Reale Mutua si trasforma e diventa società benefit

E' forse la più storica compagnia assicurativa italiana, quella che non ha mai tradito la natura mutualistica. Oggi, con lo stesso spirito, si trasforma in società benefit per affrontare le sfide del futuro.

Reale Mutua è una compagnia assicurativa storica in Italia. Nata a Torino nel 1828, Reale Mutua è oggi è la più grande Compagnia assicurativa italiana costituita in forma di mutua, cioè un particolare tipo di società in cui la stipula del contratto assicurativo fa acquisire anche lo stato di socio, infatti non è una società a scopo di lucro, tutti gli eventuali utili sono redistribuiti fra i soci, che altro non sono che gli assicurati stessi. La redistribuzione non è fatta però in denaro, gli utili vengono riconvertiti in condizioni assicurative più favorevoli. Se la società guadagna, i premi vengono ribassati diventando più vantaggiose per i soci/assicurati.

Attualmente Reale Mutua è un Gruppo che opera in Italia, Spagna e Cile, ha circa 5 milioni di clienti e offre servizi nel campo assicurativo, bancario, immobiliare. Nell’ultimo bilancio ha dimostrato di essere in forte crescita, con previsione di utile a 250 milioni di euro (rispetto ai 155,5 nel 2020), raccolta premi a+ 3,7%, e un patrimonio netto pari a 3.149 milioni di euro.

Il passaggio a società benefit, modello di società che persegue scopi di profitto e beneficio comune, è una nuova importante tappa nel percorso di questa grande compagnia italiana.

“Il progetto di acquisizione della qualifica di Società Benefit per Reale Mutua è prioritario e strategico per identificare in modo distintivo il suo impegno in termini di sostenibilità. Una scelta che si affianca alla natura mutualistica di Reale: due aspetti che si danno forza reciprocamente nella stessa direzione, pur rimanendo diversi e separati – ha spiegato il Presidente di Reale Mutua Luigi Lana – Diventare Benefit rappresenta un ambizioso traguardo per guardare al futuro investendo e concentrandoci sulla sostenibilità, elemento sempre più centrale nella nostra strategia di crescita”.

Come società benefit, Reale Mutua si impegna quindi a rafforzare le attività del Gruppo volte a creare più valore per tutti e un futuro migliore per tutti, a partire da tutti i suoi portatori di interesse, i cosiddetti stakeholder, dai Dipendenti ai Clienti, nonché a tutti coloro che vivono sul territorio.
Il fine ultimo, come per ogni SB, è avere un impatto concreto, misurabile e positivo, sulla collettività e sull’ambiente.

Le altre assicurazioni italiane società benefit

Reale Mutua non è l’unica compagnia assicurativa italiana a essere diventata società benefit.

In generale quello assicurativo è ancora un settore da pionieri sia per le società benefit, (cioè che hanno cambiato il proprio statuto secondo quanto presvisto dalla legge 208 del 2015), sia la certificazione B Corp a livello globale è quello assicurativo, se ne conteranno una ventina in totale, di cui ben 5, con Reale Mutua, nel nostro Paese.

In Italia, sono quattro le compagnie assicurative che sono state certificate B Corp o diventate società benefit: Assimoco, Ars Assurbanking, Raiffeisen, Idm assicura e adesso Reale Mutua.

PIù POPOLARI

Primo appuntamento con ‘Biodiversità e Persone’ a Milano il 13 ottobre

9.30 - 13.30 amVenerdì, 13 ottobre 2023PHYD - Milano, Via Tortona 31MM2 - Sant'Agostino per info e registrazione Due realtà impegnate nella tutela delle api e...
scarti uva

Tre esempi di utilizzo delle vinacce in ottica di economia circolare e sostenibilità

Una delle principali coltivazioni italiane è quella della vite legata alla produzione del vino. La filiera enologica, come molte altre filiere, produce numerosi scarti...
La biofilia

Cos’è la biofilia? Ce lo spiega l’esperta

Nell'articolo parliamo di biofilia e intervistiamo la psicologa dell'ambiente Rita Trombin.
blue economy

I benefici e i vantaggi della Blue Economy

Gli oceani e le grandi distese marine sono da sempre fonte di meraviglia per la loro accattivante bellezza: tuttavia in essi si nasconde una...
neom

NEOM, il folle progetto di una megalopoli sostenibile nel deserto

Nel 2017, il principe ereditario dell’Arabia Saudita Mohammed bin Salman ha annunciato NEOM, un progetto utopistico e apparentemente folle di una megalopoli nel deserto...