Tallin capitale verde d’Europa 2023

La capitale dell’Estonia, Tallinn, è stata dichiarata Capitale verde d’Europa 2023 dalla Commissione Europea e un recente studio la promuove anche a Capitale europea degli animali. Al centro delle strategie della città il benessere di persone e ambiente

La Commissione Europea ha dichiarato Tallinn, Capitale dell’Estonia, Capitale Verde d’Europa per il 2023. Nel 2022 città verde europea era stata la francese Grenoble, mentre l’anno precedente aveva visto eccellere la finlandese Lahti.

Per chi non la conoscesse, Tallinn è una città caratterizzata da un grande porto che si affaccia sul Mar Baltico. È il centro abitato più popoloso e il principale centro commerciale di questo Stato: conta circa 450.000 abitanti per una superficie di 160 chilometri quadrati.

Tallinn è una città antica che vanta un grande patrimonio culturale: per questo nel 2011 è stata riconosciuta Capitale Europea della Cultura. La parte vecchia della città e il porto antico sono stati dichiarati dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità nel 1997.

Nei pressi della città si trovano due laghi: il Lago Ülemiste che fornisce acqua potabile agli abitanti di questo centro, e il Lago Harku. L’area cittadina è attraversata anche dal fiume Pirita che sfocia nel Golfo di Finlandia.

Tra le caratteristiche che rendono questa città Capitale Verde d’Europa ci sono le aree verdi che la circondano e le popolazioni di animali selvatici che fanno di Tallinn un’area ricca di biodiversità.

Il Premio Capitale Verde d’Europa

Il Premio Capitale Verde d’Europa è nato nel 2006. Insieme ad un grande riconoscimento per la città prevede un’ingente somma in denaro da destinare a migliorare i progetti verdi e la transizione ecologica.

Con questo premio si vuole promuovere una cultura green che spazia dall’energia, alle aree verdi, alla salvaguardia della biodiversità. Attraverso pratiche e comportamenti sostenibili, con l’aiuto della tecnologia e dell’innovazione, le città possono diventare più verdi e vivibili.

Nell’assegnare questo importante premio, la Commissione valuta numerosi parametri tra i quali:

• qualità dell’aria

• gestione dei rifiuti

• mitigazione dei cambiamenti climatici

• utilizzo delle risorse naturali

• energia

• biodiversità.

Tra i progetti green di Tallinn troviamo la presenza di un programma preciso con un percorso definito per essere carbon neutral nel 2050 e tagliare le emissioni di carbonio del 40% nel 2030, rispetto ai valori misurati nel 2007.

Tra gli obiettivi green già raggiunti da Tallinn c’è l’importante traguardo del 2013, anno nel quale in città il trasporto pubblico è diventato gratuito.

La mobilità green è parte del progetto che vuole rendere Tallinn una città sostenibile: il prossimo traguardo previsto è quello di fare in modo che ogni cittadino possa raggiungere il centro storico in soli quindici minuti.

Il progetto Tallinn 2035

Il Progetto Tallinn 2035 è stato determinante nel raggiungere il traguardo di Capitale Verde d’Europa.

Tallinn si presenta con queste parole ad un suo futuro cittadino del 2035:

“Davanti a te c’è Tallinn nel 2035, una città vivace, vivibile e verde che ha osato trasformarsi un un luogo ecologico e creativo incentrato sulle persone. Ha osato, perché tutti noi dobbiamo fare scelte coraggiose. Bisogna avere il coraggio di sognare una città migliore di quella di oggi.”

Questo programma ambizioso chiamato Progetto Tallinn 2035 è suddiviso in sei obiettivi strategici da raggiungere.

Il primo obiettivo prevede spazi urbani a misura d’uomo e di animali, vivibili e accessibili a tutti. Una città piena di piazze e parchi, piccoli caffè e luoghi d’incontro, con aree verdi ricche d’acqua, che insieme alla vicinanza del mare fanno di Tallinn una città immersa nella natura.

Tallin è la Capitale europea con l’aria più pulita e con il minore inquinamento acustico al mondo.

È il cuore dell’economia intelligente e verde d’Europa, con una buona qualità della vita e ottimi collegamenti col resto del continente europeo, una città che ha come secondo obiettivo quello di città globale creativa. Persone creative e felici la renderanno un centro culturale e innovativo: in collaborazione con Helsinki, Tallinn sostiene startup che portano in città nuovi modelli di business e di imprenditoria.

La buona salute delle persone è un altro obiettivo del progetto Tallinn 2035.

Trascorrere del tempo all’aperto, fare attività fisica, camminare, utilizzare i mezzi di trasporto pubblici: la mobilità green è favorita dalla possibilità di avere uno scambio tra diversi mezzi di trasporto ecologici e smart.

Ogni cittadino è coinvolto e guidato verso stili di vita rispettosi dell’ambiente e del prossimo, con uno sguardo alle generazioni future che devono poter disporre di risorse naturali e vivere in un mondo sano. Tallinn si adatterà ai cambiamenti climatici, riducendo le emissioni di gas serra fino ad arrivare alla neutralità climatica, avendo a disposizione aria e acqua pulite e il grande valore della biodiversità.

Una comunità premurosa e amichevole nella quale i cittadini conoscono i principi dell’economia circolare e cambiano di conseguenza il loro stile di vita.

Collaborare, stare bene insieme, rende la città più sicura, abbassa gli episodi di violenza e criminalità. Le comunità creano una coesione sociale e aiutano tutti coloro che ne fanno parte.

Ultimo punto riguarda la casa che offre protezione e sicurezza. I cittadini vivono all’aria aperta e ogni famiglia ha una casa adatta alle proprie caratteristiche ed esigenze. Bambini e anziani e persone con disabilità trovano abitazioni adatte a loro e possono vivere una vita felice e indipendente. Ogni casa è ben collegata al centro e ai servizi e prevede aree verdi circostanti. Comunità sono anche le cooperative energetiche che la città di Tallinn vuole implementare per il 2035.

Tallinn, città degli animali

Tallinn è Capitale Verde d’Europa per l’anno 2023. Proprio mentre la città si preparava a festeggiare questo importante traguardo, uno studio scientifico la mette nuovamente sul gradino più alto del podio.

Una città imponente, con oltre 400.000 abitanti, che è riuscita a mantenere grandi spazi esterni ricchi di biodiversità animale. La città di Tallinn in Estonia è stata dichiarata esempio unico in Europa per la presenza di fauna selvatica nel territorio attorno al centro abitato.

Numerosi animali fanno parte della sua fauna selvatica: volpi, cervi, alci, linci, castori, orsi. Lo studio è stato realizzato da Elusloodus, ha coinvolto un gruppo di ricerca dei dipartimenti di ingegneria e scienze naturali che hanno condotto una ricerca sperimentale sul campo. Per cinque anni hanno monitorato le venti principali aree verdi del Paese per raccogliere dati sulla presenza di Mammiferi.

Nel territorio della città di Tallinn i ricercatori hanno contato oltre 1.500 Mammiferi appartenenti a venti specie diverse. Da notare, secondo la ricerca, la presenza di popolazioni permanenti o di passaggio di:

• oltre 30 alci e più di 350 caprioli,

• 250 lepri europee e 50 lepri di montagna,

• tassi e lontre eurasiatiche

• 200 volpi.

I caprioli e i ricci sono i mammiferi che si sono adattati meglio nell’area di Tallinn.

Questo studio ha messo in evidenza numerose specie animali che hanno fatto di Tallinn anche la capitale europea degli animali. Così come è stata registrata la loro presenza, possiamo notare anche le assenze: all’appello mancano diversi animali che non sono presenti stabilmente nel territorio come l’ermellino, la faina, il cervo e i lupi grigi.

PIù POPOLARI

Fotografia dell'Orchestra Esagramma al Festival In&Aut

Inclusione e autismo: due parole che il lavoro sa unire con grande efficacia

Con una giusta preparazione e il supporto di strumenti appropriati si possono utilizzare le capacità delle persone autistiche in un contesto lavorativo professionale
Europee 2024: l'appello della scienza

Europee 2024: l’appello della scienza

L'articolo riporta l'appello della comunità scientifica ai candidati alle elezioni europee del 2024. E' importante basare le proprie scelte sulle evidenze scientifiche.
forest bathing

Forest bathing e forest therapy, cosa sono e perché sono differenti

Cos’è il forest bathing? Forest bathing è la traduzione inglese del termine giapponese 'shinrin-yoku'. In italiano il termine inglese è molto utilizzato, ma a volte...
ddl zan

Ddl Zan bocciato al Senato. Cosa voleva e perché non è passato

Non è legge il Ddl Zan e non è legge per 23 voti. Voti mancati al centrosinistra per far approvare la legge che porta...
impatto ambientale guerra in Ucraina

L’impatto ambientale della guerra

Ogni guerra provoca danni all’uomo e all’ambiente. Parlare dell’impatto ambientale di una guerra non è facile, pensando alle persone che hanno perso la vita,...