Un premio per le Imprese Sostenibili

Il premio vuole valorizzare ma anche ispirare, nell’intento e speranza di incoraggiare altre imprese a seguire queste eccellenze, a investire nell'innovazione e nella sostenibilità

Da metà giugno è possibile candidarsi al “Premio impresa sostenibile“, promosso da Il Sole 24 Ore e Pontificia Accademia per la Vita. L’iniziativa ha l’obiettivo di valorizzare le aziende italiane, classificabili come PMI, che si siano distinte nell’ambito della sostenibilità – ambientale, digitale, sociale ed economica – dimostrando sia spirito di adattamento sia capacità di innovazione di fronte alle nuove esigenze di mercato determinate dagli eventi di portata globale degli ultimi 3 anni.

L’obiettivo è quello di celebrare le imprese italiane e i loro successi, ma anche creare un momento di riflessione e dibattito sulle sfide che ci attendono. 

Il premio svolge anche un importante ruolo ispirazionale, nell’intento e speranza di incoraggiare altre imprese a seguire queste eccellenze, a investire nell’innovazione e nella sostenibilità, al fine di rilanciare l’intero sistema socioeconomico e costruire un futuro migliore per tutti. 

Il premio per le Imprese Sostenibili

Ogni impresa potrà candidarsi entro il 22 settembre, fino a un massimo di due tra le seguenti categorie:

  • Sostenibilità ambientale;
  • Sostenibilità digitale;
  • Sostenibilità economica;
  • Sostenibilità sociale.

Una commissione appositamente nominata selezionerà tre vincitori per ciascuna categoria, che verranno premiati durante il Forum Sostenibilità 2023.

Scarica regolamento e modalità di partecipazione
Premio impresa sostenibile

Le PMI verso la sostenibilità

Le Piccole e Medie Imprese (PMI) sono gli attori chiave nel contesto economico italiano ed assumono inevitabilmente un ruolo cruciale nella transizione verso modelli socioeconomici sostenibili, in coerenza con l’Agenda 2030 ONU e con gli obiettivi del Green Deal. 

In base ai dati raccolti dall’indagine condotta dal Forum per la Finanza Sostenibile “PMI italiane e transizione ecologica: profili ESG e finanza sostenibile“, si evince una graduale crescita tra le PMI della consapevolezza in merito alla necessità di intraprendere un processo di transizione ecologica. Sono in particolare gli stakeholder a fare pressioni per includere gli aspetti ambientali, sociali e di governance (ESG) nelle strategie aziendali, certi di un ritorno di benefici in termini di reputazione e riduzione dei costi.

L’imprenditoria italiana ha dimostrato una straordinaria forza e tenacia nell’affrontare le difficoltà. Caratterizzata dalla capacità di adottare nuove soluzioni e approcci per affrontare in modo proattivo le sfide del presente e del futuro, molte aziende hanno accelerato i processi di innovazione e trasformazione digitale, abbracciando le nuove tecnologie per migliorare l’efficienza e la competitività.
Queste imprese sono un esempio di resilienza e di capacità di trovare soluzioni efficaci a vantaggio della collettività, nonostante le emergenze e le crisi che hanno messo a dura prova l’economia, la società e le persone.

Imprese sostenibili che fino business
Foto di Rosy da Pixabay

Il rischio transizione e le opportunità per le PMI

Le PMI percepiscono che gli interventi necessari per raggiungere un livello migliore di sostenibilità sono ostacolati da maggiori costi operativi, una gestione burocratica più complessa e una carenza di competenze specifiche. Ciò rallenta anche la valutazione dei rischi ambientali e l’implementazione di misure di adattamento. La mancanza di tempo, nonostante l’urgenza delle questioni ambientali, è indicata paradossalmente come uno dei principali ostacoli. 

Nel breve periodo, la transizione ecologica può dunque comportare per le aziende, una esposizione al cosiddetto “rischio di transizione“. Fattori come una tassazione più alta sulle emissioni clima-alteranti, la necessità di investimenti significativi per adeguare gli impianti a modelli più efficienti, innovazioni tecnologiche e modifiche delle preferenze dei consumatori: tutti elementi in grado di incidere negativamente sulla quota di mercato raggiunta o raggiungibile.

Si aggiunge infine una scarsa consapevolezza delle normative legate ai temi ESG, che portano a sottovalutare le opportunità di sviluppo aziendale che possono derivarne. Tenuto presente comunque le micro e le piccole imprese sono al momento quelle meno coinvolte in obblighi normativi specifici per intraprendere un percorso di sostenibilità.

Un sostegno concreto per le PMI dalle AAPP

Il 4 luglio 2023 è stata presentata al CNEL la Relazione 2022 al Parlamento e al Governo “Sui livelli e la qualità dei servizi offerti dalle Pubbliche Amministrazioni centrali e locali alle imprese e ai cittadini”.

Il report dimostra come, in un contesto complesso caratterizzato dalla combinazione di diversi eventi, l’economia italiana, la sua struttura sociale e le istituzioni pubbliche hanno dimostrato una notevole resilienza.

aziende sostenibili rappresentate da lampadine con progetti green
Foto di Rosy da Pixabay

Il supporto offerto dal Next Generation EU, tradotto su piano nazionale dal PNRR, si caratterizza per una dotazione finanziaria inedita e un insieme di interventi concreti che potrebbero consentire al sistema Paese un salto enorme in termini di modernizzazione e di accrescimento della capacità economica e sociale. 

Il report sostiene che la buona amministrazione sia la conditio sine qua non per un’attuazione del PNRR efficace e coerente con le sue tempistiche e implementare il programma di riforme e investimenti delineato nel prossimo quinquennio. 

Un premio per l’impresa sostenibile lavora per la consapevolezza

É dunque necessario aumentare le iniziative di informazione e supporto rivolte alle PMI, nonché valorizzare i partenariati pubblico-privato, al fine di diffondere una maggiore consapevolezza sulle opportunità finanziarie che supportano la transizione ecologica.

In questa direzione, il Premio “Impresa sostenibile” intende raccogliere, raccontare e valorizzare i nuovi percorsi di un Paese che sa cogliere le opportunità della transizione ecologica, nuove storie di imprenditoria resiliente, con persone che nonostante difficoltà inaspettate e imprevedibili hanno trovato soluzioni allo stesso tempo efficaci e a vantaggio della collettività. Percorsi virtuosi che fungano anche da stimolo e ispirazione per il rilancio dell’intero sistema socioeconomico.

PIù POPOLARI

La protezione del clima è un diritto umano, la prima sentenza che lo stabilisce

L'Associazione delle Donne Senior Svizzere per la Protezione del Clima ha ottenuto una storica vittoria presso la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo. La Corte...
Giornata Mondiale della Terra 2024: Pianeta versus plastica?

Giornata Mondiale della Terra 2024: pianeta versus plastica?

Il 22 aprile di ogni anno il mondo celebra la Giornata Mondiale della Terra. L’Earth Day nasce il 22 aprile 1970 con l’obiettivo di...

plastiKO

La questione della plastica emerge come uno dei simboli più palpabili e diffusi della nostra crisi ambientale. Questa serie è un viaggio attraverso i danni che abbiamo causato, ma è anche un inno alle possibilità di rinnovamento e riparazione che stanno emergendo in questo campo.
rifiuti plastica

20mila Tour Eiffel fatte di plastica

C'è una data che rappresenterà nel 2024 il giorno in cui potremmo dire che il mondo ha raggiunto la sua capacità massima di gestione...
RAEECycling innovazione e sostenibilità

Innovazione + sostenibilità = RAEECycling

Greenvincible brevetta RAEECycling, un modello di riciclo dei RAEE a basso impatto ambientale e di grande efficienza economica.