Altromercato ‘Piantare alberi è anche giustizia climatica’

Alessandro Franceschini, Presidente di Altromercato: "Vogliamo dimostrare che ognuno di noi può fare la differenza per fermare i cambiamenti climatici causati dai Paesi ricchi, ma “subiti” proprio da quelli più poveri".

Quanti di noi acquistano prodotti di Altromercato, marchio e impresa sociale che dal 1988, in Italia, porta avanti il Commercio Equo e Solidale e tante altre belle iniziative per un mondo del lavoro più etico. Il suo principale fine è generare un impatto sociale positivo sull’ambiente e le comunità, sui territori, coinvolgendo nella sua missione coloro che possono, più di tutti, far pesare le proprie scelte: i consumatori.

Tra i prodotti di punta di Altromercato c’è il cacao, pertanto è molto interessante scoprire uno dei vari modi in cui questa impresa sociale realizza iniziative che aiutano proprio le comunità che vivono grazie alla coltivazione del cacao e contemporaneamente l’ambiente.

Per esempio, con la Cooperativa Agraria Norandino, nata nel 2005 come organizzazione di piccoli produttori, Altromercato promuove il progetto di riforestazione sostenibile di un’area a forte rischio deforestazione nel Nord del Perù. Nel 2020 sono state messe a dimora 2 mila piantine di cacao, oggi il progetto si rinforza e il nuovo obiettivo è raggiungere le 10 mila piantine che aiuteranno la comunità locale nel proprio sviluppo economico e l’atmosfera a ripulirsi da anidride carbonica (CO2).

Perchè gli alberi sono i nostri alleati nella lotta per il clima

La CO2 è il principale, ma non unico, imputato tra i gas serra, la sua alta concentrazione è responsabile per il 70% del surriscaldamento globale. Le principali vie per risolvere il problema della CO2 riconosciute dal Protocollo di Kyoto sono due: da un lato diminuire drasticamente le nuove emissioni nell’atmosfera causate dalle attività umane (produzione, trasporti, agricoltura); dall’altra aiutare l’atmosfera a disintossicarsi dalla CO2 in eccesso, attraverso il ricorso a ‘strumenti’ in grado di assorbire l’anidride carbonica, il principale dei quali ci è offerto dalla natura stessa: è la fotosintesi clorofilliana svolta dai vegetali.

Gli alberi, quindi, sono i nostri principali alleati nel processo di riduzione della CO2.

Le piante di cacao possono assorbire in 10 anni fino a 55 KG di CO2, pari a quella prodotta da 528 km in autobus (fonte: Treedom).

L’impegno di Altromercato per la giustizia climatica


Per Altromercato, è molto importante che la lotta per il clima si accompagni alla giustizia climatica. La crisi, infatti, non riguarda soltanto le emissioni bensì va tenuto conto anche del divario sociale in aumento tra il Nord e il Sud del mondo.

“Dobbiamo renderci conto che, presto o tardi, i più vulnerabili diventeremo noi, fragili come il nostro pianeta che stiamo piano piano distruggendo” afferma Alessandro Franceschini, Presidente di Altromercato. “Assieme alla Cooperativa Norandino, vogliamo dimostrare che ognuno di noi può fare la differenza nel proprio piccolo per fermare i cambiamenti climatici che vengono causati dai Paesi ricchi, ma “subiti” proprio da quelli più poveri. Ci assumiamo, insieme ai nostri partner, la responsabilità di combattere quest’ingiustizia. È fondamentale trovare una soluzione al più presto e agire tutti in maniera coesa e responsabile.”

La riforestazione sostenibile di Altromercato punta a sostenere i piccoli produttori dei Paesi in via di sviluppo che sono gli autentici custodi della biodiversità nel mondo, ma sono proprio loro i primi a subire l’impatto dei cambiamenti climatici generati principalmente dai paesi industrializzati, ed è per questo motivo che si parla di “Giustizia Climatica”, cioè di #climatejustice.

Il progetto prevede la piantagione di alberi di cacao in un’area a forte rischio deforestazione nel Nord del Perù e il supporto agli agricoltori di San Martìn de Piura, la comunità che si prenderà cura della nuova foresta che sorgerà.

Missione #climatejustice

Per allargare ad altre aziende la possibilità di contribuire all’operazione #climatejustice, Altromercato ha creato un catalogo di regalistica natalizia aziendale in cui a ogni prodotto sarà associata la piantumazione di un albero di cacao in Perù, che potrà essere personalizzato col proprio nome.

PIù POPOLARI

fondatori di empethy, startup che contrasta il randagismo

Empethy la piattaforma che facilita le adozioni di cani e gatti

Il randagismo è un grave problema per una società che si definisce civile. Cani e gatti sono in grado di vivere da soli, ma...
cani che fiutano la xylella degli ulivi

Xylella fastidiosa, arrivano i cani che la fiutano

Milioni di piante di ulivo - anche secolari - abbattute, milardi di danni per le perdite economiche e un nemico alieno: la xylella. Cos’è...
fabio pompei di Deloitte Italia

Fabio Pompei (Deloitte) ‘Serve uno slancio comune per affrontare la sfida climatica’

Deloitte è una delle più antiche società di consulenza a livello internazionale e l’unica non americana. Fondata a Londra nel 1845, è presente in...

Dandora e Atacama, i cimiteri del fast fashion

Abbiamo affrontato spesso il tema dell’abbigliamento second-hand, il cui acquisto potrebbe contribuire a rallentare la produzione di nuovi capi. Il fast fashion ormai è...
energia nucleare

Energia nucleare: i pro e i contro

Uno degli argomenti più discussi e controversi di cui si sta tornando a parlare proprio a proposito del riscaldamento globale è l’energia nucleare. Tutti noi...