Argiolas, fare vino è una questione di rispetto

Se non vedi il video devi accettare i cookie di marketing per visualizzarlo.

L'azienda vitivinicola Argiolas racconta in un video come produce con metodi sostenibili i suoi famosi vini, sostenendo la biodiversià e la sopravvivenza di antichi vitigni

Rispetto per il territorio, per la biodiversità, per la sostenibilità.

Questo è Argiolas, una delle cantine di produzione di vino sarde più rinomate e più conosciute nel mondo. Una cantina con una storia che copre 80 anni e tre generazioni, piene di passione e di amore per la loro terra.

Un amore che si sente nei loro vini (tra cui il Turriga, vero emblema dell’enologia sarda, un pezzo di storia, pluripremiato) ma anche nella gestione aziendale attenta all’innovazione e nell’impegno di responsabilità sociale.

Argiolas interpreta il tema della sostenibilità prima di tutto da un punto di vista ambientale: coltiva la vite e produce i vini con metodi sostenibili, usando responsabilmente acqua e suolo, riducendo al minimo l’uso di prodotti chimici, usa una tecnica di potatura che prolunga la vita dei ceppi. Utilizza sistemi di agricoltura di precisione per salvaguardare la salute dei vigneti nel modo più naturale possibile e di conseguenza anche al qualità della produzione. Così riesce anche a rispettare la biodiversità, che in questo caso si intreccia con la stessa cultura, perché si tratta di preservare l’esistenza di diversi vitigni tradizionali autoctoni.

La Sardegna ha un incredibile numero di vitigni tradizionali. È un patrimonio prezioso che da anni contribuiamo a conservare e tutelare, con un progetto impegnativo e complesso. Abbiamo iniziato ricercando in tutta l’Isola gli esemplari di 11 varietà. In seguito abbiamo impiantato ben 5000 piante per selezionare i migliori esemplari di ciascun vitigno. Quindi, a partire dalle uve degli esemplari scelti, abbiamo realizzato piccole vinificazioni di prova per scoprirne tutte le caratteristiche e per poterli propagare in futuro.

Più Popolari

nature restoration law

Il parlamento europeo approva la Nature Restoration Law

Il 17 giugno 2024 è la data del via libera alla Nature Restoration Law, la Legge che prevede di ripristinare almeno il 20% delle aree naturali degradate entro il 2030.
impatto ambientale guerra in Ucraina

L’impatto ambientale della guerra

Ogni guerra provoca danni all’uomo e all’ambiente. Parlare dell’impatto ambientale di una guerra non è facile, pensando alle persone che hanno perso la vita,...
Società Benefit

Società Benefit: cosa sono, vantaggi, come diventarlo

Le Società Benefit (SB) sono una forma giuridica d’impresa che integra nel proprio oggetto sociale, oltre agli obiettivi di profitto, anche precise finalità di beneficio comune. Le...
La matassa della filiera tessile

La complessa matassa della filiera tessile 

Ricostruire la complessa filiera tessile, tra raccolta, selezione, riuso e riciclo per rendere più efficiente e competitivo il mercato e gli attori italiani.
granchio blu

Facciamo chiarezza sul granchio blu

In Italia, tra piante e animali sono oltre 3.000 le specie aliene identificate: si tratta di specie viventi invasive e non autoctone che, grazie...