Planeat, la spesa senza sprechi

C'è la società benefit Alimentiamoci dietro questa utilissima applicazione

Acquistare soltanto quello che serve, limitando gli sprechi e facendo attenzione ai prodotti sostenibili. È la nuova frontiera della spesa, promossa da Alimentiamoci, startup innovativa e società benefit, fondata il 22 novembre 2019, che sviluppa, produce e commercializza prodotti e servizi tecnologici per la salvaguardia dell’ambiente, della salute e dell’economia del territorio, con particolare attenzione al settore alimentare. Si avvale di una stretta collaborazione con i centri di ricerca (università, incubatori, acceleratori d’impresa) e, grazie alla forma giuridica di società benefit, promuove e diffonde modelli e sistemi economici e sociali sostenibili in grado di generare valore diffuso.

Planeat.eco, il sito per non sprecare nulla e risparmiare

Il progetto principale di Alimentiamoci è Planeat.eco, un sito per poter fare la spesa in modo intelligente, a prova di spreco: si parte dalla ricetta che si vuole realizzare e si ordinano tutti gli ingredienti pronti per la preparazione, pesati e divisi in contenitori compostabili. Così si risparmiano tempo, soldi e si rispetta l’ambiente. I prodotti sono tutti di grande qualità, privilegiano gli ingredienti bio e le ricette promuovono la sana e corretta alimentazione. Grande attenzione anche al packaging: vaschette compostabili, contenitori in cellulosa biodegradabile, sacchetti compostabili e vuoto a rendere per le bottiglie della birra.

Planeat ha sviluppato anche un servizio B2B per le mense aziendali, offrendo un servizio di catering orientato sempre ai principi di zero sprechi e massimo riciclo.

Così ha spiegato gli obiettivi della società il suo fondatore Nicola Lamberti, in un’intervista al Corriere Cook.

“L’azione umana che più di tutte sta distruggendo il Pianeta è la produzione di cibo. I sistemi agricoli e di allevamento intensivi contribuiscono all’impoverimento della fertilità del suolo, all’aumento della desertificazione e alla crescente produzione di gas serra. Per questo credo che sia importante agire subito sulle abitudini alimentari. Non possiamo più attendere oltre”.

“Mi sono reso conto — racconta ancora Lamberti — che la mancanza di tempo è spesso il motivo che porta le persone a cucinare sempre di meno e sempre le stesse cose. Ho quattro figli e so bene quanto possa essere complesso portare in tavola una cena. Così, insieme agli altri fondatori di Planeat abbiamo cercato di trovare un modo per permettere alle famiglie di ottimizzare i tempi non soltanto della spesa ma anche della preparazione, lasciando loro solo la parte più piacevole e creativa del cucinare. È un peccato che, soprattutto le nuove generazioni, dimentichino la tradizione culinaria italiana, con il nostro servizio vogliamo riportare le persone in cucina“.

Dalla pagina facebook di Planeat – https://www.facebook.com/planeat.eco/

PIù POPOLARI

imprenditrici top

La mappa delle imprenditrici innovative top nel mondo

Spesso si dice che per ridurre la disparità di genere sia necessario anche spronare le donne a osare di più e che possa essere...

Fare il meglio con quello che si ha, la svolta green parte dai piccoli...

Una rivoluzione green. È la promessa con la quale si appresta a iniziare il 2021: maggiore attenzione non soltanto all’ambiente in sé ma soprattutto...
Riccardo Pozzoli

Riccardo Pozzoli, soldi e successo non sono abbastanza

Ci tre cose che mi hanno colpito di Riccardo Pozzoli: l’intraprendenza, la capacità di comunicare (on e offline), la sua elegante semplicità. Semplicità che probabilmente...
auto privata

Auto privata, ha ancora senso?

Il 14 Gennaio 2020 la più grande società di investimenti al mondo, Black Rock, annunciava di voler mettere la sostenibilità al centro delle proprie...

Giorgio Vacchiano, il cambiamento climatico è un problema sociale, non ambientale

“La parola scienziato mi impressionava da bambino, invece ora mi ritrovo ad usarla per descrivermi” - così Giorgio Vacchiano rompe il ghiaccio mentre gli...