Homeworking Goodhabitz: riduci lo stress!

“Ogni persona che incontri sta combattendo una battaglia di cui non sai niente. Sii gentile. Sempre”. cit

In questi mesi di lavoro da casa la tecnologia ha permesso a molti di noi e a molte aziende di rimanere ‘in azione’, cioè di continuare a lavorare in regime di homeworking, o per dirla con un’espressione in inglese ma usata solo in Italia, in ‘smart working’. Tanto smart non sempre lo è, in effetti, anche perchè l’improvvisa e disorganizzata abbuffata di lavoro da remoto ha mostrato anche i suoi lati negativi, inducendo a uno stress inaspettato moltissimi lavoratori.

Secondo una ricerca di Monster.com due lavoratori su tre sono esauriti dall’homeworking, ovvero il 69 per cento dei lavoratori, il 20 per cento in più rispetto ai mesi che hanno preceduto il lockdown.

Questo succede perché è difficile staccare dall’homeworking, in pratica si è costantemente immersi nel lavoro, con spiacevoli ripercussioni per la vita sociale e familiare, così come per il nostro equilibrio.

Anche l’interazione con i colleghi, con gli altri in generale, è diventata più monotona, poco entusiasmante, perché la nostra giornata è diventata una continua lunga call…

E tu, sei riuscito a gestire il rapporto a distanza con i colleghi nonostante lo stress? La tua azienda si preoccupa di mantenere alto l’umore e la relazione tra dipendenti?
Condividiamo alcuni “good habitz” che da noi hanno funzionato.

1. Sorridi e ricorda che stai parlando con una persona: chiedile come sta

Dovrebbe cominciare così ogni call, in fondo servono solo un paio di minuti, ma l’atmosfera sarà più rilassata e positiva

2. Riserva quotidianamente qualche slot in agenda per altre attività oltre alle call

Organizza la tua agenda, prevedi dei momenti in cui sarai sempre ‘occupato’: una corsetta, una lunga pasa caffè, yoga, mindfullness, passaggiata cane

3. Organizza o proponi un weekly coffee virtuale di 10 minuti coi colleghi in cui non parlate di lavoro

Sarà difficile, ma ci si riesce e ti permetterà di scoprire il lato nascosto di tante persone e liberare emozioni, ma dei metterti in gioco parlando anche di te…

4. Accertati di essere inclusivo e incentiva la collaborazione

Rivelarsi da dietro un computer può essere per molti più facile, ma per altri più difficile. Essere inclusivi e incentivare la collaborazione significa rispettare i tempi, il divario digitale (non siamo tutti esperti nello stesso modo con gli attrezzi digitali) e non ignorare i più timidi, ma stimolarli con gentilezza alla partecipazione

5. Se percepisci tensioni nel team, parlane e cerca di risolverle 

Ci sono tanti segnali che si possono cogliere di malessere e di stanchezza, il lockdown è duro per tutti e questo può rendere nervosi e creare tensioni, a volte del tutto immotivate. Non facciamone drammi: a volte basta una risata per sciogliere i nodi.

Queste buone abitudini che funzionano online ma anche offline, scarica l’infografica se vuoi e appendila sulla porta, fa tanto ufficio (in attesa di tornarci)!

Ti potrebbero interessare

Più Popolari

Matteo Trapasso proprietario del micropanificio TraMa

Piccolo è bello: ecco il più sostenibile micropanificio d’Europa

Pensare di avviare un’attività commerciale in un locale che non raggiunge i 9 metri quadrati sembrava una vera e propria utopia: a maggior ragione...
cop27 decisioni

Le decisioni finali della COP27

Come succede quasi ogni anno, si è conclusa in ritardo anche questa edizione numero ventisette della Conferenza delle Parti. Come sempre, se ne parla...
disinformazione climatica

Disinformazione climatica, cosa significa e come evitarla

La disinformazione climatica è l'informazione o la comunicazione che nega o sminuisce l'esistenza e l'impatto del cambiamento climatico, l'inequivocabile influenza umana sul cambiamento climatico...

Musica nella metropolitana di Milano per dare voce alla solidarietà

L’ATM, Azienda Trasporti Milanesi, gestisce il servizio di trasporto pubblico a Milano e in un centinaio di comuni attorno alla città: nel 2022 è...
tessile sostenibile

La strada dell’Europa verso una moda sostenibile

Recentemente è nato in Italia il consorzio Re.Crea, fondato da aziende del calibro di Dolce&Gabbana, MaxMara Fashion Group, Gruppo Moncler, Gruppo OTB, Gruppo Prada,...