di educatori e specialisti che possano dare il sostegno necessario alle giovani risorse a cui si affiancheranno.

fotografia nel laboratorio di AUTelier

L’inclusione nel cuore del negozio

I dati statistici del Ministero della Salute stimano che in Italia ci sia 1 bambino ogni 77 che presenta disturbi dello spettro autistico (DSA): non a caso viene utilizzato il termine “spettro” per indicare l’ampia variabilità che si riscontra nelle tipologie e nella gravità dei sintomi. Alcuni anni fa era stata svolta una ricerca dell’Anffas (Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale) da cui emergeva che solo un piccolo 10% delle persone con DSA aveva un lavoro: così come c’era, e c’è, ancora poca conoscenza da parte dei datori di lavoro su tale disabilità.

Come perciò spesso accade, sono i genitori di ragazzi autistici che si fanno promotori di iniziative che possano offrire ai loro figli un futuro, anche dal punto di vista lavorativo: in un settore spesso difficile per le persone con problematiche neurologiche, AUTelier si presenta come una startup finalizzata a creare utilità sociale e profitto, con la prospettiva di autosostenersi nel tempo.
Lo spiega Angelo Chiodi, presidente di Diesis: “lavoreremo con le imprese della moda, e non solo, per promuovere l’iniziativa e sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema dell’inclusione delle persone autistiche”. Le quali svolgono tutte le mansioni previste da un outlet, lavorando a fianco degli operatori che, con un approccio innovativo, li aiutano a vivere un’esperienza stimolante e di crescita professionale: le attività vengono adattate e orientate alle loro preferenze, competenze e potenzialità.

fotografia di alcuni vestiti esposti sulle grucce di AUTelier

Il presidente sottolinea inoltre come spesso queste persone siano molto sensibili all’estetica e ai dettagli. “Il mondo della moda e della distribuzione rappresenta un’opportunità di inclusione lavorativa per chi è affetto da autismo”, riprende Chiodi: “operare in questo settore può contribuire alla crescita della loro autostima, sviluppandone l’autonomia”.

Il progetto AUTelier si è concretizzato grazie alla collaborazione con diverse aziende e realtà che ne condividono la filosofia di base, ovvero l’opportunità di dare un lavoro dignitoso e soddisfacente per tutti, senza barriere: in particolare, il Gruppo Miroglio e Neirami hanno donato capi di collezioni passate o in over-stock. Fondamentali sono state anche le partnership con la Fondazione Adecco per le Pari Opportunità e il dipartimento di Ingegneria e Architettura dell’Università degli Studi di Trieste, che hanno contribuito al design e alle tecnologie del negozio, rendendolo adatto al profilo sensoriale delle persone autistiche.

L’outlet di Milano sta dunque dimostrando che è possibile unire moda e inclusione, innovazione e promozione sociale, affinché ogni individuo possa sviluppare al meglio proprio potenziale.

PIù POPOLARI

scarti ciliegie

Barbara Vecchi, con ciliegie e data science rivoluziono la cosmesi

L'imprenditrice di Vignola mette al centro della sua idea di cosmesi green la valorizzazione del territorio, sfruttando gli scarti delle ciliegie.
korian italia

Korian Italia, la prima azienda socio-sanitaria a diventare società benefit

La popolazione italiana è la seconda più vecchia al mondo, la sanità pubblica arranca, i problemi psichiatrici sono in aumento, le persone sole pure:...
neom

NEOM, il folle progetto di una megalopoli sostenibile nel deserto

Nel 2017, il principe ereditario dell’Arabia Saudita Mohammed bin Salman ha annunciato NEOM, un progetto utopistico e apparentemente folle di una megalopoli nel deserto...
forest bathing

Forest bathing e forest therapy, cosa sono e perché sono differenti

Cos’è il forest bathing? Forest bathing è la traduzione inglese del termine giapponese 'shinrin-yoku'. In italiano il termine inglese è molto utilizzato, ma a volte...
impatto ambientale guerra in Ucraina

L’impatto ambientale della guerra

Ogni guerra provoca danni all’uomo e all’ambiente. Parlare dell’impatto ambientale di una guerra non è facile, pensando alle persone che hanno perso la vita,...