Rivoluzionare la gestione della filiera con l’Intelligenza Artificiale

Wenda utilizza tecnologie all’avanguardia per rendere più efficienti e sostenibili i processi che governano nelle aziende le attività di logistica e la catena di approvvigionamento

Immaginate un’azienda di consegna a domicilio di cibo fresco, come le diverse che oramai operano nelle nostre città. Vi siete mai chiesti come fanno a evitare gli sprechi e ridurre le giacenze? E ottimizzare la gestione del magazzino e le consegne, in modo da velocizzarle e renderle meno inquinanti attraverso itinerari di viaggio intelligenti?

La tecnologia è oggi alla base di questi processi, nel campo di ciò che viene definito SCM, o Supply Chain Management. Un settore che comprende la logistica e a volte anche la catena di approvvigionamento a monte della produzione: il caso citato in precedenza, per esempio, riguarda la gestione dei conferimenti dei prodotti agricoli fatta dagli agricoltori.

Grandi passi avanti vengono fatti in questo ambito, a tutto vantaggio della sostenibilità, e l’automazione e l’intelligenza artificiale stanno diventando i pilastri su cui si basano un numero sempre maggiore di soluzioni. In questo contesto, tra le realtà italiane più interessanti c’è Wenda, una delle startup selezionate dall’edizione 2023 di MCE 4×4 – Incroci e transizioni, iniziativa per la mobilità sostenibile promossa da Assolombarda e dalla Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi,

Il Dipartimento di Agraria dell’Università di Bologna è il luogo in cui si incontrano Antonio Catapano e Mattia Nanetti e dove nasce l’intuizione di Wenda, che i due fondano formalmente cinque anni dopo, nel 2019: il loro obiettivo è dare risposta a un problema: superare la frammentazione dei dati nel settore della Supply Chain e della Logistica, semplificando la raccolta dei dati in entrata e la loro condivisione intelligente, in modo da migliorare in termini di efficienza e sostenibilità economia e ambientale tali processi.

fotografia dei fondatori Antonio Catapano e Mattia Nanetti
I fondatori Antonio Catapano e Mattia Nanetti

Dopo essere partita studiando il settore IoT per la tracciabilità del vino e avere rilevato alcune criticità nei trattamenti logistici di altri tipi di beni, la startup si concentra nello sviluppo di una soluzione adatta a molteplici settori, concentrandosi sullo sviluppo di funzioni collaborative e analitiche predittive.
Per automatizzare le attività di inserimento e condivisione dei dati, l’azienda ha messo a punto una tecnologia proprietaria di intelligenza artificiale, che rappresenta il cuore della sua soluzione. Uno dei problemi della logistica tradizionale è l’ampia varietà di documenti non strutturati, immagini, e-mail, testi che vengono scambiati nei processi: la soluzione di Wenda riesce a identificare e classificare efficacemente tutta questa tipologia di dati trasformandoli in informazioni strutturate. Quindi in informazioni utili per rendere il processo stesso più snello ed efficace.
Ciò significa anche che il personale viene sgravato da quei compiti più ripetitivi e laboriosi, potendosi concentrare su azioni a più alto valore aggiunto: il che implica un miglioramento della produttività personale e importanti riduzioni nei costi operativi e di inventario.

Gestire dati strutturati per superare ogni criticità

L’intelligenza artificiale di Wenda estrae quindi dati e informazioni strutturate, che possono essere facilmente integrate nella piattaforma stessa di Wenda o in altri sistemi di terze parti. Questo assicura una flessibilità e una significativa collaborazione tra le diverse parti della supply chain, migliorando l’efficienza e la comunicazione.
Grazie agli algoritmi che ha sviluppato, Wenda estrae i dati in modo efficace da tutti quei documenti come polizze di carico, CMR/DDT, quotazioni spot e molto altro. La precisione raggiunta dalla sua tecnologia permette di offrire una visibilità completa dell’intera catena: la conoscenza delle operazioni in tempo reale consente una pianificazione più precisa e decisioni informate, riducendo i costi operativi e i rischi, migliorando altresì l’efficienza.

fotografia dello schema della piattaforma cloud per automatizzare le operazioni della supply chain
Le funzionalità della piattaforma cloud di Wenda per automatizzare le operazioni della supply chain

La flessibilità della piattaforma è confermata dalle molteplici referenze che la startup propone sulla pagina dedicata del proprio sito: si va dalle soluzioni di tracciabilità e accessibilità avanzate della filiera, con il monitoraggio delle temperature per garantire la continuità della catena del freddo, fino a progetti complessi, che arrivano a coinvolgere decine di fornitori globali e vari stabilimenti distribuiti in Europa. Wenda permette a più interlocutori di lavorare sullo stesso insieme di dati e assicura la conformità ai vari dipartimenti; le vendite risparmiano tempo e le nuove certificazioni sono rese disponibili molto rapidamente.
L’affidabilità e l’efficienza nella gestione della supply chain migliora ulteriormente la reputazione dei brand, che rafforzano così la loro immagine nei confronti dei clienti.

Wenda è oggi costituita da un gruppo eterogeneo di oltre 25 collaboratori, accomunati dalla stessa passione per l’innovazione e il miglioramento continuo: la cultura aziendale è basata su solidi valori, fra cui integrità, eccellenza, rispetto per la diversità, inclusività. Lo testimoniano anche le persone di 10 nazionalità differenti, il 40% di donne, l’uso efficiente dello smart working.
L’azienda sta collaborando con i principali attori mondiali del settore e sta dimostrando che l’intelligenza artificiale non è solo una tecnologia del futuro, ma anche una realtà tangibile che sta trasformando radicalmente il modo in cui si gestiscono le operazioni logistiche. L’impegno costante a creare una supply chain più sostenibile, risolvendo i problemi critici dell’industria, sta guidando il settore verso un domani più intelligente, più efficiente e più redditizio.

PIù POPOLARI

Fotografia dell'Orchestra Esagramma al Festival In&Aut

Inclusione e autismo: due parole che il lavoro sa unire con grande efficacia

Con una giusta preparazione e il supporto di strumenti appropriati si possono utilizzare le capacità delle persone autistiche in un contesto lavorativo professionale
Europee 2024: l'appello della scienza

Europee 2024: l’appello della scienza

L'articolo riporta l'appello della comunità scientifica ai candidati alle elezioni europee del 2024. E' importante basare le proprie scelte sulle evidenze scientifiche.
forest bathing

Forest bathing e forest therapy, cosa sono e perché sono differenti

Cos’è il forest bathing? Forest bathing è la traduzione inglese del termine giapponese 'shinrin-yoku'. In italiano il termine inglese è molto utilizzato, ma a volte...
impatto ambientale guerra in Ucraina

L’impatto ambientale della guerra

Ogni guerra provoca danni all’uomo e all’ambiente. Parlare dell’impatto ambientale di una guerra non è facile, pensando alle persone che hanno perso la vita,...
granchio blu

Facciamo chiarezza sul granchio blu

In Italia, tra piante e animali sono oltre 3.000 le specie aliene identificate: si tratta di specie viventi invasive e non autoctone che, grazie...