Panama riconosce i diritti della Natura

Il tema dei 'diritti della Natura' sta trovando eco in diverse legislazioni nel mondo. E' il turno anche di Panama, famosa per il proprio Canale di Panama che collega il Mar dei Caraibi e l'Oceano Pacifico.

Dopo un anno di dibattito nell’Assemblea Nazionale del Paese, Panama ha concluso il processo per introdurre nella propria legislazione una nuova legge che garantisce alla natura il “diritto di esistere, persistere e rigenerare i suoi cicli di vita”, il che significa che il parlamento di Panama dovrà ora considerare l’impatto delle sue leggi e politiche sul mondo naturale.

Cosa significa in pratica la nuova legislazione di Panama?

La legislazione, che entrerà in vigore nel 2023, richiede che le future politiche del governo rispettino i diritti degli ecosistemi di Panama, comprese le sue foreste tropicali, i fiumi e le mangrovie. Il parlamento del paese sarà anche legalmente obbligato a promuovere i diritti della natura attraverso le sue politiche estere.

Il testo legislativo definisce la natura come “una comunità unica, indivisibile e autoregolante di esseri viventi, elementi ed ecosistemi interconnessi tra loro che sostiene, contiene e riproduce tutti gli esseri”.

Quali altri Paesi hanno dato diritti alla natura?

Panama si unisce ora a paesi come la Colombia, la Nuova Zelanda, il Cile e il Messico che hanno riconosciuto i diritti della natura, concedendo una protezione legale, attraverso le loro costituzioni o il sistema giudiziario.

A febbraio, anche l’Italia ha reso la protezione dell’ambiente parte della sua costituzione. Di conseguenza, il parlamento italiano deve ora lavorare per salvaguardare gli ecosistemi del paese per le generazioni future. La nuova legge include anche la protezione degli animali.

(fonte: Euronews)

Nel Paese del centro-America, l’attenzione alla sostenibilità è crescente dovendo far fronte anche all’impatto del trasporto marittimo nel Canale. Infatti dal 2021, l’Autorità del canale di Panama ha introdotto un sistema di classificazione delle navi in base al livello di sostenibilità ambientale. In base al loro posizionamento in questa classifica, le navi che transiteranno nel canale pagheranno una tassa sulle emissioni di gas serra più o meno alta.

PIù POPOLARI

Matteo Trapasso proprietario del micropanificio TraMa

Piccolo è bello: ecco il più sostenibile micropanificio d’Europa

Pensare di avviare un’attività commerciale in un locale che non raggiunge i 9 metri quadrati sembrava una vera e propria utopia: a maggior ragione...
cop27 decisioni

Le decisioni finali della COP27

Come succede quasi ogni anno, si è conclusa in ritardo anche questa edizione numero ventisette della Conferenza delle Parti. Come sempre, se ne parla...
tessile sostenibile

La strada dell’Europa verso una moda sostenibile

Recentemente è nato in Italia il consorzio Re.Crea, fondato da aziende del calibro di Dolce&Gabbana, MaxMara Fashion Group, Gruppo Moncler, Gruppo OTB, Gruppo Prada,...

Musica nella metropolitana di Milano per dare voce alla solidarietà

L’ATM, Azienda Trasporti Milanesi, gestisce il servizio di trasporto pubblico a Milano e in un centinaio di comuni attorno alla città: nel 2022 è...
black friday sostenibile

Black or Blue Friday?

“Blue is the new Black” è il motto con cui la Commissione Oceanografica Intergovernativa (IOC) dell’UNESCO lancia il Blue Friday, volto a creare consapevolezza...