Cantine ‘benefit’: Cielo e Terra, tra innovazione e sostenibilità

Siamo all’inizio del secolo scorso, nel 1908, quando Giovanni Cielo acquista un piccolo podere con vigneto nelle campagne di Vicenza, vicino ai Castelli di Giulietta e Romeo: la passione per la vinificazione è tramandata al figlio Pietro, che conduce l’azienda con dedizione e impegno sociale. Negli anni ’60 il timone passa alla terza generazione, con Giovanni, Renzo e Piergiorgio, che costruiscono una nuova cantina a Montorso Vicentino, portandola a una significativa espansione a livello nazionale.
Oggi siamo alla quarta generazione, guidata dai cugini Luca e Pierpaolo Cielo, affiancati dai vignaioli delle Cantine dei Colli Berici: queste cantine sono state fondate nel 1951 come cooperativa, riunendo viticoltori locali e rappresentandone attualmente ben più di un migliaio. Nel 1999 viene formalizzata questa collaborazione attraverso la nuova ragione sociale Cielo e Terra, che si pone l’obiettivo di creare una catena del valore più sostenibile ed equa. Il Direttore Generale Luca Cielo sottolinea proprio questo aspetto: “è un accordo che nasce dalla volontà di creare una filiera con la Cooperativa, che è il nostro maggiore fornitore di prodotto”.

Fare business con un impatto positivo

Per la famiglia Cielo è stato naturale vivere il proprio territorio come uno spazio fisico da valorizzare, da preservare e da coltivare responsabilmente: che si traduce in valori come la trasparenza, la promozione dello sviluppo professionale e del benessere dei lavoratori, oltre a un orientamento verso un’economia a zero emissioni di gas serra. Le 80 persone che lavorano nella cantina possono beneficiare di orari flessibili e di smart working che, nato forzatamente durante la pandemia, si sta rivelando molto efficace.

Cielo e Terra ha ottenuto nel 2020 la certificazione B Corp e nel 2022 si è trasformata in Società Benefit, una delle prime al mondo nel proprio settore: “si tratta di un percorso che nasce da molto lontano, in cui ad esempio la sostenibilità è insita nella cultura contadina, dato che da sempre nei campi si ricicla e si recupera tutto”, riprende Luca. “Gli stessi aspetti sociali li abbiamo vissuti con mio nonno Pietro, che aiutava le persone, anche quando è stato sindaco del paese”.

La cantina sostiene infatti da tempo, e con diverse modalità, vari progetti di solidarietà sia locali che in Africa e in America Latina: inoltre, con il marchio Bericanto, fa parte del programma mondiale “1% for the Planet”, che si adopera per un impatto diretto positivo sull’ambiente. Va poi aggiunta l’attenzione verso la formazione e l’inclusione lavorativa, con partnership e collaborazioni importanti, fra cui quelle con l’Università Ca’ Foscari di Venezia.
L’azienda ha poi adottato i principi dell’economia circolare in diversi modi, a partire dal recupero del supporto siliconato delle etichette che, come i cartoni e i tappi, derivano da materiali certificati FSC (Forest Stewardship Council) ovvero da foreste gestite responsabilmente. A questo si aggiungono bottiglie più leggere, energia prodotta totalmente da fonti rinnovabili, per un consumo ridotto di acqua e della stessa energia elettrica.

Tutto ciò si può riassumere in una parola, che ha segnato un importante passaggio verso l’attuale successo di Cielo e Terra: “kaizen”.

Una strategia “rivoluzionaria” per crescere responsabilmente

Nel 2006 siamo stati la prima cantina italiana ad applicare questa metodologia, che Toyota ha iniziato ad utilizzare negli anni ’50”, ricorda Luca Cielo: ”si tratta di ottimizzare tutte le risorse produttive e di ridurre gli sprechi, con il coinvolgimento delle persone, nella costante tensione verso un miglioramento continuo”. I numeri parlano chiaro, in pochi anni Cielo e Terra ha aumentato la propria efficienza produttiva, riducendo i tempi di produzione di oltre il 30%. Questo ha permesso di raddoppiare la capacità di produzione in breve tempo, potendo soddisfare la crescente richiesta soprattutto dei mercati esteri.

“Applicare il metodo Kaizen – Lean Management ci porta quasi di conseguenza a una sostenibilità economica, ambientale e sociale”, conclude Luca: “anche per questa ragione da qualche anno noi rilasciamo un bilancio integrato che non riguarda soltanto i dati finanziari”.

Cielo e Terra ha venduto nel 2022 oltre 35 milioni di bottiglie, ottenendo 59 fra premi e riconoscimenti a testimonianza di una qualità che è avvalorata dal 99,5% di soddisfazione dei clienti. La continua attenzione ai propri dipendenti si è tradotta in varie iniziative di sviluppo personale, con una formazione capillare nel corso dell’anno (68 ore/persona): ne è derivata una soddisfazione interna molto alta (85%). Negli ultimi 5 anni sono stati recuperati 43.000 m3 di acqua di processo, ridotto del 27% il consumo di acqua per bottiglia rispetto al 2020 e oggi il 100% dei rifiuti è recuperato, per cui non viene smaltito più nulla in discarica. Infine, nel 2023 il punteggio certificato B Corp è arrivato a 102,1 (rispetto all’87,3 del 2020).

Cielo e Terra è una dimostrazione lampante di come sia possibile adottare un’efficace strategia ESG per raggiungere ottimi profitti insieme al benessere aziendale e sociale: l’aver saputo creare un clima collaborativo al proprio interno e aver coinvolto i fornitori nelle scelte strategiche è stato cruciale per affrontare le difficoltà e le emergenze di questi ultimi anni. Tutto ciò ha permesso di continuare a soddisfare la clientela, con risultati migliori delle aspettative.

Va infine sottolineato l’aspetto fondamentale per ogni cantina, che ha come mission aziendale la diffusione della cultura del vino: Cielo e Terra lo fa da sempre con prodotti di qualità eccellente.

Cielo e Terra

PIù POPOLARI

La protezione del clima è un diritto umano, la prima sentenza che lo stabilisce

L'Associazione delle Donne Senior Svizzere per la Protezione del Clima ha ottenuto una storica vittoria presso la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo. La Corte...
Giornata Mondiale della Terra 2024: Pianeta versus plastica?

Giornata Mondiale della Terra 2024: pianeta versus plastica?

Il 22 aprile di ogni anno il mondo celebra la Giornata Mondiale della Terra. L’Earth Day nasce il 22 aprile 1970 con l’obiettivo di...

plastiKO

La questione della plastica emerge come uno dei simboli più palpabili e diffusi della nostra crisi ambientale. Questa serie è un viaggio attraverso i danni che abbiamo causato, ma è anche un inno alle possibilità di rinnovamento e riparazione che stanno emergendo in questo campo.
rifiuti plastica

20mila Tour Eiffel fatte di plastica

C'è una data che rappresenterà nel 2024 il giorno in cui potremmo dire che il mondo ha raggiunto la sua capacità massima di gestione...
RAEECycling innovazione e sostenibilità

Innovazione + sostenibilità = RAEECycling

Greenvincible brevetta RAEECycling, un modello di riciclo dei RAEE a basso impatto ambientale e di grande efficienza economica.