PSA, Peste suina africana, di cosa si tratta

Se ne sente parlare spesso negli ultimi tempi: capiamo meglio cos'è questa malattia

La Peste Suina Africana (PSA) è una malattia virale che colpisce i suini e i cinghiali selvatici, ed è trasmissibile all’uomo esclusivamente tramite l’ingestione di carne infetta o per contatto con il virus. Genera preoccupazione ai commercianti e ai produttori di numerosi paesi in quanto spesso porta a ingenti perdite economiche a causa della diffusione estremamente rapida (specialmente in allevamenti intensivi dove gli spazi sono ridotti e le misure igieniche superficiali), il decesso di numerosi animali e costi non indifferenti delle misure di controllo.

La PSA ha origine dall’Africa sub-sahariana e per anni, in Europa, dopo i primi cenni in Portogallo durante la metà del ‘900 è rimasta confinata alla Sardegna fino al 2007 anno in cui ha iniziato a diffondersi a partire dalla Georgia. Successivamente si sono presentati focolai nei Paesi limitrofi. Nel 2014 è arrivata alla diffusione in Europa e in seguito alla manifestazione anche in Asia, Oceania e Stati Uniti.

Come si manifesta la PSA nel suino

La PSA deriva da un virus della famiglia “Asfaviridae”, non è facile da debellare sia per la sua resistenza a putrefazione, congelamento e refrigerazione sia per l’estrema difficoltà di creare un vaccino data la mancanza di attivazione di anticorpi da parte del sistema infetto.

I sintomi principali negli animali colpiti sono:

  • febbre
  • perdita di appetito
  • debolezza del treno posteriore con conseguente andatura incerta
  • difficoltà respiratorie e secrezione oculo-nasale
  • costipazione
  • aborti spontanei
  • emorragie interne
  • emorragie evidenti su orecchie e fianchi

(Fonte: Ministero della Salute)

Queste caratteristiche hanno portato la malattia a una diffusione rapida, favorita inoltre dall’aumento di allevamenti intensivi e spostamenti globali di animali sempre maggiori.
In Europa è ulteriormente diffusa a causa dei pochi controlli negli allevamenti e dell’ampio smaltimento di carcasse illegale. Il decesso è tra le conseguenze più frequenti ma spesso il cadavere viene erroneamente considerato non più infetto e quindi trattato senza le giuste misure di sicurezza. Il virus della PSA rimane infettivo per mesi nelle carni e nelle carcasse degli animali infetti, ma è presente anche nel sangue, negli escrementi e nella saliva degli animali ammalati.

Per questo motivo, con il decreto del 5 agosto 2022 n.136, è diventato obbligatorio segnalare la presenza di contagio, anche sospetto, alle aziende sanitarie locali.

Prevenzione

Le misure di prevenzione sono, per i Paesi che non hanno mai avuto episodi, prevalentemente di controllo rigoroso specialmente di allevamenti di suini. Per quanto riguarda i Paesi infetti i punti principali sono: l’individuazione tempestiva della malattia e dei focolai e l’eliminazione dei soggetti intenti nel minor tempo possibile.

In Italia, e non solo, tra le misure di sicurezza principali per i cittadini ci sono:

– Evitare di portare dall’estero prodotti diretti o derivati di suini e cinghiali

– Smaltire adeguatamente rispetto alle norme di sicurezza i medesimi prodotti

– Non permettere ai maiali e ai cinghiali di accedere ad alimenti per umani o a scarti

Allevatori e cacciatori devono seguire norme e regole (Italiane ed Europee) principalmente rispetto alla biosicurezza e alla legalità delle pratiche.

Per approfondire:
ATS di Pavia

EFSA (Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare)

(contributor: Eleonora Laferla e Anita Abirascid)

Ti potrebbero interessare

Più Popolari

La protezione del clima è un diritto umano, la prima sentenza che lo stabilisce

L'Associazione delle Donne Senior Svizzere per la Protezione del Clima ha ottenuto una storica vittoria presso la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo. La Corte...
Giornata Mondiale della Terra 2024: Pianeta versus plastica?

Giornata Mondiale della Terra 2024: pianeta versus plastica?

Il 22 aprile di ogni anno il mondo celebra la Giornata Mondiale della Terra. L’Earth Day nasce il 22 aprile 1970 con l’obiettivo di...

plastiKO

La questione della plastica emerge come uno dei simboli più palpabili e diffusi della nostra crisi ambientale. Questa serie è un viaggio attraverso i danni che abbiamo causato, ma è anche un inno alle possibilità di rinnovamento e riparazione che stanno emergendo in questo campo.
rifiuti plastica

20mila Tour Eiffel fatte di plastica

C'è una data che rappresenterà nel 2024 il giorno in cui potremmo dire che il mondo ha raggiunto la sua capacità massima di gestione...
RAEECycling innovazione e sostenibilità

Innovazione + sostenibilità = RAEECycling

Greenvincible brevetta RAEECycling, un modello di riciclo dei RAEE a basso impatto ambientale e di grande efficienza economica.