‘Too Good To Go’ l’app contro lo spreco alimentare

Mangiare bene, spendendo poco e riducendo lo spreco

L’app ‘Too good to go’, traducibile in ‘troppo buono per andare buttato’, ha oramai quattro anni, è nata a Copenhagen, e continua senza perdere un colpo nel suo successo, migliorandosi continuamente. Oggi contribuisce a evitare lo spreco di 150mila pasti al giorno, grazie alla presenza in 15 Paesi.

Il suo obiettivo è infatti quello di contribuire a ridurre drasticamente lo spreco alimentare (1/3 del cibo oggi prodotto va buttato) e sembra proprio che ci stia riuscendo.

Se ancora non la conosci è il momento di farlo, perché il suo unico limite è la diffusione capillare anche in piccoli centri e questo obiettivo può essere raggiunto proprio grazie alla crescita di utenti e di commercianti aderenti (magari sei uno di questi?)

Come funziona Too Good To Go?

Come utente grazie all’app Too Good To Go puoi acquistare una magic box con l’invenduto del giorno: un pranzo, la cena o uno snack a partire da soli 2€, scegliendo tra ristoranti, forni, bar, pasticcerie, supermercati, hotel…

1. Trova quello che vuoi mangiare ed effettua il tuo ordine tramite l’app
2. Vai a ritirare la tua magic box nella fascia oraria specificata e scopri cosa c’è dentro
3. Buon appetito! E datti una pacca sulla spalla, hai appena contribuito a ridurre gli sprechi alimentari.

  • Categoria: Mangiare e bere / Cibo e bevande
  • Età: 4+
  • Gratuita
  • Recensione store: 4,9
  • Lingua: Italiano, Inglese, Tedesco, Basco, Catalano, Danese, Francese, Galiziano, Norvegese …
  • Disponibile per Google Play e Apple Store

Too Good To Go è una startup fondata da donne ed una B Corp certificata.

Ti potrebbero interessare

Più Popolari

imprenditrici top

La mappa delle imprenditrici innovative top nel mondo

Spesso si dice che per ridurre la disparità di genere sia necessario anche spronare le donne a osare di più e che possa essere...

Fare il meglio con quello che si ha, la svolta green parte dai piccoli...

Una rivoluzione green. È la promessa con la quale si appresta a iniziare il 2021: maggiore attenzione non soltanto all’ambiente in sé ma soprattutto...
Riccardo Pozzoli

Riccardo Pozzoli, soldi e successo non sono abbastanza

Ci tre cose che mi hanno colpito di Riccardo Pozzoli: l’intraprendenza, la capacità di comunicare (on e offline), la sua elegante semplicità. Semplicità che probabilmente...
auto privata

Auto privata, ha ancora senso?

Il 14 Gennaio 2020 la più grande società di investimenti al mondo, Black Rock, annunciava di voler mettere la sostenibilità al centro delle proprie...

Giorgio Vacchiano, il cambiamento climatico è un problema sociale, non ambientale

“La parola scienziato mi impressionava da bambino, invece ora mi ritrovo ad usarla per descrivermi” - così Giorgio Vacchiano rompe il ghiaccio mentre gli...