B Corp, cosa sono e perché ti puoi fidare

La B sta per benefit, ma cosa significa esattamente questa sigla? Perché solo alcune aziende espongono questo logo?

Hai mai visto questo logo?

Forse ti sarà capitato di vederlo su qualche prodotto o in qualche sito internet. Non è ancora molto diffuso, ma ti suggeriamo di prestarci attenzione d’ora in avanti, vedrai, sarà sempre più presente e soprattutto significa una cosa: di quella azienda ti puoi fidare.

Chi espone questo logo è perché ha ottenuto la certificazione B Corp. In genere, queste società sono anche delle società benefit, o benefit corporation: queste definizioni però significano in realtà cose un pochino diverse.

B Corp e società benefit non sono la stessa cosa

Come abbiamo ampiamente trattato in questo articolo, società benefit e il suo equivalente inglese benefit corporation sono la denominazione giuridica di una forma di impresa che il diritto italiano e il diritto della maggior parte degli stati US hanno specificamente normato. In Italia, e in US, una società può costituirsi in forma di società benefit, adottando uno statuto che rispetti le richieste legislative: denominazione, indicazione nell’oggetto sociale delle attività di beneficio comune, indicazione di un responsabile d’impatto e obbligo di relazione d’impatto annuale da depositarsi con il bilancio.

(anche The Good in Town lo è)

Cosa sono allora le B Corp?

B Corp indica di fatto una certificazione che viene rilasciata dall’ organizzazione no profit statunitense che l’ha appunto ‘creata’ e si chiama B Lab. La “B” sta per beneficio e certifica le aziende che volontariamente soddisfano i più elevati standard di trasparenza, responsabilità e sostenibilità. L’obiettivo è creare valore per la società, un impatto positivo sulle persone e sull’ambiente non solo per gli attori tradizionali come gli azionisti.

E’ una certificazione unica nel suo genere, perchè non valuta specifici aspetti di un prodotto o servizio (che è il modo in cui di solito funzionano le certificazioni) ma misura l’intera performance sociale e ambientale di un’azienda: le operazioni e il modello di business dell’azienda, la trasparenza, l’etica, il trattamento dei lavoratori, inclusione, la relazione con la comunità, l’impatto sull’ambiente e sui clienti.

B Corp (che alcuni scrivono BCorp) sta quindi per B Corporation certificata, le aziende che raggiungono questa certificazione espongono con orgoglio il relativo logo così da rendersi riconoscibili anche dall’esterno.

Chi è B Lab

B Lab ha sede a Wayne, Pennsylvania, ed è stato fondato nel 2006 dall’iniziativa e dalle idee di Jay Coen Gilbert, Bart Houlahan e Andrew Kassoy, i quali hanno trovato finanziamenti da fondazioni e organizzazioni per avviare le attività. Erano tre amici e hanno lasciato le proprie carriere per creare questa organizzazione e promuovere il loro innovativo modello di impresa. Le prime 82 aziende B Corps sono stati certificati nel 2007.

Sintetizzando, l’obiettivo di B Lab è favorire la diffusione di questo nuovo modello di impresa più coscienziosa, ma in grado di produrre valore economico, una nuova forma di capitalismo virtuoso che tenesse conto dell’impatto sull’ambiente, sulle persone, sulla comunità. Un’impresa che fosse una forza positiva nella società.

Lo si trova anche con sfondo bianco o trasparente

Come si ottiene la certificazione B Corp

E’ una certificazione internazionale, quindi riconosciuta ovunque nel mondo, che viene assegnata a seguito del raggiungimento di un punteggio minimo di 80 punti rispondendo al questionario BIA – B Impact Assessment, composto da oltre 200 domande distribuite in 5 ambiti di impatto: governance, dipendenti, comunità, clienti, ambiente.

La certificazione non è assegnata una volta per sempre, ma deve essere rinnovata ogni 3 anni. Le aziende B Corp, quindi, sono invitate a fare sempre del loro meglio, stimolate a stabilire nuovi obiettivi di impatto, sopratutto dove sono più indietro. Non c’è un limite a quanto può migliorarsi un’azienda, l’asticella è sempre più alta.

Tempistiche per ottenere la certificazione

Come si diceva è necessario compilare il BIA, che viene fornito gratuitamente.

Mentre viene compilato il BIA calcola e riporta immediatamentamente il punteggio ottenuto per ogni domanda, per cui si vede subito l’avanzamento dell’azienda verso l’obiettivo di almento 80 punti, limite minimo per richiedere la certificazione. Le domande sono molto articolate e tutto il processo può richiedere diverse ore di lavoro: inutile dire che ogni risposta deve essere autentica e verificabile e, quando possibile, documentata.

Al termine, se si sono raggiunti almeno 80 punti complessivi tra i 5 ambiti di impatto (governance, dipendenti, comunità, clienti, ambiente) si invia a B Lab dal sistema stesso la richiesta, con un semplice ‘submit’. Inizia il processo di revisione, a quel punto si tratta solo di aspettare.

In questo momento c’è un enorme interesse per la certificazione B Corp, quindi i tempi del processo di revisione si sono allungati, servono dai 6 ai 10 mesi per completarlo, cosa che dipende anche da quanto è grande l’azienda richiedente, complesse le sue attività e anche l’efficienza con cui è stato completato il BIA. Durante tale processo potrebbero esservi richiesti chiarimenti e documentazioni a sostegno di risposte che avete dato, molto probabilmente vi sarà richiesto uno o più appuntamenti in video congferenza per analizzare del vostro BIA. Tutto questo può essere impegnativo, solo 1 su 3 che si presenta per la certificazione la ottiene.

In molti casi, soprattutto per le grandi aziende, è consigliabile sul coinvolgimento di società di consulenza esperte di B Corp per assistenza sulla compilazione del BIA.

Non ultimo, viene richiesto all’azienda di verificare quali siano nel proprio paese gli aspetti legali che riguardano le B Corp. In Italia, per esempio, c’è dal 2006 la possibilità di costituire una società benefit, pertanto la certificazione B Corp richiede alle aziende con meno di 10 dipendenti di costituirsi società benefit prima (cambiando lo statuto) e solo dopo richiedere certificazione. Alle società oltre i 10 dipendenti è invece concesso di allinearsi e diventare società benefit entro due anni dalla certificazione.

Costi della certificazione B Corp

Il BIA è fornito gratuitamente, ma è prevista una quota annuale che varia in base al fatturato dell’azienda certificata e anche in base al paese.

Per dare un’idea, negli Stati Uniti: fino a 150 mila dollari di fatturato si paga una tassa di mille dollari annuali; un’azienda che fattura 10 milioni pagherà 6mila dollari; un’azienda che fattura 750 milioni pagherà 50mila dollari.

La dichiarazione di interdipendenza

Le B Corp sono una forma d’impresa e sono anche un movimento. Una volta ottenuta la certificazione, le B Corp firmano un documento chiamato ‘Dichiarazione di interdipendenza’, semplice e sintetico, ma che esprime valori molto potenti.

La dichiarazione di interdipendenza in italiano

Noi progettiamo un’economia globale che usa il business come una forza per il bene.

Questa economia è composta da un nuovo tipo di società – la B Corporation -, che è guidata dallo scopo e crea benefici per tutti gli interlocutori, non solo per gli azionisti.

Come B Corporations e leader di questa economia emergente, noi crediamo:

Che noi per primi dobbiamo essere il cambiamento che desideriamo nel vedere nel mondo.

Che tutti gli affari devono essere condotti in modo tale che le persone e i luoghi siano davvero rispettati.

Che, attraverso i loro prodotti, pratiche e profitti, le imprese dovrebbero aspirare a non fare danni e portare vantaggi a tutti.

Per fare questo è necessario agire con la consapevolezza che ognuno di noi dipende dall’altro e quindi siamo responsabili l’uno dell’altro e delle generazioni future.

Troppo bello per essere vero?

Ci puoi credere, le B Corp e le società benefit sono oramai una forza inarrestabile che contribuirà con i fatti a migliorare il mondo, perché gli aspetti di cui si occupa coprono ogni sfera davvero importante e che riguarda la vita di tutti noi.

Attualmente sono 3928 in 74 Paesi le aziende certificate B Corp, e crescono ogni giorno.

Scopri quelle italiane nella nostra sezione dedicata.

Elenco B Corp italiane

PeopleRise
Illy
ACBC
Rete del dono
Fedabo
Farmer
Reti
Backlabel
Florim Farmacia degli aresenali
Newmi
Primate
Elmec sola
Rifo
de-lab
Alisea
Be your essence
Punto pack
Crmpartners
Mip politecnico
Mellin
Danone
Novamon
Lampa
Icma
Esperta
Garc
Giampietri
Cielo e terra
Reda
24 bottles
Panino giusto
luz.
E.di C (Polo Lionello Bonfanti)
Cavalieri & Amoretti
Tirelli & Partners
Maganetti spedizioni
Cleprin
People management lab
Aboca
Enerativa
Tea natura
Euro company
Onde alte
Save the duck
Scafid
Ambienta
Farmacia A.Colutta
Arbos
Service Vending
Chiesi
Raiffeisen
Litografia Reverberi
D’orica Slow food promozione
Way2Global
Isola Bio
Corsicef
Spazionoprofit
Intexo
Assimoco
Sales
LORF
ARS
Green Media Lab
SFC Santa FRancesca
Evolvere
Palm Green Pallet
Diasen Arkage
Boboto
Yoroom
Metalli Lindberg
Bottega Filosofica
Omal
Wami
Goldmann&Partners
InVento Innovation Lab
Wekiwi
LAM Consulting
Local to you
Edizioni Green Planner
ETT spa
Maker srl
Alessi
Tek srl
NWG Energia
Sorriso e Salute
Internationa Napoli
Damiano
Paradisi
Organizzare Italia
Perlage Winery
BioClean Pulizie
Emmerre
Davines
Goodpoint
Kudu
Zordan
Impact Hub
N&B – Natural is better
CVLT coop agricola Zanolari
Facile Aiuto
De Micheli Lanciani
Insieme
GreenApes
Pasticceria Filippi
EXE.IT
Herbatint
Focuslab
Dermaphisiologique
Mondora
Little Genius
Habitech
D-Orbit
Fratelli Carli
Treedom
Nativa

PIù POPOLARI

società benefit

Società Benefit: cosa sono, vantaggi, come diventarlo

Società Benefit: cos'è? La Società Benefit (SB) è una nuova forma giuridica d’impresa entrata in vigore in Italia a partire dall’1 Gennaio 2016. Non...
imprenditrici top

La mappa delle imprenditrici innovative top nel mondo

Spesso si dice che per ridurre la disparità di genere sia necessario anche spronare le donne a osare di più e che possa essere...
Riccardo Pozzoli

Riccardo Pozzoli, soldi e successo non sono abbastanza

Ci tre cose che mi hanno colpito di Riccardo Pozzoli: l’intraprendenza, la capacità di comunicare (on e offline), la sua elegante semplicità. Semplicità che probabilmente...
economia circolare moda

L’economia circolare nella moda e le sue 3 leggi

Il settore moda è tra i più inquinanti e INsostenibili al mondo nel suo attuale assetto: tutta la filiera produttiva è causa di enormi...

Fare il meglio con quello che si ha, la svolta green parte dai piccoli...

Una rivoluzione green. È la promessa con la quale si appresta a iniziare il 2021: maggiore attenzione non soltanto all’ambiente in sé ma soprattutto...