Di cosa si occupano Roberto Cingolani e il Ministero per la Transizione Ecologica?

Scopriamo di cosa si occupano il Ministro Roberto Cingolani e il Ministero per la Transizione Ecologica, anche detto MiTE.

Nel febbraio 2021 è stato ufficialmente istituito in Italia il Ministero della Transizione Ecologica (MiTE). Incaricato di gestire parte dei fondi del Recovery Fund e di guidare una missione di “rivoluzione verde e transizione ecologica”, il nuovo dicastero è attualmente guidato dal Ministro Roberto Cingolani.

Scopriamo insieme di che cosa si occupa questa istituzione e il suo ruolo nelle future politiche ambientali italiane nel contesto europeo.

Che cos’è il Ministero della Transizione Ecologica

Il Ministero della Transizione Ecologica è un dicastero che assorbe al suo interno diverse funzioni precedentemente attribuite ad altri Ministeri.

In particolare, si sostituisce al Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare e sottrae al Ministero dello sviluppo economico le competenze in materia energetica. In questo modo, il MiTE diventa l’organo di Governo destinato ad attuare lo sviluppo di nuove politiche sostenibili e di valorizzazione e salvaguardia dell’ambiente, del territorio e degli ecosistemi.

Il Ministero svolge anche un ruolo di indirizzo e vigilanza sulle attività dell’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA).

Oltre al nuovo Ministero, è stato istituito anche il Comitato Interministeriale per la Transizione Ecologica (CITE) che ha invece il compito di coordinare e programmare le politiche nazionali per la transizione ecologica.

Il Comitato è presieduto dal Presidente del Consiglio oppure dal Ministro della Transizione Ecologica e prevede la partecipazione dei Ministri di diversi dicasteri, dal già citato MiTE al Ministero per il Sud e la Coesione Territoriale, dal Ministero dell’Economia e delle Finanze a quello dello Sviluppo Economico, passando per quello delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibile, fino al Ministero della Cultura e delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali.

Di che cosa si occupa il Ministero della Transizione Ecologica

Tra i principali compiti del Ministero della Transizione Ecologica troviamo quindi tutto ciò che ha a che vedere con l’ambiente, sia come tutela e valorizzazione sia come politica energetica a salvaguardia dello stesso.

Il suo ruolo si realizza quindi attraverso una serie di attività come:

  • Tutela della biodiversità, degli ecosistemi e del patrimonio ambientale, incluso quello marino e costiero;
  • Salvaguardia del territorio e delle acque;
  • Sviluppo di politiche di contrasto al cambiamento climatico e al surriscaldamento globale;
  • Gestione integrata del ciclo dei rifiuti;
  • Piani e misure per la mobilità sostenibile;
  • Bonifica dei siti d’interesse nazionale (SIN);
  • Valutazione ambientale delle opere strategiche (VAS, VIA);
  • Contrasto all’inquinamento atmosferico-acustico-elettromagnetico e dei rischi che derivano dall’impiego di prodotti chimici e organismi geneticamente modificati;
  • Pianificazione in materia di emissioni nei diversi settori dell’attività economica, incluso quello dei trasporti;
  • Promozione dell’educazione ambientale nelle scuole;
  • Rigenerazione urbana secondo criteri di sostenibilità;
  • Gestione dei fondi dei programmi comunitari.

Soprattutto, il MiTE si propone di utilizzare i fondi del PNRR come volano per accelerare e rendere la transizione ecologica italiana.

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza prevede infatti nella sua Missione 2 la “Rivoluzione Verde e transizione ecologica”, con un pacchetto di ben 34,71 miliardi articolati su 26 investimenti e 12 riforme, suddivisi in 4 componenti:

1) Economia circolare e agricoltura sostenibile;

2) Energia rinnovabile, idrogeno, rete e mobilità sostenibile;

3) Efficienza energetica e riqualificazione degli edifici;

4) Tutela del territorio e della risorsa idrica.

Chi è Roberto Cingolani, il Ministro per la Transizione Ecologica

A partire dalla sua istituzione, il Ministero della Transizione Ecologica è guidato dal Ministro Roberto Cingolani.

Nato a Milano il 23 dicembre 1961, Cingolani ha conseguito la laurea in Fisica presso l’Università di Bari e poi il Diploma di Perfezionamento (PhD) in Fisica alla Scuola Normale Superiore di Pisa.

È stato ricercatore al Max Planck Institut di Stoccarda (Germania), Visiting Professor all’Institute of Industrial Sciences della Tokyo University (Giappone) e alla Virginia Commonwealth University (USA).

Nel 2000 è stato nominato Professore Ordinario di Fisica Sperimentale all’Università di Lecce, mentre nel 2001 fonda e dirige il National Nanotechnology Laboratory (NNL) dell’INFM a Lecce.

Nel 2005 ha fondato l’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT) di Genova di cui è stato Direttore Scientifico. Con questo ruolo, ricoperto dal 2005 al 2019, Cingolani è diventato uno dei punti di riferimento nel mondo scientifico, soprattutto per merito del progetto iCub, il robot androide capace di imitare il comportamento umano e di interagire con gli uomini.

Nel 2006 è stato insignito del titolo di Commendatore della Repubblica Italiana.

Nel 2019, Cingolani viene nominato Chief Technology & Innovation Officer di Leonardo, l’azienda italiana attiva nei settori della difesa, dell’aerospazio e della sicurezza. A febbraio 2021 arrivano invece le prime voci della sua presenza nel nuovo Ministero. Sarà Draghi a volerlo a capo del dicastero, ufficializzando la carica il 13 febbraio 2021.

PIù POPOLARI

fondatori di empethy, startup che contrasta il randagismo

Empethy la piattaforma che facilita le adozioni di cani e gatti

Il randagismo è un grave problema per una società che si definisce civile. Cani e gatti sono in grado di vivere da soli, ma...
cani che fiutano la xylella degli ulivi

Xylella fastidiosa, arrivano i cani che la fiutano

Milioni di piante di ulivo - anche secolari - abbattute, milardi di danni per le perdite economiche e un nemico alieno: la xylella. Cos’è...
fabio pompei di Deloitte Italia

Fabio Pompei (Deloitte) ‘Serve uno slancio comune per affrontare la sfida climatica’

Deloitte è una delle più antiche società di consulenza a livello internazionale e l’unica non americana. Fondata a Londra nel 1845, è presente in...

Dandora e Atacama, i cimiteri del fast fashion

Abbiamo affrontato spesso il tema dell’abbigliamento second-hand, il cui acquisto potrebbe contribuire a rallentare la produzione di nuovi capi. Il fast fashion ormai è...
energia nucleare

Energia nucleare: i pro e i contro

Uno degli argomenti più discussi e controversi di cui si sta tornando a parlare proprio a proposito del riscaldamento globale è l’energia nucleare. Tutti noi...