Povertà alimentare infantile: la sfida

1 bambino su 4 (27%) vive in condizioni di povertà alimentare infantile grave. 181 milioni di bambini sotto i cinque anni.

la povertà alimentare infantile come l’incapacità dei bambini di accedere e consumare una dieta nutriente e diversificata nei primi cinque anni di vita.” UNICEF 

La povertà alimentare infantile è particolarmente dannosa nella prima infanzia. Un apporto insufficiente di nutrienti essenziali può causare danni gravi alla sopravvivenza, alla crescita fisica e allo sviluppo cognitivo dei bambini. 
Le conseguenze possono durare per tutta la vita.
I bambini malnutriti nella prima infanzia ottengono risultati scolastici peggiori e guadagnano meno da adulti, rimanendo intrappolati, insieme alle loro famiglie, in un ciclo di povertà e privazioni.

Le crescenti disuguaglianze, i conflitti e le crisi climatiche, unitamente all’aumento dei prezzi dei cibi, abbondanza di alimenti non salutari, strategie di marketing alimentare dannose e pratiche di alimentazione infantile inadeguate, condannano quotidianamente milioni di bambini alla povertà alimentare. Sono milioni i genitori e le famiglie nel mondo che lottano per fornire ai loro bambini piccoli cibi nutrienti e vari, essenziali per crescere, svilupparsi e apprendere al massimo delle loro potenzialità.
Sensibilizzare e agire. Sono i passi fondamentali per garantire che ogni bambino abbia accesso a una dieta sana e diversificata, spezzando il ciclo della povertà e promuovendo un futuro migliore per tutti.

I numeri del rapporto Unicef

Il rapporto Unicef Child Food Poverty: Nutrition Deprivation in Early Childhood esamina stato, tendenze, disuguaglianze e fattori determinanti della povertà alimentare infantile nella prima infanzia, compreso il loro impatto. 
Il focus è inevitabilmente sui paesi a basso e medio reddito, dove risiede la maggior parte dei bambini affetti da povertà alimentare infantile.

L’analisi dello stato e le tendenze

A livello globale, 1 bambino su 4 (27%) vive in condizioni di povertà alimentare grave nella prima infanzia. 181 milioni di bambini sotto i cinque anni. Una condizione che colpisce tutte le regioni del mondo, ma non in modo uniforme. Più di due terzi (68%) di questi bambini vive in Asia meridionale e in Africa subsahariana. 

I bambini che consumano al massimo due degli otto gruppi alimentari stabiliti sono considerati in condizioni di grave povertà alimentare. 4 bambini su 5 in questa situazione sono nutriti solo con latte materno/latte e/o un alimento amidaceo di base, come riso, mais o grano. Meno del 10% di questi bambini si nutre di frutta e verdura. E meno del 5% si nutre di alimenti ricchi di sostanze nutritive come uova, pesce, pollame o carne.
Parallelamente, cibi e bevande non salutari diventano sempre più presenti nella loro dieta.

Gli 8 alimenti fondamentali della dieta di un bambino
© UNICEF – 2024 Child Nutrition Report

Il 46% dei bambini in condizione di povertà alimentare grave appartiene alle famiglie nei due quintili di ricchezza più poveri, dove il reddito è probabilmente un fattore determinante della povertà alimentare grave. Tuttavia, il 54%, appartiene a famiglie dei quintili di ricchezza medio e superiore, dove è evidente che alla base del problema non ci sono fattori legati alla povertà di reddito.

I dati di tendenza globale indicano che nell’ultimo decennio siamo passati dal 34% nel 2012, della totalità di bambini, al 31% nel 2022. Un progresso troppo lento e risulto di tendenze miste.

bambina con raccolta odi vegetali
© UNICEF/UNI461464/Pouget
Agricoltura biologica rigenerativa
Cause e conseguenze e progressi possibili

Le probabilità di arresto della crescita (stunting) sono del 34% più elevate nei bambini colpiti da povertà alimentare grave rispetto ai bambini non colpiti.
Allo stesso modo, le probabilità di deperimento (wasting) sono del 50% più alte se un bambino è colpito da povertà alimentare grave.

Ambienti alimentari sfavorevoli per i bambini, pratiche di alimentazione inadeguate nella prima infanzia e povertà di reddito delle famiglie, sono le tre principali cause della povertà alimentare infantile grave identificate dall’analisi Unicef.
I sistemi alimentari, sanitari e di protezione sociale non riescono a garantire il diritto dei bambini a una buona alimentazione, ma i progressi sono possibili quando si interviene per attivare questi sistemi.

I paesi che hanno ridotto la povertà alimentare infantile grave hanno diversi fattori di successo in comune. Hanno migliorato l’offerta di cibi nutrienti e rafforzato gli ambienti alimentari (sistema alimentare). Hanno ampliato la copertura e la qualità dei servizi nutrizionali per i bambini piccoli, compresa la consulenza sull’alimentazione infantile a livello comunitario (sistema sanitario). Hanno protetto le famiglie povere dalla povertà di reddito (sistema di protezione sociale).

bambino sorridente
© UNICEF/UNI479056/Assefa

Obiettivo Agenda 2030: eliminare la povertà alimentare infantile grave

Il rapporto Unicef sottolinea che per eliminare la povertà alimentare infantile grave è fondamentale un approccio coordinato e sinergico. Serve una priorità politica con obiettivi chiari e tempi definiti.
È cruciale trasformare i sistemi alimentari per rendere i cibi nutrienti e salutari accessibili e desiderabili, rispettando le regolamentazioni.
Anche i sistemi sanitari devono fornire servizi nutrizionali essenziali, dando priorità ai bambini più vulnerabili. É necessario inoltre attivare sistemi di protezione sociale per affrontare la povertà economica delle famiglie, includendo trasferimenti sociali come contanti, voucher e cibo.

Rafforzare i sistemi di dati è indispensabile per monitorare e valutare la povertà alimentare infantile, rilevando tempestivamente gli aumenti e monitorando i progressi globali e nazionali.
L’impegno deciso e coordinato di governi, organizzazioni di sviluppo e umanitarie, società civile, media, mondo accademico, industria alimentare e partner finanziari è essenziale per affrontare efficacemente la povertà alimentare infantile grave.
Solo attraverso la collaborazione di tutti i settori coinvolti è possibile sperare di raggiungere l’obiettivo “Zero Fame” dell’Agenda 2030 e garantire benessere per tutti i bambini.

bimba con piatto di cibo davanti
© UNICEF/UN0517686/Mawa

PIù POPOLARI

nature restoration law

Il parlamento europeo approva la Nature Restoration Law

Il 17 giugno 2024 è la data del via libera alla Nature Restoration Law, la Legge che prevede di ripristinare almeno il 20% delle aree naturali degradate entro il 2030.
La matassa della filiera tessile

La complessa matassa della filiera tessile 

Ricostruire la complessa filiera tessile, tra raccolta, selezione, riuso e riciclo per rendere più efficiente e competitivo il mercato e gli attori italiani.
comunicazione inclusiva

Comunicazione inclusiva: il progetto di Mariagrazia Chianura

Un libro inclusivo che rende l'educazione ambientale accessibile a tutti, sfruttando la Comunicazione Aumentativa e Alternativa (CAA).
impatto ambientale guerra in Ucraina

L’impatto ambientale della guerra

Ogni guerra provoca danni all’uomo e all’ambiente. Parlare dell’impatto ambientale di una guerra non è facile, pensando alle persone che hanno perso la vita,...
Società Benefit

Società Benefit: cosa sono, vantaggi, come diventarlo

Le Società Benefit (SB) sono una forma giuridica d’impresa che integra nel proprio oggetto sociale, oltre agli obiettivi di profitto, anche precise finalità di beneficio comune. Le...