La siciliana Damiano tra le migliori B Corp al mondo

Sul podio tra le aziende italiane dei prodotti alimentari, sedicesima al mondo, ha ottenuto il riconoscimento Best for the World in Environment 2021

Damiano, società benefit e B Corp di cui avevamo già parlato in questo articolo, è una società siciliana che produce frutta secca e suoi derivati. Dal 1964, nello stabilimento di Torrenova, in provincia di Messina persegue la migliore qualità, biologicamente e nel miglior modo possibile, nel rispetto della comunità e del territorio. Da qualche anno, oltre a trasformare la frutta secca, si occupa della coltivazione, attraverso Damiano Agricola, vantando interi mandorleti a sud della Sicilia, nella zona di Caltanissetta, Agrigento e Siracusa, e noccioleti sui monti Nebrodi, vicino a Torrenova.

Con i suoi prodotti ha raggiunto l’eccellenza a livello internazionale, tra i principali Paesi in cui è presente ci sono gli Stati Uniti, la Germania, la Francia e il Canada, che pesano circa l’80 per cento dei ricavi. Nel 2019 ha dichiarato un fatturato di circa 45 milioni di euro ed è stata acquisita dal fondo Progressio Investimenti III, ma alla guida del gruppo è rimasto il fondatore, Riccardo Damiano, nel ruolo di amministratore delegato, supportato dal proprio management.

Ora Damiano ha ottenuto il riconoscimento Best for the World in Environment 2021 (letteralmente Migliore al mondo per l’ambiente), assegnato da B Corporation, la community di aziende di tutto il mondo che attraverso la certificazione B Corp, si assumono l’obbligo di agire secondo i più alti standard di responsabilità soddisfacendo i più elevati standard di trasparenza e di impegno sociale e ambientale.

Il riconoscimento conferma Damiano come la B Corp italiana del food più impegnata sui temi della sostenibilità, dell’impatto ambientale e del rispetto della biodiversità.

Riccardo Damiano

“Damiano è stata fra le prime in Europa a certificarsi come azienda B Corp – commenta Riccardo Damiano – I nostri prodotti sono tutti da agricoltura biologica e siamo da sempre estremamente attenti nell’adottare le migliori pratiche per ridurre al massimo l’impatto ambientale, sia durante la coltivazione e la lavorazione del prodotto che durante il trasporto e la distribuzione. Questo riconoscimento attesta il nostro impegno nel rispettare e avere cura del pianeta in cui viviamo”.

Oggi esistono al mondo circa 4000 aziende B Corp, in 77 paesi, di cui solo 123 in Italia. Il riconoscimento ‘Best for the world’ è un programma speciale che vede premia appunto le migliori B Corporation sulla base dei punteggi raggiunti con il sistema del ‘B Impact Assessment’ in ognuna delle cinque categorie: comunità, clienti, governance, lavoratori e ambiente. Proprio in quest’ultima categoria il riconoscimento è stato assegnato a quasi 200 imprese sparse nei cinque continenti, e tra queste Damiano ha avuto un punteggio di 104,6 nel 2021 che la colloca al sedicesimo posto nel ranking mondiale, e al primo tra le imprese italiane del settore food.

Photo by Maksim Shutov on Unsplash

PIù POPOLARI

neom

NEOM, il folle progetto di una megalopoli sostenibile nel deserto

Nel 2017, il principe ereditario dell’Arabia Saudita Mohammed bin Salman ha annunciato NEOM, un progetto utopistico e apparentemente folle di una megalopoli nel deserto...
scarti ciliegie

Barbara Vecchi, con ciliegie e data science rivoluziono la cosmesi

L'imprenditrice di Vignola mette al centro della sua idea di cosmesi green la valorizzazione del territorio, sfruttando gli scarti delle ciliegie.
lifestyle sostenibile

Lifestyle sostenibile, il nuovo, virtuoso centro PUF

PUF è il centro dell’abitare sostenibile realizzato grazie a Punto UniAbita e Fondazione Auprema. Questa Fondazione è nata nel 2006 e realizza progetti rivolti...
forest bathing

Forest bathing e forest therapy, cosa sono e perché sono differenti

Cos’è il forest bathing? Forest bathing è la traduzione inglese del termine giapponese 'shinrin-yoku'. In italiano il termine inglese è molto utilizzato, ma a volte...
Settimana STEM 2024

Settimana STEM 2024, lauree, lavoro e gender gap

I percorsi di studio e i lavori 'STEM' sono ancora a prevalenza maschile. Un mix di retaggi culturali e condizionamenti sociali ed economici che lentamente si stanno evolvendo